X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Genius, recensione del film

08/11/2016 07:30
Genius recensione del film

Colin Firth, Jude Law e Nicole Kidman sono i protagonisti del film "Genius".

Genius è il film di Michael Grandage distribuito da Eagle Pictures. Nel cast ci sono Colin Firth, Jude Law, Nicole Kidman, Laura Linney e Guy Pearce.

All’inizio ombrelli neri solcano la pioggia, con una fotografia da graphic novel di Ben Davis (“Doctor Strange”, “Avengers: Age of Ultron”). È difficile così parlare di questo film perché la bellezza visiva tersa, l’interpretazione sfuggente di Colin Firth, brusca di Jude Law e dolorante di Nicole Kidman possono confondere il giudizio. La forza dei dialoghi è prorompente, la sceneggiatura è tratta da una storia vera e non si riesce a discernere la grandezza dei personaggi reali da quelli rappresentati.

“Bisognerà lavorarci un po’, tagliare un po’ di rami” dice l’editore Max Perkins allo scrittore Thomas Wolfe annunciando di pubblicare il suo manoscritto. “So che non mi prende in giro, ma questo è troppo per me”, risponde lo scrittore. “Il mio unico lavoro è mettere buoni libri nelle mani dei lettori” chiosa Max. Da qui la felicità, sua e della moglie Aline Bernstein (Kidman), che però troppo velocemente diviene gelosia.

Così il racconto di uno scrittore in difficoltà che grazie ad un editore trova fiducia e successo poteva risultare interessante, ma trattato com’è con veloci incursioni e complicazioni nelle vite private di entrambi, con tentativi di assassini o suicidi, resta una storia che Thomas Wolfe avrebbe saputo scrivere meglio. Il connubio intellettuale e professionale dei due protagonisti poteva divenire totalizzante, invece che essere solo dialogo e scambio di lettere ingiallite. Momenti come quelli in cui lo scrittore Thomas in treno racconta all’editore Max Perkins: “Io sono Calibano, quella creatura dell’isola. Mostruosa e deforme”, e Max recita un passo de “La tempesta” di William Shakespeare, potevano preludere ad una elegia del figlio verso il creatore, alla pari di “Metropolis” di Fritz Lang o “Blade Runner” di Ridley Scott. Sono legami che tra i due si saldano, fatti di scambi intellettuali e personali.

L’errore dell’editore Max è poi invitare Thomas a casa della sua famiglia, cosicché l’istrionismo dello scrittore erompe a tavola con le figlie sorridenti. “Voglio piacere alla tua famiglia”, afferma a Max. Così nasce “Look Homeward, Angel” (“Angelo guarda il passato”).

Altro aspetto trattato velocemente è la gelosia di Aline, attrice che per l’amore di Thomas ha modificato parte della sua vita. “Tom mi fece sentire bella - dice Aline alla moglie di Max - ma ora l’ho perso per suo marito”.

Tom sorprende l’editore con un nuovo libro, “Il fiume e il tempo”, romanzo proustiano che racconta giovinezza ed innamoramento. Porta quattro casse di testi scritti a penna. È di 5000 pagine. “S’innamorò così in fretta di lei che nessuno nella stanza sentì il rumore”: questa letterarietà del film - a cui è difficile restare impassibili - è anche il suo difetto. L’eccesso di reverenza di un giovane nei confronti del suo mentore, così da assecondarlo in tutto, e poi per normale evolversi dei fatti dissentire da lui. L’editore così decide di tagliare questa saga fino a farlo divenire un singolo volume: quando il romanzo uscì nel 1935 Wolfe fu frustrato per la difformità, partì per la Francia, la Germania con una sofferenza che nel film non viene affatto mostrata.

Quando la moglie Aline comincia a stancarsi del rapporto, Tom non partecipa alla prima a teatro di cui lei è protagonista ed è schiaffeggiato. La lunghezza dei romanzi di Tom diviene anche quella del film, prolisso in momenti che andrebbero tagliati, e breve in quelli che potevano renderlo eccelso. Come nella maggior parte dei biopic: il regista di “Genius” è alla prima regia, dopo aver lavorato come attore a molte serie tv.

Colin Firth è impassibile con il suo cappello, tra l’intransigenza del lavoro e il timore di essere ingerente. Fino a lavorare con F. Scott Fitzgerald ed Ernst Hemingway e suscitare la gelosia di Tom.

