X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Metal Gear Solid, aspettando il film ispirato all'amata saga di videogiochi

05/11/2016 08:00
Metal Gear Solid aspettando il film ispirato all'amata saga di videogiochi

Se ne parla ormai da dieci anni, ma a parte qualche annuncio ogni tanto, la produzione non riesce ancora a decollare. Un breve riepilogo di tutto quello che sappiamo sull'adattamento cinematografico di uno degli imperi videoludici più importanti degli ultimi 30 anni

È dal 2006 che si parla di un film ispirato alla mitica saga di videogiochi di “Metal Gear Solid”. L’ultimo annuncio concreto risale ormai a un anno fa, alla primavera del 2015, quando la Sony ha dichiarato di aver messo sotto contratto per la sceneggiatura Jay Basu. Nel 2014 è stato invece annunciato il regista, Jordan Vogt-Roberts, un nome che porta a pensare che la casa produttrice punti molto su questo progetto. Jordan Vogt-Roberts è infatti l’autore di “The Kings Of Summer”, film molto acclamato nel 2013 al Sundance, e anche di “Kong: Skull Island”, prequel di “King Kong” con Tom Hiddleston e J.K. Simmons in uscita nel 2017.

Le premesse ci sono, ora c’è solo da sperare che le avventure stealth dell'iconico Solid Snake ricevano un adattamento all'altezza della loro reputazione. La saga di Snake, partorita dalla mente del giapponese Hideo Kojima, affonda le sue radici nella grafica 2D dell'MSX2, console Sony dove, nel 1987, ha ha fatto il suo debutto il primo “Metal Gear”. La saga è definitivamente decollata con il boom di “Metal Gear Solid", uscito nel 1998 e rivelatosi un successo commerciale e di critica clamoroso: ha venduto 6 milioni di copie, e oggi è considerato uno dei videogiochi più importanti di tutti i tempi. Oggi il franchise ha all’attivo 5 capitoli principali, e svariati spin-off e DLC.

Tutti i videogiochi della serie si contraddistinguono, tra le altre cose, per la loro forte ispirazione cinematografica. Hideo Kojima è un grandissimo appassionato della Settima Arte, ed è sempre felice di parlare dei film che lo hanno aiutato a sviluppare le sue opere videoludiche: “I cannoni di Navarrone”, “Goldfinger”, “2001-Odissea nello spazio”, “Il Cacciatore" e “Full Metal Jacket” sono solo alcuni fra i tanti titoli che Kojima cita come sue fonti di ispirazione. Ciascuna di queste pellicole contiene qualche elemento che poi ritroviamo in uno dei capitoli di “Metal Gear Solid”, tanto a livello concettuale quanto puramente estetico o stilistico.

Ma c’è un film in particolare che forse più di tutti ha aiutato Kojima a gettare le basi di “Metal Gear Solid”: “La grande fuga”, cult del 1963 di John Sturges con Steve McQueen, Charles Bronson e Richard Attenborough, basato sull’omonimo libro di Paul Brickhill. In un articolo pubblicato nel 2002 sulla rivista ufficiale della Playstation 2 , Kojima dice che “fra tutte le esperienze filmiche che hanno fatto da fertilizzante per coltivare il frutto di MGS, [La grande fuga, n.d.r.] è stato uno dei più potenti”. L’autore arriva a dire che, senza questo film, i suoi videogiochi forse non esisterebbero. È da “La grande fuga” che "Metal Gear Solid" riprende uno dei suoi concetti base, ovvero il doversi nascondere dal nemico, con tutta la tensione e la suspense che questa situazione comporta. Da queste premesse, Kojima è riuscito a creare un prodotto in cui action, spionaggio e thriller si mescolano, in cui il giocatore prova il brivido di infiltrarsi nella base nemica e di dover poi fuggire. Il gioco non finisce se si viene catturati: semplicemente, il giocatore deve elaborare un piano di fuga migliore, proprio come Steve McQueen.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

Altri articoli Home

Le celebrità e lo sport: un connubio sempre vincente ad Hollywood

“Mens sana in corpore sano”: una grande verità che viene presa molto sul serio nel mondo di Hollywood, dove il culto del corpo e della (presunta) perfezione psico-fisica regna sovrano. Anche se le apparenze suggerirebbero il contrario, quello delle star è uno stile di vita per certi versi molto stressante, visto che da lor...

