Intervista alla pianista Lola Astanova

Daily / Musica / Intervista - 28 May 2018 10:00

Lola Astanova è una delle giovani promesse della musica classica.

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Lola Astanova è una pianista di origine russa. Ha suonato per  Andrea Bocelli al Teatro del Silenzio a Lajatico, in provincia di Pisa. Per Byron Janis, al Carnegie Hall Nel 2012 di New York presentata da Donald Trumph, al Lincoln Center.

La sua performance de Sonata al chiaro di Luna con il violoncellista Stjepan Hauser su YouTube in un mese ha raggiunto 4,3 milioni di visualizzazioni. È stata inserita dalla rivista Limelight tra le dieci dieci icone di stile della musica classica, anche grazie agli esclusivi outfit che indossa: Mauxa l’ha intervistata.   


Pianista Lola Astanova

D. Recentemente hai lavorato alla Sonata al chiaro di Luna, di Beethoven. Puoi parlarci di questa esperienza?

Lola Astanova. Questa registrazione e il video è stata la terza esibizione per il mio duetto con Hauser, membro dei 2Cellos. E anche se la collaborazione è recente, il video sta rapidamente diventando uno dei più visti della musica classica con milioni di visualizzazioni, il che dimostra che Beethoven è ancora vivo e rilevante.

D. Com'è nata la tua passione per la musica?

Lola Astanova. Penso che fosse in me prima che io nascessi. Mia madre è un'insegnante di musica, quindi è parte del mio DNA. 

D. Come mai ti piace indossare vestiti di haute couture mentre suoni?

Lola Astanova. Perché sono una donna moderna e mi interessa come appaio sul palco. Scelgo abiti che mi facciano sentire bene e che accompagnino il repertorio che eseguo. I concerti sono eventi pubblici e per me la presentazione è importante così come la performance stessa.


D. Qual è stata la tua esibizione più difficile?

Lola Astanova. Penso che il mio debutto alla Carnegie Hall debba essere citato. Solo la pura pressione di essere sotto i riflettori, esibirsi sul pianoforte di Horowitz davanti al pubblico che riempie a la sala, essere presentato sul palco da Donald Trump e Julie Andrews, e dover essere al meglio in ogni senso della parola, ciò ha reso quella serata difficile, ma incredibile.

D. Hai spaziato dalla musica classica a quella moderna. Hai un autore preferito?

Lola Astanova. Il mio compositore italiano preferito è Giacomo Puccini, e "Tosca" e "La Boheme" sono le opere che amo. Adoro le sue armonie con un tocco di oscurità. Nella mia mente Puccini è "l'italiano Rachmaninoff". Per quanto riguarda i musicisti italiani moderni, ovviamente c’è Andrea Bocelli. Penso che quando tutto sarà stato detto e fatto il suo nome sarà lì con tutti i grandi italiani. 

D. Rachmaninoff è notoriamente un artista complicato da interpretare. Come è stato cimentarsi con le sue opere?

Lola Astanova. Rachmaninoff è in effetti complesso e tecnicamente impegnativo, ma non è l'unica ragione per cui mi piace la sua musica. È uno dei pochi compositori che è riuscito a catturare questa oscura e tumultuosa anima russa nella sua musica, qualcosa che anch'io sento molto fortemente. Ed è questo che ci connette in un modo molto potente.

D. Sei nata a Tashkent, nell’Uzbekistan e ora vivi negli Stati Uniti. Cosa ti manca di più della Russia?

Lola Astanova. Abbiamo tutti ricordi caldi dell'infanzia, e per me è una collezione di piccole cose personali: una passeggiata nel parco con mia mamma, i colori e i profumi del mercato della domenica, la ricreazione con gli amici. Sono queste le cose che conservo.

D. La tua giornata è permeata dalla musica oppure hai lasci spazio a degli hobbies?

Lola Astanova. Quando non viaggio ed eseguo concerti, il mio tipico giorno a casa è ancora pieno di musica. Trascorro la maggior parte del  tempo nel mio studio a lavorare su una nuova musica o provare per le prossime esibizioni. Ma cerco anche di rimanere in forma e di avere una vita sociale, se il tempo lo consente.

D. Qual è il tuo prossimo concerto?

Lola Astanova. Attualmente sto lavorando ad un nuovo programma di performance da solista e una volta completato, il tour sarà annunciato. Nel frattempo, il più grande concerto pubblico in Europa sarà il 24 agosto in Croazia presso l'Arena di Pola al concerto Hauser & Friends. Sarà una grande serata musicale quindi non vedo l'ora che arrivi.

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon