X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Io, Daniel Blake: recensione del film essenziale bisogno della dignità dell'uomo

22/10/2016 08:00
Io Daniel Blake recensione del film essenziale bisogno della dignità dell'uomo

Dave Johns è Daniel Blake, il protagonista dell'acclamato film del regista Ken Loach che conquista con una regia priva di orpelli e che guarda, scruta nella dignità dell'essere umano, dignità che riesce a farsi strada grazie alla solidarietà.

Ken Loach dirige Io, Daniel Blake, un film incentrato sulle difficoltà di un individuo nel barcamenarsi in una società che fa di tutto per affondarlo, calpestando la sua dignità. Ma il film Palma d’Oro al Festival di Cannes non ci sta e grida giustizia per tutte le persone che, in situazioni di disagio economico, chiedono aiuto allo Stato, ottenendo tutt'altro.

La trama si poggia sulla figura dell’ormai quasi sessantenne Daniel Blake (Dave Johns), un falegname di professione. Necessitando dell'aiuto dello Stato in una situazione di difficoltà legata ad un precario stato di salute che non gli permette di compiere il suo ordinario dovere di lavoratore, Daniel fa la conoscenza di Katie (Hayley Squires), una giovane madre single che deve badare a due bambini piccoli. Uniti da un comune destino di sofferenza ed abbandono Daniel e Katie vengono lentamente soffocati dal sistema burocratico che caratterizza la società inglese, schiacciati dalla pesante morsa del bipolarismo che vede da una parte i lavoratori e dall’altra gli sfruttatori dei sussidi, senza lasciare spazio a quella fetta intermedia di cittadini che non possono più lavorare.

Ken Loach propone un film che si interessa, discute e mostra i problemi insiti in una società che non concede ai più bisognosi. Io, Daniel Blake si focalizza sull’uomo, sul singolo, espressione della massa, e vuole essere umano ritratto del disagio sociale di quelle persone che si avvalgono dei sussidi statali, venendo discriminate e costrette a vedere la propria esistenza tramutarsi in un paradosso irrisolvibile: si è chiamati a cercare lavoro altrimenti si è sanzionati e si perde il sussidio statale, ma come si fa a rendersi disponibili per lavorare se non si è nelle condizioni per farlo?

Io, Daniel Blake si prefigge come sacro obiettivo quello di dipingere l’essenzialità di cui un uomo ha bisogno per vivere con dignità la sua esistenza, dunque decide di non avvalersi di orpelli di alcun tipo, ma di una regia intensamente scarna, minimalista, essenziale, capace di trafiggere al cuore della società.
Vincitore della Palma d’Oro alla 69° edizione del Festival di Cannes, Io, Daniel Blake narra un dramma esistenziale con gli occhi innocenti dell’ironia e del paradosso, chiavi di lettura che aggiungono un gusto ancora più amaro ad una vicenda vissuta giornalmente da migliaia di persone in una società, quella inglese, dipinta come la patria del dualismo tra lavoratori e sfruttatori dei sussidi, catalogati erroneamente come non dediti al lavoro, invece di essere identificati come non idonei al lavoro e quindi impossibilitati per ragioni che vanno al di là delle loro umane possibilità.

E allora, se la società non offre tempo e spazio per l’accoglienza dei suoi stessi cittadini, essi si fanno forza l’un l’altro, ripiegando con orgoglio sull’unico strumento che rimane loro da sfoderare, la solidarietà. In quella che dovrebbe essere una società fondante sull’unione tra più individui che adempiono ai propri diritti e doveri per il bene comune, quelli che non possono farsi carico dei doveri diventano testimoni dei diritti e, facendo fronte comune contro l’ingiustizia dilagante, trovano un umano rimedio per andare avanti.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Ken Loach



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Intervista a Giovanni Spagnoletti. Il futuro del cinema

Abbiamo intervistato Giovanni Spagnoletti, docente di Storia e critica del Cinema presso l’Università Tor Vergata di Roma, direttore della Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro e autore di svariati saggi e pubblicazioni sul cinema italo-americano contemporaneo, il cinema tedesco e i linguaggi delle nuove cinematografie tra g...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni