X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Pinocchio di Collodi, una trama che insegna a sbagliare per crescere

25/12/2011 08:46
Pinocchio di Collodi una trama che insegna sbagliare per crescere

Dalla versione per iPad all'ebook, dalla serie C’era una volta alla versione horror, la favola di Collodi indica la crescita verso l'età adulta

Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino (1881) di Carlo Collodi (disponibile anche in ebook) ci riporta la fatica dell’uomo nell’emanciparsi dalla propria immobilità, con le difficoltà che si affrontano per sbagliare e poi convertirti.

L’applicazione per iPad è considerata una delle migliori del 2011 (pubblicata anche in Francia); Fox manderà stasera in prima serata il pilot di C’era una volta (Once Upon a Time), serie che in Usa ha ottenuto ottimi successo mescolando varie favole, con Geppetto  e Pinocchio che grazie ad un armadio nato da un albero magico permettono di fuggire dalla maledizione della Regina; a gennaio 2012 uscirà il terzo numero del fumetto horror Pinocchio, Vampire Slayer: Of Wood and Blood; Carlo Ossola l’ha inserito nei Libri d'Italia (1861 - 2011), della Treccani

Pinocchio odia regole imposte: “Vi prometto (…) che da oggi in poi sarò buono – dice mentendo a Geppetto - anderò a scuola, studierò e mi farò onore... (…) io non sono come gli altri ragazzi! Io sono più buono di tutti e dico sempre la verità. Vi prometto, babbo, che imparerò un’arte e che sarò la consolazione e il bastone della vostra vecchiaia”.

Pinocchio si fida di quell’amico che poi ti tradisce: “Io volevo tornare a casa: io volevo essere ubbidiente: io volevo seguitare a studiare e a farmi onore... – dice alla Marmottina  - ma Lucignolo mi disse: «Perché vuoi annoiarti a studiare? Perché vuoi andare alla scuola? Vieni piuttosto con me, nel Paese dei Balocchi: lì non studieremo più: lì ci divertiremo dalla mattina alla sera e staremo sempre allegri». (…) io sono un burattino senza giudizio... e senza cuore. Oh! se avessi avuto un zinzino di cuore (…) se incontro Lucignolo voglio dire un sacco e una sporta!”

Pinocchio crede ad una promessa, per cui t’impegni scoprendo però che si trattava di un escamotage per truffarti: Sappi dunque che, mentre tu eri in città – dice il Pappagallo - la Volpe e il Gatto sono tornati in questo campo: hanno preso le monete d’oro sotterrate, e poi sono fuggiti come il vento. E ora chi li raggiunge, è bravo!”. Pinocchio è deluso: Pinocchio restò a bocca aperta (…) cominciò colle mani e colle unghie a scavare il terreno che aveva annaffiato. E scava, scava, scava, fece una buca così profonda, che ci sarebbe entrato per ritto un pagliaio: ma le monete non ci erano più”.

E poi fugge, quando finisci in una situazione di perdizione e credi che qualcuno ti stia cercando, mentre il tempo del ricordo sovrasta quello della ricerca e lentamente finisci nel dimenticatoio (Geppetto che nel pescecane non si danna per cercare il suo figliolo): “Ti riconobbi anch’io, – dice Geppetto, – e sarei volentieri tornato alla spiaggia: ma come fare? Il mare era grosso e un cavallone m’arrovesciò la barchetta. Allora un orribile Pescecane (…) m’inghiottì come un tortellino di Bologna. (…) saranno oramai due anni: due anni, Pinocchio mio, che mi son parsi due secoli!”.

Alla fine una forza superiore ti conduce alla salvezza, una crescita che temevi perduta e che invece è concessa, riappacificandosi con il proprio passato: “Bravo Pinocchio! – dice la Fata Turchina - In grazia del tuo buon cuore, io ti perdono tutte le monellerie che hai fatto fino a oggi. (…) Metti giudizio per l’avvenire, e sarai felice”.

E la salvezza finale non poteva che giungere, nonostante Collodi l’avesse evitata. Lo scrittore, non potendone più di questo burattino che viveva sulle pagine del quotidiano  Giornale per i bambini, decise di farlo morire impiccato ad un albero: “gli legarono le mani dietro le spalle e passatogli un nodo scorsoio intorno alla gola, lo attaccarono penzoloni al ramo di una grossa pianta detta la Quercia grande. (…) e balbettò quasi moribondo – Oh babbo mio! se tu fossi qui!... E non ebbe fiato per dir altro. Chiuse gli occhi, aprì la bocca, stirò le gambe e, dato un grande scrollone, rimase lì come intirizzito”. I lettori non accettarono la morte, Collodi non poteva rompere l’ordine in questa maniera, lo fece vivere facendo giungere il Falco che sciolse il nodo. Ecco quindi la versione che giunge al film della Disney nel 1940, con l’omonima pellicola di Hamilton Luske e Ben Sharpsteen. Il film – con 84,254,167 dollari d’incasso - è stato inserito tra i migliori 25 film d’animazione di sempre, pur rappresentando “le aspirazioni di un popolo in un determinato periodo della sua storia” (Gianni Rondolino, Storia del cinema, Utet, 1988, p. 295), consegnandolo all’immaginario collettivo con atteggiamenti che esulavano da quello presente nel romanzo del 1881.

