X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Jack Nicholson: ‘C'era una festa 24 ore su 24’ scrive Marc Eliot nella sua biografia dedicata all’attore

23/09/2013 14:52
Jack Nicholson ‘C'era una festa 24 ore su 24’ scrive Marc Eliot nella sua biografia dedicata all’att

Jack Nicholson, una delle icone del cinema mondiale, è la star hollywoodiana che sta spopolando tra i newspaper di tutto il mondo. Prima la notizia shock che l'attore intendeva lasciare il mondo del cinema a causa dei suoi problemi di memoria. Ora è al centro della biografia di Marc Eliot in cui viene descritta la sua vita passata da un eccesso all'altro

Jack Nicholson, una delle icone del cinema mondiale, figlio di una showgirl newyorkese e cresciuto in gran parte dalla nonna in modo che la mamma potesse continuare la sua carriera come hoofer, è la star hollywoodiana che sta spopolando tra i newspaper di tutto il mondo. Settimane fa girava la notizia del suo ritiro dalle scene cinematografiche a causa di problemi di memoria. La notizia aveva provocato lo sconforto di tutti gli amanti del cinema di tutto il mondo.

Ora il magnifico Jack è al centro della biografia di Marc Eliot "Nicholson: A Biography", che uscirà il 29 ottobre ma che "The National Enquirer"  ha già pubblicato alcuni estratti . Stando a quello che riporta lo scrittore Nicholson ha alle spalle una vita in cui a dominare sono stati gli eccessi e la sregolatezza. Il libro sostiene che l'attore, ora 76enne, ha iniziato il suo uso di droga nel 1960 con l'LSD, per poi passare alla cocaina e marijuana e, presumibilmente, iniziò a fumare lo spinello ad un incontro con dei potenziali investitori per il film Easy Rider. Casa di Nicholson era un luogo selvaggio, troppo: "C'era una festa 24 ore su 24", scrive Eliot. "Il frigorifero non conteneva mai cibo. C'era solo il latte (per lo stomaco a volte sensibile di Jack), birra e del ghiaccio in freezer per mantenerlo fresco." Durante una perquisizione a casa dell'attore, nel 1977, la polizia ha trovato poco da segnalare.

"Fortunatamente, il le ampie scorta di Jack di droga erano così ben nascosto in falsi contenitori crema da barba e barattoli simili che la polizia ha non l'ha mai trovata", riporta Eliot. Jack Nicholson mise la testa a posto negli anni '80. Nella biografia Eliot scrive che Nicholson iniziò a limitare i suoi eccessi a seguito della morte di parecchi amici e a causa di vari problemi di salute, comprendendo finalmente che l'uso di droga gli stava mettendo i bastoni tra le ruote anche nella vita professionale.

 

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Jack Nicholson



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Jack Nicholson: si svela in una biografia, da Jack Torrence a Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi e Jack Nicholson: due personalità tanto opposte come lontani sono i continenti in cui vivono, cosa possono avere in comune? Tanto, visto che le loro identità si fonderanno per dare alla luce un film dedicato all'ex premier . I bookmaker di tutto il mondo sono alle prese le quote su chi potrebbe interpretare Berlusco...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni