X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Pinocchio di Collodi, una trama che insegna a sbagliare per crescere

25/12/2011 08:46
Pinocchio di Collodi una trama che insegna sbagliare per crescere

Dalla versione per iPad all'ebook, dalla serie C’era una volta alla versione horror, la favola di Collodi indica la crescita verso l'età adulta

Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino (1881) di Carlo Collodi (disponibile anche in ebook) ci riporta la fatica dell’uomo nell’emanciparsi dalla propria immobilità, con le difficoltà che si affrontano per sbagliare e poi convertirti.

L’applicazione per iPad è considerata una delle migliori del 2011 (pubblicata anche in Francia); Fox manderà stasera in prima serata il pilot di C’era una volta (Once Upon a Time), serie che in Usa ha ottenuto ottimi successo mescolando varie favole, con Geppetto  e Pinocchio che grazie ad un armadio nato da un albero magico permettono di fuggire dalla maledizione della Regina; a gennaio 2012 uscirà il terzo numero del fumetto horror Pinocchio, Vampire Slayer: Of Wood and Blood; Carlo Ossola l’ha inserito nei Libri d'Italia (1861 - 2011), della Treccani

Pinocchio odia regole imposte: “Vi prometto (…) che da oggi in poi sarò buono – dice mentendo a Geppetto - anderò a scuola, studierò e mi farò onore... (…) io non sono come gli altri ragazzi! Io sono più buono di tutti e dico sempre la verità. Vi prometto, babbo, che imparerò un’arte e che sarò la consolazione e il bastone della vostra vecchiaia”.

Pinocchio si fida di quell’amico che poi ti tradisce: “Io volevo tornare a casa: io volevo essere ubbidiente: io volevo seguitare a studiare e a farmi onore... – dice alla Marmottina  - ma Lucignolo mi disse: «Perché vuoi annoiarti a studiare? Perché vuoi andare alla scuola? Vieni piuttosto con me, nel Paese dei Balocchi: lì non studieremo più: lì ci divertiremo dalla mattina alla sera e staremo sempre allegri». (…) io sono un burattino senza giudizio... e senza cuore. Oh! se avessi avuto un zinzino di cuore (…) se incontro Lucignolo voglio dire un sacco e una sporta!”

Pinocchio crede ad una promessa, per cui t’impegni scoprendo però che si trattava di un escamotage per truffarti: Sappi dunque che, mentre tu eri in città – dice il Pappagallo - la Volpe e il Gatto sono tornati in questo campo: hanno preso le monete d’oro sotterrate, e poi sono fuggiti come il vento. E ora chi li raggiunge, è bravo!”. Pinocchio è deluso: Pinocchio restò a bocca aperta (…) cominciò colle mani e colle unghie a scavare il terreno che aveva annaffiato. E scava, scava, scava, fece una buca così profonda, che ci sarebbe entrato per ritto un pagliaio: ma le monete non ci erano più”.

E poi fugge, quando finisci in una situazione di perdizione e credi che qualcuno ti stia cercando, mentre il tempo del ricordo sovrasta quello della ricerca e lentamente finisci nel dimenticatoio (Geppetto che nel pescecane non si danna per cercare il suo figliolo): “Ti riconobbi anch’io, – dice Geppetto, – e sarei volentieri tornato alla spiaggia: ma come fare? Il mare era grosso e un cavallone m’arrovesciò la barchetta. Allora un orribile Pescecane (…) m’inghiottì come un tortellino di Bologna. (…) saranno oramai due anni: due anni, Pinocchio mio, che mi son parsi due secoli!”.

Alla fine una forza superiore ti conduce alla salvezza, una crescita che temevi perduta e che invece è concessa, riappacificandosi con il proprio passato: “Bravo Pinocchio! – dice la Fata Turchina - In grazia del tuo buon cuore, io ti perdono tutte le monellerie che hai fatto fino a oggi. (…) Metti giudizio per l’avvenire, e sarai felice”.

E la salvezza finale non poteva che giungere, nonostante Collodi l’avesse evitata. Lo scrittore, non potendone più di questo burattino che viveva sulle pagine del quotidiano  Giornale per i bambini, decise di farlo morire impiccato ad un albero: “gli legarono le mani dietro le spalle e passatogli un nodo scorsoio intorno alla gola, lo attaccarono penzoloni al ramo di una grossa pianta detta la Quercia grande. (…) e balbettò quasi moribondo – Oh babbo mio! se tu fossi qui!... E non ebbe fiato per dir altro. Chiuse gli occhi, aprì la bocca, stirò le gambe e, dato un grande scrollone, rimase lì come intirizzito”. I lettori non accettarono la morte, Collodi non poteva rompere l’ordine in questa maniera, lo fece vivere facendo giungere il Falco che sciolse il nodo. Ecco quindi la versione che giunge al film della Disney nel 1940, con l’omonima pellicola di Hamilton Luske e Ben Sharpsteen. Il film – con 84,254,167 dollari d’incasso - è stato inserito tra i migliori 25 film d’animazione di sempre, pur rappresentando “le aspirazioni di un popolo in un determinato periodo della sua storia” (Gianni Rondolino, Storia del cinema, Utet, 1988, p. 295), consegnandolo all’immaginario collettivo con atteggiamenti che esulavano da quello presente nel romanzo del 1881.

La stessa versione ebook ci avvicina a questo burattino, che i regali preferiva farli piuttosto che riceverne: “Appena che questi zecchini gli avrò raccolti, - dice al Gatto e la Volpe - ne prenderò per me duemila e gli altri cinquecento di più li darò in regalo a voi altri due”. E anche la versione rimescolata della Fox di C’era una volta permetterà di scovarne le trame. Bene se ne accorge Cesaare Segre che nota come per “l’invenzione della balena che divora l’eroe si può seguire una trafila che va dalla Storia vera di Luciano ai Cinque canti dell’Ariosto (IV) al Pinocchiointerpretando il tutto con “la storia biblica di Giona, e con i simboli che ad essa si ineriscono (morte e resurrezione; peccato e pentimento)” (in Avviamento all’analisi del testo letterario, Einaudi, 1985, p. 90).

Una regola vuole che per crescere occorra sbagliare, una regola che il cattolicesimo e un rigore morale tenderebbe ad eliminare. Ma che Pinocchio urla a gran voce: “Com’ero buffo, quand’ero un burattino!... e come ora son contento di essere diventato un ragazzino perbene!...”

 

 

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

My Favorite Thing Is Monsters, la graphic novel di Emil Ferris

In una recente intervista rilasciata al New York Times Emil Ferris, definita dalla critica tra i migliori artisti di graphic novel, parla della suo nuova vita dopo la paralisi alla mano destra dopo aver contratto un virus sulle sponde del Nilo. Racconta di come ha dovuto imparare nuovamente la sua arte, senza arrendersi, fino alla realizzazione del...

 

Bungo Stray Dogs, l'accattivante manga per Panini Comics: quando gli scrittori vanno a caccia di misteri

“Bungo Stray Dogs #1” sarà disponibile per Planet Manga dal 9 marzo grazie a Panini Comics. Stiamo parlando del manga giapponese realizzato da Kafka Asagiri (sceneggiatura) e Sango Harukawa (disegni). L'acclamata serie ancora in corso ha debuttato nel 2012, dando successivamente vita a diversi romanzi ispirati al manga e un fedel...

 

Halo Wars 2, recensione videogame per Xbox One: la strategia di Microsoft

Halo Wars 2 è il videogioco sviluppato da Creative Assembly e pubblicato da Microsoft, uno strategico in tempo reale in esclusiva per Xbox One e piattaforme PC. Il primo capitolo, uscito su Xbox 360, era un piacevole diversivo dalla serie principale, da cui prendeva personaggi, nemici e situazioni di gioco, trasportandole nell’universo...

 

Van Helsing dal romanzo di Bram Stoker alla serie Tv fino ai comics

Bram Stoker nel romanzo Dracula aveva creato un personaggio erudita dal marcato accento teutonico capace, mediante la sua conoscenza scientifica, di combattere il vampirismo comparso nell’Inghilterra del diciannovesimo secolo e sconfiggere il più temibile dei mostri, Dracula. Personaggio che è stato ripreso fedelmente in alcuni ...

 

Sky Doll, il primo volume in libreria: dal successo del fumetto alle ristampe

Esce oggi il primo volume di “Sky Doll” riproposto da Bao Publishing nel suo formato originale. Mentre il quarto albo (leggi la nostra recensione qui) è gia in tutte le librerie, “Sky Doll vol.2 - Aqua” e “Sky Doll vol.3 - La città Bianca” saranno rispettivamente disponibili dal 16 marzo e dal ...

 

Wolverine Vecchio Logan il comics che ha ispirato il film con Hugh Jackman

Logan - The Wolverine uscirà nelle sale cinematografiche italiane a partire dal prossimo primo marzo. Ancora una volta Hugh Jackman vestirà i panni di Wolverine, l’uomo dagli artigli in lega di metallo. Per l’occasione Panini Comics renderà nuovamente disponibile l’appassionante comics scritto da Mark Millar e...

 

Valter Buio, lo psicanalista dei fantasmi in una nuova edizione da riscoprire

Star Comics annuncia la nuova edizione del primo volume della serie di “Valter Buio”. Cover in cartonato, il fumetto sarà disponibile solo nelle fumetterie, dal primo marzo.Originariamente uscito tra il 2010 e il 2011, l'opera di Alessandro Bilotta ha raccolto i consensi di critica e lettori aggiudicandosi il Romics d'Oro grazie ...

 

Batman Arkam VR, recensione speciale PS VR: il Cavaliere Oscuro in prima persona

Batman Arkham VR è il videogioco sviluppato da Rocksteady Studios, pensato per esser giocato esclusivamente con PlayStation VR, il visore di realtà virtuale di Sony per PS4. La serie, che ha rappresentato un grande successo in ambito videoludico, si prende una licenza con questa sorta di spin-off investigativo, che esula quindi dal cl...

 

Flight of the Raven, comics vincitore del Best Artist Award di Angoulême 2017

Flight of the Raven, Il Volo del corvo è una graphic novel d’avventura e di azione scritta daJean-Pierre Gibrat che ha conquistato il premio come migliore artista alla scorsa edizione del festival di Angoulême. La trama di Flight of the Raven è ambientata a Parigi e ripercorre il periodo dell’occupazione tedesca, du...

 

Ghost in the Shell, il remake hollywoodiano del manga con Scarlett Johansson

“Ghost in the Shell” è il manga cult, realizzato da Masamune Shirow alla fine degli Ottanta, diventato, infine, un franchise comprendente anche videogiochi e romanzi.Ambientato nel XXI secolo, il manga seinen (rivolto a un pubblico adulto) immagina un futuro pieno di incognite, in cui la differenza tra uomo e macchina è in...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni