X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione film Blade Runner 2049

05/10/2017 07:00
Recensione film Blade Runner 2049

Denis Villeneuve dirige il nuovo capitolo di Blade Runner con protagonisti Harrison Ford, Ryan Gosling e Robin Wright

Blade Runner 2049, diretto da Denis Villeneuve, riporta al grande schermo la saga dei replicanti utilizzati nell’extra mondo per la conquista di nuovi pianeti. Saga che continua con un nuovo ed atteso capitolo che esplora un futuro visionario nel quale vizi e virtù vengono amplificati, lanciando con genialità alcuni collegamenti ad un passato suggestivo e classico.

Se nel primo episodio del 1982 i replicanti in cerca di umanità si ribellavano ai loro creatori, vinti dai loro limiti vitali e sconfitti dagli umani, in "Blade Runner 2049” essi costituiscono ed integrano la società, hanno sconfitto i loro limiti e sono alla ricerca di quella completezza che li possa rendere in tutto somiglianti e forse superiori agli umani. I Nexus 6, il vecchio modello di replicante Roy Batty (Rutger Hauer) famoso per monologo “ho visto cose che voi umani…” è ormai superato, i nuovi aspirano a diventare i padroni del mondo.

Blade Runner 2049 - tratto anch'esso dal romanzo "Il cacciatore di androidi" ("Do Androids Dream of Electric Sheep?") di Philip K. Dick del 1968 - rappresenta un'evoluzione  nel quale viene capitalizzata al meglio la narrazione del primo capitolo. Infatti, il passaggio fondamentale di "Blade Runner” del 1982 veniva espresso nel rapporto tra Rachael (Sean Young) e Rick Deckard (Harrison Ford). Lei, convinta di vivere un’esistenza umana, viene prima edotta d’essere una replicante e poi sedotta e spinta a compiere un passo verso la complementarità umana innamorandosi di Deckard. Un rapporto che viene ripreso a fondamento di "Blade Runner 2049” dove trova la sua evoluzione e compiutezza.

L’ambientazione è suggestiva e sublima una tetraggine che attanaglia lo spettatore con dettagli estremamente curati che riprendono ed evolvono le atmosfere del precedente capitolo, supportate da una fotografia di Roger Deakins ("Le ali della libertà", 1994, "Skyfall", 2012) che esprime colori densi e lividi. Cura dei dettagli che viene espressa con compiutezza ed ingegno nel rapporto tra la nuova e vecchia città, quando il Blade Runner interpretato da Ryan Gosling incontra il vecchio segugio Rick Deckard interpretato da Harrison Ford.

La storia rispetta i canoni lanciati dalla saga, tuttavia la sceneggiatura non raggiunge il livello di assoluta compiutezza mostrato nel precedente episodio che assorbiva lo spettatore con maggiore intensità. Sebbene la narrazione appare infatti meno elaborata e meno compiuta rispetto alla sceneggiatura del primo episodio, a tratti indugia in inevitabili esigenze esplicative ed essenziali chiarimenti: è comunque ben congegnata e permette allo spettatore di comprendere l’intricato enigma che viene svelato con parsimonia.

Denis Villeneuve alla regia compie una performance ottima ed esprime ciò che si era proposto utilizzando sequenze cadenzate che conferiscono alla scena una buona dose di profondità, sublimando la spettacolarità dell’ambientazione ed elaborando un lungometraggio di assoluta potenza visiva.

In "Blade Runner 2049" viene mostrato un mondo nel quale la tecnologia permette un contesto visionario ed evoluto rispetto al primo episodio. Tuttavia, ora come all’ora, il perno della storia sembra incentrato sui legami che intercorrono tra i personaggi, sull’esigenza di rendere umana anche la virtualizzazione. Le dinamiche ben approfondite e ben espresse dal cast formato da Harrison Ford, Ryan Gosling, Ana de Armas, Sylvia Hoeks e Robin Wright, permettono di conferire un’adeguata interiorità ai personaggi, sebbene a tratti sembrino meno compenetrate rispetto al primo episodio.

"Blade Runner 2049" lascia lo spettatore affascinato e divertito, immerso in un mondo fantastico con una narrazione suggestiva. Rappresenta quel genere di film di fantascienza dove tutto è in equilibrio. Sebbene non giunga ai livelli del precedente capitolo è certamente degno di rappresentare la continuazione della saga di Blade Runner.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Blade Runner 2 - 2049

Altri articoli Home

Le Sens de la fête, il film commedia di successo in Francia

Le Sens de la fête è uno dei film che sta ottenendo maggiore successo in Francia. Diretto da Eric Toledano e Olivier Nakache, ha nel cast Jean-Pierre Bacri, Jean-Paul Rouve e Gilles Lellouche. Max è stato un ristoratore per trenta anni, organizzando centinaia di feste. Per l’evento che si svolge in un castello del XVII se...

 

L'uomo di neve, intervista a Silvia Busuioc: 'siamo stati fortunati ad essere diretti da Tomas Alfredson'

Abbiamo intervistato in esclusiva Silvia Busuioc, attrice di origine moldava impegnata in numerosi progetti cinematografici e televisivi. D: Sei nel cast del nuovo film di Tomas Alfredson "L'uomo di neve", come consideri questa esperienza?  R: È stato un grande onore lavorare accanto a due attori premio Oscar come ...

 

Recensione del film The Force, lo sguardo sui maltrattamenti della polizia apprezzato dalla critica

The Force è il film documentario di Peter Nicks, uscito in queste settimane negli Stati Uniti e apprezzato dalla critica. Ha vinto il premio come migliore opera al Sundance Film Festival. La Polizia di Oakland è famosa per la sua cattiva condotta e scandali, anche a causa delle tensioni razziali che favoriscono comportamenti desueti....

 

'Loro', Toni Servillo è Berlusconi sul set del nuovo film di Paolo Sorrentino

Le riprese di “Loro” sono cominciate lo scorso agosto a Roma; oggi la lavorazione del film sarebbero “già a metà”, stando a quanto dichiarato ai microfoni di “Un giorno da pecora” da uno degli attori protagonisti, Riccardo Scamarcio. Oltre ovviamente a Toni Servillo, che ormai sta a Paolo Sorrentin...

 

Bad Moms Christmas, nuove immagini del film

Nuove clip sono state diffuse di “Bad Moms Christmas”, il film di Jon Lucas e Scott Moore sequel di “Bad Moms”. Le tre mamme irriverenti (Mila Kunis, Kristen Bell, Kathryn Hahn) per il Natale devono organizzare una vacanza per le rispettive famiglie, nonché ospitare le proprie madri. Alla fine del viaggio le protagon...

 

Recensione del film It

It è il film horror di Andy Muschietti, tratto dal romanzo di Stephen King. La regia dall’inizio pretende di mostrare i vari punti di vista, e ciò allenta la tensione del film: il piccolo George (Jackson Robert Scott) cerca di prendere la sua barchetta di carta che scivola per la strada bagnata. All’improvviso da dentro l...

 

Film più visti della settimana, le novità sono 'Happy Death Day' e 'The Foreigner'

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 13 al 15 ottobre 2017 segna l’entrata al primo posto dell’horror “Happy Death Day” (“Auguri per la tua morte”, 26.039.025 dollari): una studentessa del college rivive il giorno del suo omicidio, fino a scoprire l'identità del suo kille...

 

La battaglia dei sessi, incontro con i registi del film

La battaglia dei sessi (“Battle of the Sexes”) è il film diretto da Jonathan Dayton e Valerie Faris, con Steve Carrel e Emma Stone. Mauxa ha partecipato alla conferenza stampa del film con i registi. La storia evoca la partita di tennis avvenuta il 20 settembre 1973 tra Bobby Riggs e Billie Jean King: la ventinovenne tennista gi...

 

L'alba del mondo: dal romanzo al film, intervista allo scrittore Rhidian Brook

Rhidian Brook è autore di “The Aftermath” (“L’alba del mondo”) , libro che diverrà un film nel 2018 interpretato da Alexander Skarsgård, Keira Knightley e diretto da James Kent. Mauxa l'ha intervistato. La storia racconta - nella Germania del 1946 - della giovane Rachael Morgan che arriva con l&rsq...

 

Splinter Cell, Tom Hardy protagonista del film ispirato ai videogiochi Ubisoft

L’“Assassin’s Creed” con Michael Fassbender è stato un flop caduto subito nel dimenticatoio, ma questo non ha scoraggiato la Ubisoft, che si dice ancora intenzionata a trasformare in un film “Splinter Cell”, l’altro franchise che l’ha resa uno dei colossi del settore videogames. Tom Hardy si &...

 


Da non perdere
Ultime news
Recensioni
pixel sony skin pixel sony skin