X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Knight of Cups, recensione del film

11/11/2016 07:30
Knight of Cups recensione del film

Terrence Malick è il regista di Knight of Cups, con Christian Bale, Natalie Portman e Cate Blanchett

Knight of Cups è il film di Terrence Malick distribuito da Adler Entertainment. Ha un cast composto da Christian Bale, Natalie Portman, Cate Blanchett, Brian Dennehy, Antonio Banderas.

La voce fuori campo cara a Malick, già presente nei recenti “The Tree of Life” e “Voyage of Time” è un tratto costante anche di "Knight of Cups". Le immagini non riescono a raccontare da sole l’accaduto. A ciò mette fine un estremo terremoto, per cui il protagonista Rick (bale) si alza dal letto e scopre le conseguenze, con persone in strada, acquedotti rotti, elicotteri che sorvolano la città di Los Angeles. Siamo nel primo capito del film, “La Luna” con un titolo mutuato della carta dei tarocchi, simbolo di libertà.

Ne “l’Appeso” vediamo Rick - sceneggiatore disilluso - insieme al fratello Barry (Wes Bentley) e al padre Joseph (Brian Dennehy). “Figlio mio, sei come me. Non riesci a comprendere la tua esistenza”, afferma la voce fuori campo di Joseph, che perse un figlio e la cui morte grava sui pensieri. Rick incontra il secondo fratello, verso cui nutre un rapporto conflittuale: “All’epoca adoravo mio fratello. Ma lo odiavo anche, perché demoliva qualsiasi cosa cercassi di fare”. Come nei tarocchi, l’appeso è stato messo a testa in giù per tradimento, il che rievoca quello di Rick.

Ne “l’Eremita” lo troviamo playboy, sperimentando amori multipli. Rick incontra Helen (Freida Pinto), altre donne e stringe amicizia con Tonio (Antonio Banderas). Se la lanterna è l’oggetto stretto dall’eremita, anche Rick perde la sua strada.

Ne “Il giudizio” una scettica ex-moglie Nancy (Cate Blanchett) rimpiange la fine della sua storia con Rick. “Rimani, ti voglio”, dice lui, in una villa modernista immersa tra alberi, con architetture che cercano una razionalità non più perseguibile. Non mancano scene in riva al mare, su una strada solcata da aerei. Ed un tempo che passa inesorabile.

In altra ambientazione è “La Torre”, completamente urbana, tra grattacieli e ambizione: Rick incontra di nuovo Hell, “cosa vuoi da me? Che ti faccia un incantesimo”, chiede lei. Sembra punire la sua superbia e presunzione.

Ne “La Papessa” Rick incontra Karen (Teresa Palmer), spogliarellista e ballerina di lap-dance. “Vivi in un piccolo mondo fantasia, non è vero?”, chiede lei. Rick la scorrazza sul carrello della spesa. Sono certamente le scene più suggestive, ambientate nella finta Las Vegas, tra monumenti ellenistici e sontuosi. “Giaccio in questa prigione puzzolente”, commenta una voce, tra una fede persa.

In “La Morte” Elizabeth (Natalie Portman) è una donna con cui Rick ha avuto una relazione in passato. Tra i due s’instaura di nuovo un gioco, lei infila le dita del piede nella bocca: “Voglio andare via con te, sposarti”, proferisce lui, distesi in una nuova villa modernista in riva al mare. Elizabeth rivela di essere stata incinta, ma di non sapere se il foglio fosse di Rick o del marito. Poi Rick è in un paesaggio desertico, con aspre montagne intorno. “Noi dobbiamo solo sopportare i problemi che manda Dio. Considerali un dono” dice un prete, invitando al cambiamento.

Infine in “La Libertà” incontra Isabel (Isabel Lucas), una donna semplice che lo aiuta a trovare una via d'uscita.

È la scenografia la fase più importante de film, dove ogni passaggio di location segna anche un momento psicologico. Malick non riesce a tenere immobili i personaggi in un luogo, né a farli agire in maniera razionale. Il cast stellare incuterebbe soggezione a qualsiasi regista: Bale, Blanchett, Portman hanno registrato la loro voce sia in uno studio tradizionale che in posti come furgoni, lati della strada, a sottolineare la casualità della recitazione rispetto al film. Gli attori spesso erano gettati in una scena mentre gli altri attori non sapevano quale sarebbe stato il personaggio, costringendoli ad improvvisare.

Malick non a caso si è ispirato a testi filosofici o religiosi, come “Il pellegrinaggio del cristiano” di John Bunyan. Gli Atti di Tommaso, apocrifo del Nuovo Testamento che descrive la predicazione dell'apostolo di un cristianesimo ascetico durante un viaggio in India, culminato col il suo martirio. E lo stesso titolo del film corrisponde al "Cavaliere di Coppe", messaggero di buone speranze.