La stessa versione ebook ci avvicina a questo burattino, che i regali preferiva farli piuttosto che riceverne: “Appena che questi zecchini gli avrò raccolti, - dice al Gatto e la Volpe - ne prenderò per me duemila e gli altri cinquecento di più li darò in regalo a voi altri due”. E anche la versione rimescolata della Fox di C’era una volta permetterà di scovarne le trame. Bene se ne accorge Cesaare Segre che nota come per “l’invenzione della balena che divora l’eroe si può seguire una trafila che va dalla Storia vera di Luciano ai Cinque canti dell’Ariosto (IV) al Pinocchiointerpretando il tutto con “la storia biblica di Giona, e con i simboli che ad essa si ineriscono (morte e resurrezione; peccato e pentimento)” (in Avviamento all’analisi del testo letterario, Einaudi, 1985, p. 90).

Una regola vuole che per crescere occorra sbagliare, una regola che il cattolicesimo e un rigore morale tenderebbe ad eliminare. Ma che Pinocchio urla a gran voce: “Com’ero buffo, quand’ero un burattino!... e come ora son contento di essere diventato un ragazzino perbene!...”

 

 

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Nintendo Switch, anteprima nuova console Nintendo

Nintendo Switch è la nuova console casalinga e portatile di Nintendo, un ibrido innovativo in ambito videoludico, che unisce il classico intrattenimento da salotto con l’indole portatile della casa giapponese. Il successo planetario di Nintendo DS e 3DS, unito al fallimento di Wii U, ha persuaso la casa di Kyoto ad unire i due mercati,...

 

Diabolik nuovo albo, Visto da lontano

Diabolik compie cinquantacinque anni o almeno tanti ne sono passati da quando le sorelle Giussani hanno dato vita all’intramontabile criminale gentiluomo che negli anni è stato affiancato dalla inseparabile complice e compagna Eva Kant.Nel 2017, in occasione di detta ricorrenza Astorina ripropone un albo commissionato e già real...

 

Intervista all'autore e disegnatore di comic Karl Kesel: 'Harley Quinn è un personaggio esplosivo'

Mauxa ha intervistato l’autore di comic Karl Kesel, che ha lavorato a molte serie della DC Comics, da Superman a Batman, fino ad Harley Quinn: fu lui a portare il personaggio nei comic con Terry Dodson nel 2001. Per la Marvel ha lavorato a Daredevil . Di recente ha lavorato alla serie della Dynamite ”Battlestar Galactica: Gods & Mon...

 

Recensione Notte Oscura: Una storia vera di Batman, la storia autobiografica di Paul Dini

“Notte Oscura: Una storia vera di Batman” è la graphic novel autobiografica dell’autore Paul Dini e con i disegni dell’artista Eduardo Risso, pubblicata dalla Vertigo. In questa bellissima storia dove troviamo Batman in una veste del tutto diversa da quella a cui siamo abituati, Paul Dini ha messo a nudo uno degli epi...

 

Recensione Descender vol.3 Singolarità, il fumetto di Jeff Lemire pubblicato dalla Bao Publishing

Descender vol.3, è arrivato in tutte le fumetterie italiane solo due giorni fa con il nuovo volume della saga fantascientifica scritta da Jeff Lemire e disegnata da Dustin Nguyen. Questo fumetto pubblicato dalla casa editrice Bao Publishing ha una cadenza semestrale, nel corso del 2016 sono stati pubblicati i primi due volumi. La bellissima ...

 

DC Comics nuova serie: The Odyssey of the Amazons

Amazzone, principessa e guerriera Wonder Woman è stata ed è tutt’ora uno dei personaggi più noti nel mondo dei fumetti, nata come ambasciatrice di pace. Approdata ultimamente al cinema ed interpretata da Gal Gadot che ha vestito splendidamente i panni dell’amazzone Diana Prince in Batman v Superman: Dawn of Justice....

 

FIFA 17 Team Of The Year, per PS4 e Xbox One: la squadra dell'anno

FIFA 17 Team Of The Year rappresenta l’abituale appuntamento di inizio anno con il videogioco sviluppato da Electronic Arts, che espande la modalità più giocata e apprezzata della serie, FIFA Ultimate Team. Il titolo calcistico, re di vendite nel settore sportivo, spinge forte da quasi un decennio su contenuti e licenze, portand...

 

Mondadori Comics pubblica il ritratto a fumetti Castro

Fidel Castro si è presentato al mondo come l’uomo che si oppose al regime cubano istaurato dal dittatore Batista, salvo poi diventare egli stesso diventare un repressore dei diritti del popolo cubano. Era il 1959 quando Castro, laureatosi in giurisprudenza e giovane avvocato oltre ad aspirante politico, guidò il movimento rivolu...

 

Your Name comics, il romanzo a fumetti

Your Name è il romanzo a fumetti che l’editore italiano J-Pop propone ai propri fan a partire da gennaio inoltrato. Sarà distribuito in fumetteria ma anche online, qualche giorno prima dell’approdo al cinema del film d’animazione manga dall’omonimo titolo. Dal romanzo a fumetti è stata infatti tratta la ...

 

Uncharted The Lost Legacy, anteprima videogame per PS4: in India con Chloe

Uncharted The Lost Legacy è il videogioco sviluppato da Naughty Dog e pubblicato da Sony, l’espansione per giocatore singolo di Uncharted 4: Fine di un Ladro. Il DLC, con protagonista Chloe, arricchisce la storia del quarto capitolo della saga, ad oggi la miglior esclusiva per la console giapponese. Uncharted 4 ha infatti rappresentato...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni