X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Tutto può succedere, la nuova serie di Rai 1 descrive la frenesia della quotidianità familiare

23/12/2015 13:30
Tutto può succedere la nuova serie di Rai 1 descrive la frenesia della quotidianità fa

Prodotta da Cattleya con Rai Fiction, "Tutto può succedere" è l'adattamento italiano della nota serie televisiva "Parenthood", sviluppata da Jason Katims.

Rai 1 arricchisce il suo palinsesto con “Tutto può succedere”, adattamento italiano della nota serie televisiva “Parenthood”, sviluppata da Jason Katims e basata sui personaggi creati da Lowell Ganz, Bababloo Mandel e Ron Howard per l’omonimo film del 1989.

Diretta da Lucio Pellegrini e scritta da Filippo Gravino, Guido Iuculano e Michele Pellegrini, la nuova serie di Rai 1 ripropone gli elementi di allegria e modernità che hanno caratterizzato l’originale serie statunitense trasmessa dalla NBC.

La trama ruota attorno alle vicende della famiglia Ferraro, delineando le varie peculiarità caratteriali dei suoi numerosi componenti. Il giardino di una casa poco fuori Roma è scelto come il luogo dove i Ferraro si riuniscono e confrontano.

La costruzione narrativa della serie evoca la frenesia della quotidianità di una famiglia numerosa richiamando situazioni che ben rappresentano la realtà, dal senso di indecisione e paura prima di compiere scelte importanti al bisogno di condividere pensieri e sentimenti. 

Il cast artistico vanta la presenza di volti noti al pubblico televisivo: Pietro Sermonti, Maya Sansa, Ana Caterina Morariu, Alessandro Tiberi, Camilla Filippi, Fabio Ghidoni, Licia Maglietta e Giorgio Colangeli.

La serie prodotta da Cattleya con Rai Fiction debutta domenica 27 dicembre in prima serata su Rai 1. Sul sito Rai.tv è disponibile l’anteprima della prima puntata.

La sigla iniziale di "Tutto può succedere" è stata scritta dai Negramaro insieme al compositore Paolo Buonvino. Il tema musicale della versione originale di "Parenthood" è "Forever Young", storico brano di Bob Dylan. "E’ un piacere che abbiamo voluto concederci per la seconda volta quello di collaborare con Paolo Buonvino straordinario amico e compositore" - ha dichiarato il frontman della band Giuliano Sangiorgi - "e sicuramente è stato un grandissimo onore quello di aver scritto la sigla di una serie tv che nella versione originale ha l’immenso Bob Dylan".

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Luigi Spezzi
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

1993, intervista a Vinicio Marchioni: 'ci sono i buoni, i cattivi e quelli che non sai da che parte stanno'

"1993" ha debuttato sul canale Sky Atlantic il 16 maggio 2017. Secondo capitolo della produzione originale Sky realizzata da Wildside, propone un articolato racconto della cornice storica e sociale dell'Italia del 1993 tramite la narrazione delle vicende di una coralità di personaggi che agiscono in diversi ambiti, dalla pubblicit&agra...

 

Amici, la semifinale con Luca e Paolo e i TheGiornalisti

La nona e penultima puntata della sedicesima edizione di "Amici" va in onda questa sera su Canale 5.  Sono ancora in gara i cantanti Riccardo e Federica e il ballerino Andreas per la squadra blu, il cantante Mike Bird e il ballerino Sebastian per la squadra bianca. Guarda le immagini Il conduttore Gerry Scotti partecipa ...

 

Cagney & Lacey, quando il protagonismo femminile raggiunse l'ambiente poliziesco

La serie “Cagney & Lacey” (Titolo italiano: “New York New York”) ha rivestito un ruolo significativo nel mercato televisivo internazionale e influenzato lo sviluppo del racconto di genere poliziesco grazie al riconoscimento definitivo del protagonismo di personaggi femminili. Prodotta per sei stagioni e trasmessa dal 19...

 

Twin Peaks, dal 26 maggio il detective Cooper torna all'opera

"Twin Peaks" è molto più di una serie tv: per un pubblico abituato alle rassicuranti sit comedy degli anni settanta e ottanta dove l'incubo peggiore era che il barman sbagliasse il cocktail a Magnum P.I., la storia dell'inquietante cittadina del nord ovest degli Stati Uniti partorita dalla mente di David Lynch ebbe l'effetto di un ele...

 

Facciamo che io ero, prima puntata: tra gli ospiti anche Francesco Gabbani

Il programma televisivo "Facciamo che io ero" debutta questa sera su Rai 2 alle 21.20.  Leggi l'articolo di approfondimento Lo show è condotto da Virgina Raffaele, la quale intrattiene il pubblico con le sue molteplici imitazioni concedendo spazio anche ad altre forme di intrattenimento, dal canto alla danza. La trasmissione vanta la ...

 

Solo per amore, intervista a Elisabetta Pellini: 'credo che ci sia un destino per tutti'

La serie televisiva “Solo per amore - Destini incrociati” va in onda su Canale 5 dall'11 maggio 2017. Leggi la trama Abbiamo intervistato l’attrice Elisabetta Pellini, interprete del personaggio di Raffaella Giuliani.  D: Dopo il successo di “Sorelle” ritorni su Canale 5 con un ruolo complesso e appariscen...

 

Unbreakable Kimmy Schmidt, terza stagione: oltre 12 mila 'mi piace' per il trailer ufficiale

La terza stagione di "Unbreakable Kimmy Schmidt" debutta sulla piattaforma streaming Netflix il 19 maggio 2017.  La trama prosegue nel raccontare le vicende di Kimberly "Kimmy" Schmidt (Ellie Kemper), una donna che dopo aver trascorso molti anni in una setta apocalittica si trasferisce a New York per costruirsi una nuova vita. Creata da...

 

Facciamo che io ero, lo show di Virginia Raffaele guarda alla contemporaneità

Il programma televisivo "Facciamo che io ero" si preannuncia un varietà dallo stile moderno in grado di rispondere alle contemporanee esigenze dell'intrattenimento sfruttando un espediente tematico di indubbio coinvolgimento, l'identità. Al centro dello show c'è Virginia Raffaele, artista poliedrica che ha confermato in p...

 

Selfie - Le cose cambiano, seconda puntata: lo share si mantiene stabile

La seconda puntata della seconda edizione di "Selfie - Le cose cambiano", andata in onda ieri sera su Canale 5, ha registrato 2 milioni 640 mila spettatori con il 15% di share. Il nuovo appuntamento con il programma condotto da Simona Ventura, con la partecipazione straordinaria di Belén Rodríguez, ha raccontato nuovi percorsi di cam...

 

I Love Dick, una serie tv sulle debolezze della coppia

“I Love Dick” è disponibile sulla piattaforma streaming Amazon Prime Video dal 12 maggio 2017. Presentata nell'ambito dell'edizione 2017 dell'International Journalism Festival, rappresenta l’adattamento televisivo del celebre libro della scrittrice Chris Kraus. Il racconto affronta il tema della crisi della coppia, da...

 

Da non perdere

Ultime news
Recensioni