Il medesimo vagare è quello dei personaggi di “Knight of Cups”, dalla spiaggia ai grattacieli, dal deserto ai finti monumenti di Las Vegas. Un motivo per vedere il film è quello di guadare, più che ascoltare: Malick vuole confrontarsi con i blockbuster di Hollywood permeati di azione ed effetti speciali, lottando con l’arma dell’immaginazione. Così i paesaggi di Malick bastano ad un pubblico adepto, non a quello commerciale.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Knight of Cups

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Gus Van Sant, il nuovo film è 'Don't Worry'

Gus Van Sant è al lavoro al nuovo film, dal titolo “Don't Worry, He Won't Get Far on Foot”. La vicenda ruota attorno a John Callahan (Joaquin Phoenix), che a 21 anni dopo un incidente d’auto resta paralizzato. Il giovane però non demorde, e comincia dipingere come forma di terapia. Nel cast ci sono anche Jonah Hill...

 

Eva contro Eva, il film sull'apparente disponibilità con Bette Davis

Eva contro Eva è il film di Joseph L. Mankiewicz che usciva nelle sale statunitensi in questo periodo, nel 1950. Alla consegna annuale del premio Sarah Siddons Society ci sono vari drammaturghi, tra cui Addison DeWitt (George Sanders), Lloyd Richards (Hugh Marlowe) e la moglie, assieme e personaggi dello spettacolo tra cui la famosa attrice...

 

Movies Anywhere, la nuova App che centralizza i film

Movies Anywhere è lanciato oggi negli Stati Uniti con cinque studios che forniranno i contenuti. Si tratta di Sony Pictures Entertainment, The Walt Disney Studios (che comprendono Disney, Pixar, Marvel Studios e Lucasfilm), Twentieth Century Fox Film, Universal Pictures e Warner Bros. Entertainment. L’obbiettivo è fornire un'e...

 

Recensione del film Barracuda, la tensione familiare apprezzata dalla critica

Barracuda è il film di Julie Halperin e Jason Cortlund, uscito nelle sale statunitensi in questi giorni e che ha ottenuto un ottimo successo di critica. I primi minuti, con una barca su un lago dorato, un saluto sulla tomba di un uomo dove si versa del whisky si svolgono in silenzio. Quello di cui molti film avrebbero bisogno per essere app...

 

'L'arte deve far riflettere': intervista ad Ori Pfeffer protagonista di 'The Testament'

A Venezia abbiamo avuto l’occasione di intervistare Ori Pfeffer, protagonista di “The Testament”, un film intenso in cui il regista e sceneggiatore Amichai Greenberg riflette sui temi dell’identità, della famiglia e dell’importanza della memoria, sia a livello individuale che collettivo. Pfeffer ha interpretato ...

 

Il miracolo della 34ª strada, per i 70 anni del film nuove immagini

Per i settanta anni dell’uscita del film “Il miracolo della 34ª strada” (“Miracle on 34th Street”, 1947) di George Seaton negli Stati Uniti esce in questa settimana un nuovo dvd e blu-ray. Durante la stagione delle vacanze natalizie un gentiluomo colto, panciuto e una barba bianca (Edmund Gwenn) è assunto ...

 

Recensione del film Il palazzo del Viceré

Il palazzo del Viceré (“Viceroy's House”) è il film di Gurinder Chadha con Hugh Bonneville, Gillian Anderson e Manish Dayal. Louis Mountbatten ( Hugh Bonneville ) arriva nella sua residenza a Delhi nel 1947. È Governatore generale, ossia capo dell'amministrazione britannica della nazione, che è da poco uscit...

 

Film più visti della settimana, le novità sono 'Blade Runner 2049' e 'The Mountain Between Us'

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 6 all’8 ottobre 2017 vede il primo posto occupato dalla novità “Blade Runner 2049” (32.753.122 dollari, leggi la recensione): la storia è quella dell'agente K, replicante che dà la caccia ai vecchi umanoidi Nexus ribelli. Al secondo posto...

 

Jake Gyllenhaal, è un padre in difficoltà nel nuovo film 'Wildlife'

Jake Gyllenhal, l’attore che sta attendo critiche entusiaste per il ruolo da protagonista nel film “Stronger”, interpreterà un padre in difficoltà nel nuovo film “Wildlife”. La pellicola è tratta dall’omonimo romanzo di Richard Ford, pubblicato nel 1990 e ristampato nel 2010 dalla Grove Pres...

 

The Florida Project, il film acclamato dalla critica

The Florida Project è il film di Sean Baker, uscito negli Stati Unti questa settimana. Il film è ambientato in un tratto di strada appena fuori da Disney World, a Miami: la bambina di sei anni Moonee (Brooklynn Prince) vive con la madre ribelle Halley (Bria Vinaite). Abitano vicino al "The Magic Castle", un motel economico gestito da...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
pixel sony skin pixel sony skin