X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Cinema e pittura, la parola alle immagini da Dreyer a Quentin Tarantino

08/02/2016 07:00
Cinema pittura la parola alle immagini da Dreyer Quentin Tarantino

Il cinema ha spesso attinto alle immagini della pittura: da Carl Theodor Dreyer a Stanley Kubrick, da Quentin Tarantino a Alejandro González Iñárritu.

Molti registi come esempio per le loro inquadrature scelgono di usare dei quadri: le parole inquadratura e quadro derivano dalla stessa, 'quattro', ossia i quattro lati di cui sono composti.

Esempi lampanti sono le immagini del protagonista di “Mamma Roma” di Pasolini e “Il Cristo morto” di Mantegna, il bacio dei protagonisti di “Senso” di Luchino Visconti e “Il bacio” di Hayez.

In questo caso i registi che non hanno affermato in maniera esplicita di avere emulato il quadro ma lasciano allo spettatore la possibilità di cogliere la somiglianza. Le linee sono identiche, i colori, la disposizione delle figure.

Ejzenstejn in “Que viva Mexico” usa uno scheletro ripreso dai disegni di Guadalupe Posada, Carl Theodor Dreyer nella scena spettrale degli inquisitori in “Dies Irae” riprende “Il dottor Nicolaes Tulp dimostra l'anatomia del braccio” di Rembrandt.

Ancora Pasolini che nella scena in cui si depone Cristo ne “La ricotta” riprende “La deposizione” di Pontormo, Renato Castellani per il volto di Giulietta in “Giulietta e Romeo” riprende “l’Annunciazione" di Leonardo Da Vinci. I due maestri del cinema italiano degli anni ‘60, Federico Fellini e Michelangelo Antonioni  oscillano dalla classicità alla contemporaneità. “La Gioconda” di Leonardo è emulata per la postura da Claudia Cardinale in “8 1/2” di Fellini. Piet Mondrian con i quadri de “Die ideale Wirklichkeit” ispira “Deserto rosso” di Antonioni.

Addirittura la Walt Disney non è immune da queste raffigurazioni: la fuga di Biancaneve nella foresta in “Biancaneve” di David Hand riprende “La foresta dantesca” di Doré. In Giappone, Oshima e Kurosawa riprendono le stampe giapponesi. “La ragazza con l'orecchino di perla”, film di Peter Webber è un caso dichiarato di imitazione del quadro di Vermeer.

Oltre che un gusto citazionistico ce n’è uno formale, esplicitato dalla capacità di far restare lo spettatore i uno stato immobilità emotiva. Un caso è Stanley Kubrick: lui stesso ha ammesso che prima di girare un film si lascia condizionare dalla pittura. Barry Lyndon nell'omonimo film è ripreso nei costumi da un quadro di Joshua Reynolds, Lady Barry Lyndon da “Lady Gheffiield” di Thomas Gainsborough.

Il viaggio verso l'infinito in “2001 Odissea nello spazio” riprende la Optical-Art; in “Arancia meccanica” le donne trasformate in sedie del Korowa Milk Bar sono identiche alle sculture di Henry Moore, il fallo di gesso è uguale al “Princess” di Constantin Brâncuși.

In “Shining” gli esterni e interni dell'Overlook Hotel sono identici alle architetture di Lloyd Wright. In “Eyes wide shut” i colori a contrasto riprendono la pop-art, le maschere nella scena dell'orgia e sul letto di Nicole Kidman emulano quelle macabre nei quadri del belga James Ensor.

Kubrick è il caso estremo di citazionismo, a scopo di resa iconografica. I quadri presenti in “Eyes wid shut” sono della moglie di Kubrick, forse la scelta meno felice.

 

L'unico caso di donna del cinema che ha ispirato un quadro è Marilyn Monroe, che ha ispirato Andy Warhol dipingendola più volte, come Elizabeth Taylor.

Più recentemente alcuni film che hanno bisogno di creare un impatto emotivo notevole, essendo carenti di effetti speciali si rifanno alla pittrua. Alcune scene della “Passione di Cristo” di Mel Gibson sono riprese da Caravaggio.

Quentin Tarantino in scene di “Pulp Fiction” attinge dalla pittura contemporanea americana, come “Nighthawks” (“I nottambuli”) di Edward Hopper. Registi con una forte carica espressiva cercano di far parlare l'immagine senza l'aiuto dei dialoghi dei personaggi. In Pulp Fiction l'artificiosità della vita quasi da Cartoon, in Gibson la degradazione del corpo.

Alejandro González Iñárritu in “Birdman” assume come ispirazione “L'uomo con la bombetta” (1964) di René Magritte, per la scena del volatile che incede sul capo dell’uomo.

