X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Dunkirk

30/08/2017 08:00
Recensione del film Dunkirk

"Dunkirk" è il film di guerra di Christopher Nolan.

Dunkirk è il film di Christopher Nolan, con Fionn Whitehead, Tom Glynn-Carney, Harry Styles, Kenneth Branagh, Cillian Murphy, Mark Rylance e Tom Hardy.

È assente la musica dal film, per identificare lo spettatore in una vicenda che non ha nulla dell’eroismo sinfonico. E da qui emerge un tono inglese che Nolan ha voluto attribuire alla pellicola, scevro da barocchismi e saturo di sofferenza. Quasi emulando la ricerca del dettaglio de “La sottile linea rossa” di Terrence Malick che evoca un episodio della guerra di Crimea.

In questo modo dal cielo scende solo il latrato degli aerei che bombardano la spiaggia di Dunkirk, con gli uomini stesi a terra per proteggersi mentre le bombe piovono accanto a loro, lasciandoli morti. L’episodio è quello avvenuto a maggio del 1940, quando 400000 uomini rimasero intrappolati sulla spiaggia della località francese perché impossibilitati a raggiungere l’Inghilterra. La secca del mare è lunga 7 metri, l’attracco per le navi inglese è proibitivo.

Poi tutto procede con gesti istantanei, raccontando con tecnica naturalista ciò che avveniva in quei momenti di tentata salvezza, cercando di affrettarsi nel trasbordo per non essere sospesi dagli avversari tedeschi. Dal salire sulle navi al gesto di mangiare di Alex (Harry Styles), l’inseguimento in aereo di Farrier (Tom Hardy) mentre i colleghi nella nave fanno uno spuntino.

Il film è proprio sintetizzato dal gesto di Farrier, che mentre sorvola l’oceano vede le scialuppe degli amici affondare, con lo sguardo che si allontana insieme all’aereo in una soggettiva dolente. Lo steso sguardo di Nolan che vede allontanarsi i suoi protagonisti senza poteri fermare.

La macchina da presa (70 millimetri e IMAX) è obliqua mentre accoglie i superstiti che arrembano nella spiaggia, senza alcun dialogo di facile esortazione, tra cadaveri che galleggiano spinti oltre la riva.

Il ritorno verso la terra inglese che dista solo 26 miglia è anche quello verso una madre: in tutto il film sono assenti le donne, e raggiungere la sponda dell’Inghilterra è anche il ritorno ad una dimensione dimenticata. Qui non c’è nessun soldato Ryan da salvare, perché non c’è tensione tra i protagonisti che devono sono cercare di proteggere se stessi, senza valori da difendere come l’amicizia o il ricordo.

E in tal senso il film si delinea più come un documentario che come racconto di finzione, vittima delle stesse immagini che cerca di far dialogare tra loro. Ma un’esplosione resta tale se non raccontata, così come una morte per annegamento.

Le riprese si sono svolte nella location dove l’evento è accaduto, si è ricostruito il molo che svolse un ruolo fondamentale nell’evacuazione perché il mare è molto basso in quel punto e quindi era impossibile per le grandi navi militari raggiungere la riva. Ciascun costume è stato cucito, sono state reperite dozzine di barche dell’epoca ritrovate in nove diversi paesi, tra cui dragamine, una barca ospedale ed un cacciatorpediniere francese.

Questa ricostruzione centellinata per Christopher Nolan aveva lo scopo di porre il pubblico sulla spiaggia o sulle imbarcazioni che attraversavano la Manica, oppure nella cabina di pilotaggio degli Spitfire.

Nolan dopo “Interstellar" (2014) continua con un racconto di effetto ma spesso tenue, sopraffatto dal tentativo di sopravvivenza dei protagonisti che si muovono come una collettività senza desideri, se non quelli dell’animale istinto a fuggire.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Recensione film DC Comics, Justice League

Justice League è il film tratto dall’omonima serie a fumetti che unisce alcuni degli eroi più importanti della DC Comics in una trama che ha il prevalente scopo di presentare i personaggi al grande pubblico. L’inizio di una nuova ed attesa saga dove l’inevitabile esigenza di calare i protagonisti nella storia e di pr...

 

The Force, David Mamet scriverà il film diretto da James Mangold

La Fox ha annunciato che il 1 marzo 2019 sarà la data di uscita ufficiale di “The Force”, il thriller poliziesco diretto da James Mangold, regista di “Logan” e “Walk the Line – Quando l’amore brucia l’anima”. Il film sarà un adattamento dell’omonimo romanzo di Don Winslow (e...

 

Quentin Tarantino, il nuovo film prevede un budget da 100 milioni di dollari

Per il nuovo film di Quentin Tarantino si è avviata una gara nella scelta del distributore. Dopo lo scandalo sul produttore Harvey Weinstein, la sua società Weinstein Company non si occuperà più della distribuzione dei film di Tatantino, chiudendo una collaborazione avviata nel 1992 con "Le iene”. A contendersi l...

 

Recensione del film The Big Sick

The Big Sick è il film di Michael Showalter con Kumail Nanjiani, Zoe Kazan, Holly Hunter. Kumail (Kumail Nanjiani) è un giovane comico di standup di Chicago, usa la sua auto con Uber e la notte si esibisce. Negli sketch ironizza sulla cultura pakistana, e questo aspetto è tenuto nascosto alla famiglia musulmana.Durante uno spe...

 

Film più visti della settimana, ‘Thor: Ragnarok’ e ‘Daddy's Home 2’ ai primi posti

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 10 al 12 novembre 2017 conferma al primo posto "Thor: Ragnarok” (212.068.013 dollari,  leggi l’articolo): Thor lotta contro l’ex alleato Hulk, impedendo anche ad Hela di distruggere la civiltà asgardiana. Al secondo posto c’è la novit...

 

Cate Blanchett, è horror il nuovo film tratto da un romanzo

Cate Blanchett dopo il ruolo di Hela nel film “Thor: Ragnarock” lavorerà ad un film horror. “The House with a Clock in its Walls” è tratto da un romanzo del 1973, scritto da John Bellairs. L'orfano Lewis Barnavelt (Owen Vaccaro) si trasferisce nella città di New Zebede, nel Michigan. Qui abita lo zio Jo...

 

Lav Diaz, il nuovo film è un’opera rock

Lav Diaz, vincitore del Leone d’oro al Festival di Venezia 2016 con “The Woman Who Left” è al lavoro al nuovo film, dal titolo "Ang Panahon ng Halimaw" (letteralmente, “La stagione del diavolo”). Il film mescola musica, opera rock e dramma. A produrlo è Bianca Balbuena, che ha già lavorato a &ldqu...

 

Agadah, intervista all’attore del film Alessio Boni

“Agadah” è il film di Alberto Rondalli nelle sale da questa settimana. Mauxa ha intervistato l’attore Alessio Boni, che in queste settimane è anche al cinema con “La ragazza nella nebbia” e la serie tv “La strada di casa”. D. Nel film “Agadah” interpreti Pietro Di Oria. Puoi racco...

 

Cosa regalano a Natale le star

Per le persone cosiddette normali, i regali consistono in oggetti di prezzo variabile: un libro, una sciarpa, nelle occasioni speciali un orologio, magari un gioiello. Raramente capita che qualcuno ci sorprenda il giorno del nostro compleanno regalandoci una Porsche. Quando parliamo di celebrità, questi parametri si rovesciano. Le star del ...

 

Forever My Girl, il film con Jessica Rothe

È stato pubblicato un nuovo trailer del film “Forever My Girl”, diretto da Bethany Ashton Wolf. La storia racconta di un musicista, Liam Page (Alex Roe) che dopo essere andato via dal suo paese per un decennio è diventato una stella della musica. Ora decide di tornare a casa e riconquistare la donna che lasciò, Jos...

 
Da non perdere


Ultime news
Recensioni