X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film In viaggio con Jacqueline

22/03/2017 07:30
Recensione del film In viaggio con Jacqueline

In viaggio con Jacqueline è il film commedia francese di Mohamed Hamidi

In viaggio con Jacqueline (“La vache” e “One Man and His Cow” in inglese) è il film commedia francese di Mohamed Hamidi. Nel cast ci sono Fatsah Bouyahmed, Lambert Wilson, Jamel Debbouze, Christian Ameri.

Fatah è un modesto contadino algerino che non ha mai lasciato la sua campagna. Vive con la mucca Jacqueline, il sogno è portarla alla fiera agricola di Parigi. Quando riceve l’invito di recarsi nella capitale si fa prestare i soldi dagli abitanti del villaggio per realizzare il viaggio, saluta la moglie Naima e le sue due figlie e con la mucca prende la nave per Marsiglia.

Non c’è molto da aggiungere su questa trama, tranne il fatto che dalla Francia arrivano delle commedie spesso esilaranti che poi vengono adattate in remake. “Benvenuti al Sud” (2010) è stato adattato da “Bienvenue chez les Ch’tis" (2008). “Quasi amici” (2011) è divenuto in Argentina “Inseparables” (leggi la recensione). Occorre poi considerare “Alibi.com”, commedia sull’infedeltà amorosa coperta dall’alibi, in queste settimane alle prime posizioni della classifica francese. “Patients”, dove un uomo giunge in un centro di riabilitazione dopo un incidente e socializza con tetraplegici, paraplegici: l’ironia è inserita in contesti drammatici.

E sono sempre gli impedimenti fisici ad essere il motore della trama in “La famiglia Bélier” (2014):  qui l’adolescente Paula cresce in una famiglia con i genitori muti, vuole intraprendere gli studi di canto ma teme di lasciare la fattoria. In “Quasi amici” il ricco Philippe è tetraplegico : il film ha incassato al mondo 426.6 milioni di dollari.

In “In viaggio con Jacqueline” questi impedimenti fisici tendono a protrarsi, come il viaggio prima in nave, poi per terra. E non raggiungono certamente l’ironia de “La famiglia Bélier”, tendendo a diluire una trama molto esile.

Il contadino Fatah finisce in una festa paesana, in cui con un gioco di magia si fa scomparire Jacqueline. Canta “I Will Survive”: l’uscita di Fatah non è solo geografica, dal momento che non si mai sposato dal suo paese, ma anche caratteriale. E quando al suo paese algerino e mussulmano giungono le foto via internet della sue bravate in territorio franco, la reazione di Naima è negativa.

Un ruolo fondamentale lo occupa Philippe (Wilson), incontrato durante il tragitto e che cerca di ricondurre Fatah alla razionalità. È lui che poi lo aiuta a scrivere una lettera per Naima, offesa per le foto “scabrose”. E che lo aiuterà quando finirà in carcere.

Ma in tempi di profluvio di fantascienza, di vicende prossime a Marte, film realizzati con budget da King Kong, sapere che una commedia ha come protagonista una mucca ottenendo un incasso complessivo di 9.2 milioni di dollari fa comprendere che il pubblico cerca anche tematiche ormai desuete, che restano fuori dalla quotidianità cittadina.

Ne “In viaggio con Jacqueline” c’è stata anche attenzione per la scelta della mucca: “non potevo portare la stessa mucca dall’Africa in Francia e viceversa”, ha detto il regista, che si è occupato di problemi inerenti l’interazione razziale. In Marocco si è trovata una vacca di razza Tarentaise, e per le due gemelle francesi si sono provinate 300 mucche, con un periodo di training vicino Fontainebleau.

Di ambientazione simile - e protagoniste - c’è “La vacca e il prigioniero” (1959) di Henri Verneuil; per il road movie recente, “Little Miss Sunshine” e “Una storia vera” di David Lynch. Ma qui emerge sopratutto una semplicità contadina che è raro ritrovare al cinema, e che già da sola - in epoca di esibizionismo social - crea ilarità.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Le celebrità e lo sport: un connubio sempre vincente ad Hollywood

“Mens sana in corpore sano”: una grande verità che viene presa molto sul serio nel mondo di Hollywood, dove il culto del corpo e della (presunta) perfezione psico-fisica regna sovrano. Anche se le apparenze suggerirebbero il contrario, quello delle star è uno stile di vita per certi versi molto stressante, visto che da lor...