Il film scivola nel languore, sapendo di poterlo fare. Come nella commovente scena finale. Come se la vita non avesse senso senza essere narrata.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Nicole Kidman, Jude Law, Colin Firth



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Mostra del Cinema di Venezia 2016: il 3 settembre la proiezione delle prime due puntate di 'The Young Pope'

Le prime due puntate della miniserie televisiva intitolata "The Young Pope" saranno proiettate in prima mondiale il 3 settembre 2016, nella Sala Grande del Palazzo del Cinema al Lido di Venezia.  La produzione originale Sky, HBO e Canal+ andrà in onda il prossimo ottobre su Sky in 5 Paesi (Italia, Regno Unito, Germania, Irlan...

 

The Young Pope, un intenso viaggio nella solitudine: la miniserie diretta da Paolo Sorrentino

Dopo lo straordinario successo riscosso dalla seconda stagione di "Gomorra - La serie", Sky si prepara ad accogliere il debutto di "The Young Pope", un'altra produzione il cui iter realizzativo ha suscitato un crescente interesse mediatico.  Il teaser trailer della miniserie televisiva diretta dal regista Paolo Sorrentino annun...

 

Sherlock Holmes 3, aggiornamenti sull'uscita del sequel con Robert Downey Jr.

Da diversi anni è in fase di sviluppo la produzione del film "Sherlock Holmes 3", ma stando a recenti dichiarazioni il ritorno del famoso investigatore non dovrebbe essere molto lontano. Dopo l’uscita dei primi due film entrambi diretti da Guy Ritchie (Snatch - Lo strappo), “Sherlock Holmes” nel 2009 e “Sherlock Holme...

 

Kingsman: The Golden Circle, tante news sul sequel del film con Taron Egerton e Colin Firth

Visto il sorprendente successo ottenuto nei botteghini di tutto il mondo del primo capitolo, già da qualche mese la 20th Century Fox ha annunciato l’uscita di "Kingsman: The Golden Circle", sequel del cinecomic “Kingsman: The Secret Service”, divertente e ironica spy story con protagonista Taron Egerton, affiancato da ...

 

The Young Pope: novità e curiosità sulla serie tv diretta da Paolo Sorrentino

Era stata annunciata lo scorso marzo, ma sembrerebbe che per la prima serie tv targata dal premio oscar Paolo Sorrentino ci siano già buone novità. The Young Pope – in italiano, Il giovane Papa – è una co-produzione HBO, Sky e il canale francese Canal Plus, composta da otto episodi da circa 50 minuti l’uno che...

 

Voice from the Stone: il film thriller con Emilia Clarke

Voice from the Stone. A quanto pare, sembra che dopo diversi anni di oblio, Hollywood e più in generale il cinema internazionale stiano tornando a riscoprire l'Italia come set ideale per importanti pellicole e produzioni televisive. A Cinecittà si sono riaperti di recente i cancelli per progetti ambiziosi, ad esempio il reboot di...

 

Top of the Lake: dopo due anni l'attesissima seconda stagione della serie tv è sempre più vicina

Top of the Lake Un'unica trama orizzontale che si sviluppa e si risolve nel giro di 7 episodi, una produzione degna di un lungometraggio cinematografico, un cast d'eccezione, un solo regista a dirigere e a rendere il tutto ancora più riconoscobile e virtuoso: questo (e molto altro) è “Top of the Lake”, miniserie della BBC ...

 

Regression: il film thriller con Emma Watson e Ethan Hawke

Regression. Non sempre nella carriera di un regista il film più personale è quello che riscuote i maggiori consensi: ne sa qualcosa Alejandro Amenabar, il regista spagnolo che dieci anni fa vinse l'Oscar per il miglior film straniero con "Mare dentro". Tanta è stata la delusione per la tiepida accoglienza di pubblico e critica ...

 

Bridget Jones 3 l'atteso ritorno, Renee Zellweger e Colin Firth protagonisti nel sequel ultimato da Emma Thompson

Bridget Jones 3. Lo aveva annunciato il britannico The Sun: il primo ciak del sequel di Bridget Jones 3 sarebbe avvenuto lo scorso 15 luglio, al Croke Park di Dublino, durante il concerto di Ed Sheeran. Non c'era Renée Zellweger nei panni dell'adorabile protagonista, ma una sua controfigura. La presenza della Zellweger avrebbe creato prevedi...

 

Bridget Jones 3, Renee Zellweger e Colin Firth pronti per l'atteso sequel

Bridget Jones 3. Il progetto era in cantiere da anni, ora finalmente prende forma. Il britannico The Sun lancia la notizia: sarebbero iniziate le riprese (segrete) del terzo capitolo di Bridget Jones. Per il primo ciak è stato scelto il concerto di Ed Sheeran, esibitosi lo scorso 15 luglio al Croke Park di Dublino. Riprese. La scena è...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni