X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Max Steel e il cinema come impegno: intervista all'attore del film Billy Slaughter

28/10/2016 07:30
Max Steel il cinema come impegno intervista all'attore del film Billy Slaughter

Mauxa ha intervistato Billy Slaughter, attore del film "Max Steel" e "Jack Reacher"

Max Steel è il film attualmente nelle sale statunitensi, distribuito da Open Road Films e diretto da Stewart Hendler. La trama è ispirata ad un giocattolo di una nota marca: Max McGrath è amico di un alieno di acciaio, tanto che i due sono in simbiosi e utilizzano una forma unica di energia esoterica per diventare il supereroe Max Steel.

Mauxa ha intervistato l’attore Billy Slaughter che ha lavorato alla pellicola, recitando anche nei recenti “I magnifici 7” e “Jack Reacher”.

D. Nel film "Max Steel" interpreti l’agente Murphy. Ci puoi raccontare il tuo ruolo? Billy Slaughter. Murphy è un alto agente di un gruppo chiamato N-Tek che sta perseguendo una tecnologia molto ambita.

D. Il film d’azione richiede varie competenze.

B. S. Sì, il regista Stewart Hendler è metodico quando dirige, il che è particolarmente di sollievo durante un film d’azione e avventura. Può essere molto facile per tutti farsi prendere dall’azione ed eccitazione, così da mancare i dettagli. Stewart è rimasto sempre paziente. Poi è sempre bello lavorare con veterani come Andy Garcia e Maria Bello: sono sempre rilassati, aiutano tutti gli altri. Al contrario, mi piace vedere come Ben Winchell dia ambizione alle scene. Il personaggio di Max richiede una combinazione di molti fattori, penso che Ben abbia una miscela perfetta: lui ha davvero del talento, lavora duramente, sono contento che questo film lo porti alla ribalta.

D. Hai lavorato anche in "Jack Reacher". Come è stata esperienza?

B. S. Ero all’anteprima qualche giorno fa, il film è impressionante! Ed Zwick era sulla mia breve lista di registi con cui volevo lavorare. Naturalmente ero entusiasta di lavorare con Tom Cruise. È stato una di quelle esperienze per cui ho dovuto darmi dei pizzichi per vedere se fosse reale. D. Hai quindi sempre ammirato questo attore?

B. S. Quando ero piccolo, per me Tom Cruise rappresentava la più grande star del mondo. Non sapevo di voler diventare ancora un attore, ma sapevo per certo avrei dovuto essere freddo come Maverick in “Tom Gun”, qualunque cosa stessi facendo. Ma Tom sicuramente non riposa sugli allori: lui è ancora uno dei più vivaci lavoratori di cinema. Abbiamo avuto una scena davvero difficile, con riprese lunghe di notte, su una pista fredda su un lago. Tom potuto essere facilmente a riposare nel suo accogliente camper, ma era lì fuori tutta la notte, facendo il lavoro. Tom non si lamenta. Lui è un leader così naturale: è riconoscente con gli altri e si complimenta con loro. Egli dà sempre il massimo, ispira chi gli sta intorno a fare lo stesso.

D. Qual è la sfida più grande per chi decide di fare della recitazione una professione?

B. S. Penso che la sfida sia che si può fare tutto come si deve, e non ottenere nulla. Si tratta di una delle professioni più difficili, ma è così gratificante quando effettivamente si riesce. Suppongo che la più grande sfida personale per me in questo momento sia condurre la mia carriera al livello successivo. Può sembrare che recitare a New Orleans sia un lavoro ottimo, ma in realtà vieni spremuto: per molte persone sei fissato nel tuo ruolo, cosicché vieni preso in considerazione per le piccole parti, e si aspetta che qualcuno ti dia un aiuto per fare qualcosa di più grande. Sto finalmente lavorando per ruoli principali, ma questo significa che avrai lavoro in più, e potresti diventare uno dei tanti giovani “nomi” di Los Angeles..

D. La vita a New Orleans è vivace come mostrano i film e le serie tv?

B. S. Molti stranieri pensano alla versione cartolina della città di New Orleans, ma in realtà è un luogo ideale per crescere una famiglia. La maggior parte del mio tempo libero è speso con mia moglie e la figlia di sette anni, uscire con i bambini di seconda elementare. La mia vita è abbastanza domestica, che è il motivo per cui mi piace esplorare così tanto nel mio lavoro. Poi il cibo è ottimo qui: posso cucinare un po’ di gamberetti e granturco.

Oltre “I Magnifici 7” e “Max Steel”, Billy Slaughter sarà in “Cold Moon” e ”Arceneaux”: infine una commedia dark indie chiamata “Laundry Day”, attualmente in tour e - da protagonista - in “Dark Meridian”, un thriller.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Billy Slaughter



 
Galleria fotografica
Da non perdere






Ultime news
Recensioni