 

The Dinner, il film sulle colpe dei figli con Richard Gere e Laura Linney

The Dinner è il film di Oren Moverman con Richard Gere, Laura Linney, Steve Coogan e Rebecca Hall. Paul (Coogan) e sua moglie Claire (Linney), Stan (Gere) - fratello maggiore di Paul - e la consorte Katelyn (Hall) vanno ad un’elegante cena. Durante le portate, dall’aperitivo all’antipasto la scansione temporale segnata dal...

 

Il piacere dell'onestà: il controllo spia su smartphone da Shakespeare alla Corte europea

La possibilità di scoprire cosa affermi un’altra persona in nostra assenza è una delle curiosità insite nell’uomo. Già William Shakespeare in “Otello” (1603) raccontava di come il cinico Jago facesse ingelosire il protagonista: fa portare il fazzoletto della moglie Desdemona sulle mani del presunt...

 

Festival di Cannes, una foto storica con i protagonisti dei decenni

Al Festival di Cannes si è tenuto un photo call particolare, per celebrare i settanta anni dell’evento. Tra i vincitori c’erano Laurent Cantet  (Palma d’Oro nel 2008),  Jerry Schatzberg (Palma d’Oro Nel 1973),  Claude Lelouch  (vincitore del 1966),  Michael Haneke  (Palma d'Oro 2009-2012...

 

Film più visti della settimana, 'Alien: Covenant' e 'Everything, Everything' sono ai primi posti

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 19 al 21 maggio 2017 vede al primo posto la novità “Alien: Covenant” (36.160.621 dollari, leggi la recensione del comic): l'equipaggio di un’astronave scopre un paradiso inesplorato, dove però emerge anche una minaccia da cui fuggire. Al secondo posto sce...

 

Innamorato pazzo, il film commedia con Myrna Loy e William Powell sugli opposti conciliati

Innamorato pazzo (“Love Crazy”, 1941) è il film di Jack Conway con William Powell, Myrna Loy e Gail Patrick. usciva nelle sale statunitensi il 23 maggio del 1941. L’architetto eccentrico Steve Ireland (William Powell) e la moglie Susan (Myrna Loy) al quarto anniversario di matrimonio vorrebbero rivivere la prima notte...

 

Quando non erano famosi: i mestieri delle star agli esordi

Oggi li vediamo sulle riviste patinate, ma i protagonisti delle cronache mondane hanno dovuto percorrere una strada tutta in salita per raggiungere il successo. Dietro i volti distesi e imperturbabili di uomini e donne mature, molto spesso si nascondono ragazzi e ragazze che prima di raggiungere la fama hanno svolto i mestieri più duri e str...

 

Codice Unlocked, 'è tutta una questione di suspense': intervista all'attrice Jessica Boone

Codice Unlocked (Unlocked) è il film nelle sale diretto da Michael Apted. Nel cast ci sono Orlando Bloom, Noomi Rapace, Jessica Boone, John Malkovich e Michael Douglas. La trama s’incentra su Alice Racine (Noomi Rapace), agente della CIA esperta in interrogatori: reperisce informazioni su un imminente attacco a Londra e le riporta ad ...

 

Festival di Cannes 2017: le immagini di Jasmine Trinca e Stefano Accorsi per il film drammatico 'Fortunata'

Nelle immagini che mostriamo ci sono gli interpreti del film “Fortunata”, presentato al Festival di Cannes. La protagonista è Jasmine Trinca, che nelle foto è assieme al regista del film Sergio Castellitto, l’attore Stefano Accorsi e la sceneggiatrice Margaret Mazzantini. La trama è quella di Fortunata (Jasm...

 

King Arthur - Il potere della spada, i libri che hanno ispirato il film di Guy Ritchie

King Arthur - Il potere della spada (“King Arthur: Legend of the Sword") è il film nelle sale diretto da Guy Ritchie con Charlie Hunnam, Àstrid Bergès-Frisbey e Jude Law. La pellicola è liberamente ispirata a “La morte di Artù”, opera scritta da sir Thomas Malory nel XV secolo. Qui compaiono Cam...

 

Da non perdere

Ultime news
Recensioni