Tarantino in “The Hateful Height” riprende in maniera spiazzante Claude Monet di “La charrette. Route sous la neige à Honfleur”, in paesaggi nevosi.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Kill Bill Volume 3: Quentin Tarantino farà un altro film su Beatrix Kiddo?

davudUn progetto annunciato. Proprio lo scorso anno Quentin Tarantino aveva annunciato a “Variety” di avere l’intenzione di girare “Kill Bill Volume 3”, in quello che sarebbe il primo sequel della sua carriera. Sembrava inoltre che fosse pronto anche un abbozzo di trama, incentrato sulla figlia di Vernita Green, Nikki,...

 

Don't move: la mostra fotografica su registi e attori presso la Fondation Fellini

Sta ottendendo notevole  successo in queste settimane la mostra “Don't move! Portrait de cinéma de Patrick Swirc”, che si tiene presso la Maison du diable, Cinéma & culture visuelle di Sion, in Svizzera. Si tratta di ritratti che il fotografo ha realizzato ai personaggi del cinema di ieri e di oggi, tra cui Clint...

 

Festival di Venezia 2016, quinto giorno: Mel Gibson e il racconto di una storica eroicità

Mauxa è presente alla 73. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica, in programma al Lido di Venezia dal 31 agosto al 10 settembre 2016. Nel quinto giorno della kermesse è stato presentato "Hacksaw Ridge", nella sezione Fuori Concorso. Abbiamo partecipato alla conferenza stampa di presentazione del film biografico diretto da Mel G...

 

Venezia 73, recensione film Hacksaw Ridge: la storia di un eroe comune

Hacksaw Ridge narra la storia di un uomo, Desmond Doss che entrò nell'esercito americano da obiettore di coscienza e ne uscì da eroe. La vera storia di un uomo comune che ha compiuto un gesto straordinario salvando la vita di settantacinque compagni nella sanguinosa battaglia di Okinawa. Desmond Doss (Andrew Garfield) vuole essere un...

 

La passione di Cristo 2, Mel Gibson è pronto per l'eventuale sequel del film su Gesù?

La passione di Cristo 2. Lo scorso 6 giugno lo sceneggiatore candidato al premio Oscar per “Braveheart” Randall Wallace ha dichiarato a Hollywood Reporter l’intenzione sua e di Mel Gibson di realizzare un sequel de “La passione di Cristo”, questa volta incentrato sui fatti accaduti in seguito alla resurrezione. Il prog...

 

Alejandro Inarritu, il regista premio Oscar parla di pubblicità al Lios Creativity di Cannes

Alejandro González Iñárritu, regista Premio Oscar per il film “Birdman” è stato protagonista al Cannes Lions International Festival of Creativity il 23 giugno 2016, evento dedicato alla pubblicità. Iñárritu - che nella carriera ha anche vinto 14 Cannes Lions - ha parlato dell’impor...

 

The Revenant, intervista all'attore Fabrice Adde: 'Inarritu mi ha permesso di recitare d'istinto'

Revenant - Redivivo, il film di Alejandro González Iñárritu vincitore di tre premi Oscar con Leonardo DiCaprio ha nella sua essenza l’adattarsi ad eventi naturali, mostrano personaggi primordiali quasi con un intento documentaristico. Mauxa ha intervistato uno degli attori che collima con questi ruoli. Fabrice Adde inter...

 

The Hateful Eight, la recensione dell'animalesca giustizia western di Quentin Tarantino

The Hateful Eight rappresenta l’ottavo film scritto e diretto da Quentin Tarantino. Con un cast artistico di notevole spessore, tra ci spiccano i nomi di Kurt Russell, Jennifer Jason Leigh e Samuel L. Jackson, il regista dipinge il suo lungometraggio di un’atmosfera western servendosi delle musiche composte da Ennio Morricone. La trama...

 

Recensione film Revenant - Redivivo, Alejandro G. Iñárritu sfida la natura con Leonardo DiCaprio

Revenant - Redivivo (The Revenant) film diretto da Alejandro González Iñárritu, co-sceneggiato con Mark L. Smith, basato in parte sull'omonimo romanzo di Michael Punke. Trama. Sulla frontiera delle ancora incontaminate terre americane, Hugh Glass (Leonardo DiCaprio), leggendario esploratore, è assunto come guida per u...

 

The Hateful Eight, Quentin Tarantino idea uno show itinerante per il nuovo film colossal anni '60

Quentin Tarantino ha iniziato la promozione di “The Hateful Eight”; il suo ottavo film che uscirà nelle sale statunitensi il 25 dicembre 2015, mentre in Italia il 4 febbraio 2016. Anteprima. Alla presentazione di Los Angeles non potevano mancare dettagli sul boicottaggio che la Polizia ha minacciato di effettuare nei confronti d...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni