X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Burden, l'opera sull'arte pericolosa acclamata dalla critica

30/05/2017 08:00
Recensione del film Burden l'opera sull'arte pericolosa acclamata dalla critica

"Burden" è il film che racconta la storia dell'artista Chris Burden.

Abbiamo visto “Burden”, il film biografico acclamato dalla critica, diretto da Richard Dewey e Timothy Marrinan e attualmente nelle sale statunitensi e in digital download. È un ritratto spudorato su Chris Burden, artista che ha espresso la creatività nei limiti delle possibilità umane, mettendosi lui stesso in pericolo.

Burden - scomparso nel 2015 - ha creato un’arte pericolosa, tanto che in “Trans-fixed” si è crocifisso sulla parte posteriore di un’automobile a Venezia, emulando la morte di Cristo. In un’altra performance si è confinato in un armadietto per cinque giorni ad Irvine. In un altro caso era seduto senza abiti in un museo, circondato da fiamme. Ciò è accaduto negli anni ’70 e ‘80, divenendo uno dei simboli più fotografati e iconici di Los Angeles. In “Shot” l'artista è stato colpito con un fucile da un amico, e l'evento è stato fotografato.

In seguito la sua arte è divenuta spettacolare, nel senso di creare scalpore: in “Urban Light” (2008) ha creato un complesso di lampioni antichi illuminati, di dimensioni diverse al di fuori del Los Angeles County Museum of Art, e le persone potevano entrare nell’opera.

Una sua opera è stata venduta per 3 milioni di dollari, e i registi Timothy Marrinan e Richard Dewey nel film "Burden" mostrano proprio come le sue creazioni siano sempre state contraddistinte dalla concretezza, tanto da raccontare anche la società degli ultimi decenni. Lo fa con materiali video rari, interviste agli artisti Marina Abramovic, Vito Acconci, Larry Bell, Billy Al Benston, Bruce Dunlap.

Se una delle donne che si è prestata ad una performance stava per essere sgozzata, ora la vediamo essere intervistata, fiera delle possibilità che ha offerto a quest’arte.

In un’altra performance Burden si posiziona accanto ad una lastra di cemento, sopra cui c’è una gru che fa cadere dei pilastri di metallo che si conficcano nella sostanza, con il pericolo che colpiscano lo stesso Burden.

Forse l’opera più perfetta è “Metropolis II” (2011): delle macchinine sfrecciano sopra strade di plastica, soprastanti dei modellini di edifici. Ci sono sei corsie, con auto che corrono a 240 miglia all’ora e quando le vetture raggiungere il fondo, si alzano con tre nastri trasportatori. Questa opera è stata mostrata al Los Angeles Country Museum e acquistata dal magnate Nicolas Berggruen , e già nel titolo rievoca il film di Fritz Lang del 1927, ma reso più pauroso dalla contemporaneità.

In “What My Dad Gave Me” (2008) le parti di un meccano di metallo compongono una torre alta venti metri, e posizionata per un anno al Rockefeller Center.

È la curiosità nel mostrare le opere di Burden che ha sancito il successo del documentario, che la critica ha definito capace di far comprendere un artista innovativo (The Hollywood Reporter), che ha sempre cercato una ricerca sincera nel suo modo di essere costruttore di incantesimi (Los Angeles Times), “complesso, misterioso ma vincente” (Variety). Per il The Guardian il film racconta come Burden abbia avuto forse solo una colpa, ossia quella di essere troppo diretto: ma ciò si è poi reso necessario.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Recensione del film Valerian e la città dei mille pianeti

Valerian e la città dei mille pianeti (“Valérian et la Cité des mille planètes") è il film di fantascienza di Luc Besson. L’esordio avviene in un luogo paradisiaco, tra esseri umanoidi ed esplosioni che avvertono di una minaccia imminente. Già qui Besson è vittima dello stesso materiale ...

 

First They Killed My Father, il film di Angelina Jolie conviene la critica

First They Killed My Father è il film di Angelina Jolie che ha ottenuto ottime recensioni negli Stati Uniti. La storia è quella dell’attivista Loung Ung, che per sopravvivere al regime cambogiano dei Khmer Rossi dal 1975 al 1978 vede disgregata la propria famiglia. La storia viene raccontata dalla protagonista, una bambina di c...

 

L'incredibile vita di Norman, incontro con Richard Gere: 'il mio personaggio vorrebbe esaudire le promesse'

L'incredibile vita di Norman (“Norman: The Moderate Rise and Tragic Fall of a New York Fixer”) è il film di Joseph Cedar con Richard Gere, presentato a Roma. La pellicola negli Stati Uniti è uscita ad aprile 2017 ed ha ottenuto recensioni positive. La storia racconta del faccendiere Norman Oppenheimer, che a New York tess...

 

Film più visti della settimana, la novità è 'American Assassin'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 15 al 17 settembre 2017 conferma il primo posto per “IT”, tratto dal romanzo di Stephen King (218.710.619 dollari): la creatura malvagia che uccide i bambini della città è tornata, mentre sette abitanti cercano di eliminarlo. Al secondo posto entra “Ameri...

 

'Meg', l'horror con protagonista Jason Statham arriva nel 2018

Ha dovuto aspettare due decenni, ma Steve Alten avrà finalmente la soddisfazione di vedere il proprio best-seller trasformato in un horror da 150 milioni di dollari con Jason Statham nei panni del protagonista. In un primo momento “Meg” sarebbe dovuto uscire il 2 marzo 2018, ma poi la Warner Bros ha deciso di rimandarlo al 10 ag...

 

Red Sparrow, prime immagini del film thriller con Jennifer Lawrence

È stato diffuso il primo trailer del film “Red Sparrow”, diretto da Francis Lawrence (leggi l’articolo sul film). Nelle immagini appare la protagonista Dominika (Jennifer Lawrence) mentre attende nella prova camera. Seguono degli omicidi: in realtà lei è reclutata dalla Sparrow School, un servizio segreto di ...

 

L'imperatrice Caterina, il film dalle potenti passioni con Marlene Dietrich

L'imperatrice Caterina (“The Scarlet Empress”) è il film del 1934 di Josef von Sternberg che usciva in questi giorni nelle sale statunitensi. La giovane principessa tedesca, Sophia Frederica (Marlene Dietrich) è scelta dalla regina Elisabetta di Russia per sposare il nipote, il principe Pietro (Sam Jaffe), così da ...

 

Tutti i soldi del mondo, prime immagini del film di Ridley Scott

È stato pubblicato il primo trailer del film “Tutti ii soldi del mondo”, diretto da Ridley Scott. Nelle immagini si mostra il giovane Paul Getty III (Charlie Plummer) mentre viene rapito a Roma. Uno dei rapinatori - interpretato da Romain Duris - chiama la madre del ragazzo, Gail (Michelle Williams) e chiede 17 milioni di dollar...

 

I vip con più matrimoni alle spalle

Spesso si pensa che le persone famose abbiano molto di più degli altri e senza dubbio ciò è vero almeno per quanto riguarda i matrimoni e i divorzi, dal momento che pochi vip sono riusciti a rimanere sposati con la stessa persona per tutta la vita. Il leggendario sassofonista Louis Armstrong è convolato a nozze quattro v...

 

Recensione del film 'White Sun', la lotta alla casta acclamata dalla critica

“White Sun” (”Seto Surya”) è il film di Deepak Rauniyar ben accolto dalla critica statunitense. L’ex partigiano anti-regime Chandra (Dayahang Rai) deve raggiungere il suo villaggio, per partecipare ai funerali del padre. Il luogo è sperduto tra le montagne, e da dieci anni Chandra non fa visita ai suoi c...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=22587639&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1