 

The Dinner, il film sulle colpe dei figli con Richard Gere e Laura Linney

The Dinner è il film di Oren Moverman con Richard Gere, Laura Linney, Steve Coogan e Rebecca Hall. Paul (Coogan) e sua moglie Claire (Linney), Stan (Gere) - fratello maggiore di Paul - e la consorte Katelyn (Hall) vanno ad un’elegante cena. Durante le portate, dall’aperitivo all’antipasto la scansione temporale segnata dal...

 

Il piacere dell'onestà: il controllo spia su smartphone da Shakespeare alla Corte europea

La possibilità di scoprire cosa affermi un’altra persona in nostra assenza è una delle curiosità insite nell’uomo. Già William Shakespeare in “Otello” (1603) raccontava di come il cinico Jago facesse ingelosire il protagonista: fa portare il fazzoletto della moglie Desdemona sulle mani del presunt...

 

Festival di Cannes, una foto storica con i protagonisti dei decenni

Al Festival di Cannes si è tenuto un photo call particolare, per celebrare i settanta anni dell’evento. Tra i vincitori c’erano Laurent Cantet  (Palma d’Oro nel 2008),  Jerry Schatzberg (Palma d’Oro Nel 1973),  Claude Lelouch  (vincitore del 1966),  Michael Haneke  (Palma d'Oro 2009-2012...

 

Film più visti della settimana, 'Alien: Covenant' e 'Everything, Everything' sono ai primi posti

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 19 al 21 maggio 2017 vede al primo posto la novità “Alien: Covenant” (36.160.621 dollari, leggi la recensione del comic): l'equipaggio di un’astronave scopre un paradiso inesplorato, dove però emerge anche una minaccia da cui fuggire. Al secondo posto sce...

 

Innamorato pazzo, il film commedia con Myrna Loy e William Powell sugli opposti conciliati

Innamorato pazzo (“Love Crazy”, 1941) è il film di Jack Conway con William Powell, Myrna Loy e Gail Patrick. usciva nelle sale statunitensi il 23 maggio del 1941. L’architetto eccentrico Steve Ireland (William Powell) e la moglie Susan (Myrna Loy) al quarto anniversario di matrimonio vorrebbero rivivere la prima notte...

 

Quando non erano famosi: i mestieri delle star agli esordi

Oggi li vediamo sulle riviste patinate, ma i protagonisti delle cronache mondane hanno dovuto percorrere una strada tutta in salita per raggiungere il successo. Dietro i volti distesi e imperturbabili di uomini e donne mature, molto spesso si nascondono ragazzi e ragazze che prima di raggiungere la fama hanno svolto i mestieri più duri e str...

 

Codice Unlocked, 'è tutta una questione di suspense': intervista all'attrice Jessica Boone

Codice Unlocked (Unlocked) è il film nelle sale diretto da Michael Apted. Nel cast ci sono Orlando Bloom, Noomi Rapace, Jessica Boone, John Malkovich e Michael Douglas. La trama s’incentra su Alice Racine (Noomi Rapace), agente della CIA esperta in interrogatori: reperisce informazioni su un imminente attacco a Londra e le riporta ad ...

 

Festival di Cannes 2017: le immagini di Jasmine Trinca e Stefano Accorsi per il film drammatico 'Fortunata'

Nelle immagini che mostriamo ci sono gli interpreti del film “Fortunata”, presentato al Festival di Cannes. La protagonista è Jasmine Trinca, che nelle foto è assieme al regista del film Sergio Castellitto, l’attore Stefano Accorsi e la sceneggiatrice Margaret Mazzantini. La trama è quella di Fortunata (Jasm...

 

King Arthur - Il potere della spada, i libri che hanno ispirato il film di Guy Ritchie

King Arthur - Il potere della spada (“King Arthur: Legend of the Sword") è il film nelle sale diretto da Guy Ritchie con Charlie Hunnam, Àstrid Bergès-Frisbey e Jude Law. La pellicola è liberamente ispirata a “La morte di Artù”, opera scritta da sir Thomas Malory nel XV secolo. Qui compaiono Cam...

 

Da non perdere

Ultime news
Recensioni