X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Intervista allo scrittore Lee Child, autore del personaggio Jack Reacher

18/10/2016 07:30
Intervista allo scrittore Lee Child autore del personaggio Jack Reacher

Mauxa ha intervistato Lee Child, scrittore dei romanzi che hanno come protagonista Jack Reacher. Dai romanzi sono stati tratti due film interpretati da Tom Cruise.

Lee Child è l’autore del personaggio letterario Jack Reacher, apparso per la prima volta nel 1997 nel romanzo “Zona pericolosa” (“Killing floor”). Mauxa lo ha intervistato.

Nei ventuno romanzi pubblicati, che hanno venduto più di 60 milioni di copie Jack Reacher si delinea come nato a Berlino Ovest nel 1960 da madre parigina, padre militare statunitense, cresciuto con il fratello maggiore Joe in vari villaggi dell’esercito. Da militare è Maggiore, è pluridecorato e abile tiratore. Quando lascia l’esercito conduce una vita vagabonda negli Stati Uniti, con poco soldi e uno spazzolino da denti. Dopo aver lasciato l’esercito è arrestato per omicidio, scoprendo che la vittima è proprio il fratello Joe.

Il romanzo del 2005 “La prova decisiva” (“One Shot”) è stato adattato nell’omonimo film del 2012 interpretato da Tom Cruise. “Jack Reacher - Punto di non ritorno” (“Jack Reacher: Never Go Back”, 2013) è trasposto al cinema nel film in uscita il 20 ottobre, distribuito dalla Paramount Pictures.

D. Nel romanzo "Jack Reacher, Never Go Back" la donna occupa un ruolo importante. Come mai?

Lee Child. Perché le donne occupano un ruolo importante in tutti i libri di Reacher. Anzi, in tutte le nostre vite. In questo caso particolare ho voluto esplorare la tensione all'interno di un rapporto che è stato in parte romantico e in parte professionale. Reacher deve interagire con Susan Turner, in parte per cortesia, e in parte perché è insito nel suo status.

D. Hai lavorato anche alla sceneggiatura del film?

L. C. Ho avuto un ruolo ufficiale nella produzione, ho visitato il set molte volte. Ho anche un piccolo cameo nel film.

D. Se tu fossi un personaggio di un romanzo, quale azione vorresti eseguire?

L. C. Se potessi farla franca, vorrei agire come fa Reacher.

D. "Night School" è il prossimo romanzo. Ci puoi raccontare qualcosa sulla trama?

L. C. Si tratta di un prequel, ambientato venti anni fa, nel 1996. Reacher è ancora sotto le armi. Volevo esplorare quel periodo in cui sapevamo di essere di fronte ad un nuovo tipo di minaccia per la sicurezza, ma non avevamo esattamente la certezza di cosa si trattasse. Trovo molto interessante il fatto che le agenzie governative siano disposte ad ammettere di avere di fronte qualcosa che ancora non hanno compreso, o non sanno come trattare. Nella storia di "Night School", un’unica frase è stata udita: "L'americano vuole un centinaio di milioni di dollari”. Da chi, e per cosa?

D. Sei inglese, ma sei andato a vivere a New York. C’è un motivo particolare?

L. C. Amo le città, e New York è la più grande di tutte.

D. Una domanda sulla tua vita privata. Come è la tua giornata tipo?

L. C. Sono molto sedentario. Non ho hobby tranne la lettura. Sono indifferente al cibo. Non faccio mai attività fisica. E quando si tratta di tecnologia, sono al passo con i tempi di dieci anni prima.

D. All’inizio dei tuoi romanzi ci sono sempre azioni, piuttosto che descrizioni: "Sono stato arrestato da Heno’s a mezzogiorno” in “Killing floor” (“Zona pericolosa”). "Alla fine hanno messo Reacher in una macchina e lo condussero in un motel ad un miglio di distanza” in “Jack Reacher: Never Go Back” (“Jack Reacher - Punto di non ritorno”). Come mai questa scelta?

L. C. Perché voglio afferrare il lettore all'inizio, con un senso di azione dinamica. Dando il senso di domande a cui rispondere.

D. Qual è il tuo film preferito e perché?

L. C. Questa è una domanda difficile. Forse "Seven", che è molto coraggioso dal punto di vista della scrittura.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Jennifer Lawrence e Emma Stone insieme in un film

Durante la tavola rotonda organizzata da The Hollywood Reporter, le attrici Jennifer Lawrence ed Emma Stone hanno affermato di voler lavorare ad un progetto insieme. L’incontro è avvenuto il 15 novembre, e vi hanno partecipato anche Mary J. Blige, Jessica Chastain, Allison Janney e Saoirse Ronan. "Mi piacerebbe molto. Continuo a...

 

Recensione del film ‘Most Beautiful Island’

Most Beautiful Island è il film di Ana Asensio uscito in questo giorni nelle sale statunitensi, ben accolto dalla critica. Lo stile è documentaristico, con la macchina da presa che pedina la protagonista Luciana (la stessa Ana Asensio) tra le peregrinazioni della metropoli di New York. Lei è immigrata ispanica, e nella citt&a...

 

Recensione film DC Comics, Justice League

Justice League è il film tratto dall’omonima serie a fumetti che unisce alcuni degli eroi più importanti della DC Comics in una trama che ha il prevalente scopo di presentare i personaggi al grande pubblico. L’inizio di una nuova ed attesa saga dove l’inevitabile esigenza di calare i protagonisti nella storia e di pr...

 

The Force, David Mamet scriverà il film diretto da James Mangold

La Fox ha annunciato che il 1 marzo 2019 sarà la data di uscita ufficiale di “The Force”, il thriller poliziesco diretto da James Mangold, regista di “Logan” e “Walk the Line – Quando l’amore brucia l’anima”. Il film sarà un adattamento dell’omonimo romanzo di Don Winslow (e...

 

Quentin Tarantino, il nuovo film prevede un budget da 100 milioni di dollari

Per il nuovo film di Quentin Tarantino si è avviata una gara nella scelta del distributore. Dopo lo scandalo sul produttore Harvey Weinstein, la sua società Weinstein Company non si occuperà più della distribuzione dei film di Tatantino, chiudendo una collaborazione avviata nel 1992 con "Le iene”. A contendersi l...

 

Recensione del film The Big Sick

The Big Sick è il film di Michael Showalter con Kumail Nanjiani, Zoe Kazan, Holly Hunter. Kumail (Kumail Nanjiani) è un giovane comico di standup di Chicago, usa la sua auto con Uber e la notte si esibisce. Negli sketch ironizza sulla cultura pakistana, e questo aspetto è tenuto nascosto alla famiglia musulmana.Durante uno spe...

 

Film più visti della settimana, ‘Thor: Ragnarok’ e ‘Daddy's Home 2’ ai primi posti

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 10 al 12 novembre 2017 conferma al primo posto "Thor: Ragnarok” (212.068.013 dollari,  leggi l’articolo): Thor lotta contro l’ex alleato Hulk, impedendo anche ad Hela di distruggere la civiltà asgardiana. Al secondo posto c’è la novit...

 

Cate Blanchett, è horror il nuovo film tratto da un romanzo

Cate Blanchett dopo il ruolo di Hela nel film “Thor: Ragnarock” lavorerà ad un film horror. “The House with a Clock in its Walls” è tratto da un romanzo del 1973, scritto da John Bellairs. L'orfano Lewis Barnavelt (Owen Vaccaro) si trasferisce nella città di New Zebede, nel Michigan. Qui abita lo zio Jo...

 

Lav Diaz, il nuovo film è un’opera rock

Lav Diaz, vincitore del Leone d’oro al Festival di Venezia 2016 con “The Woman Who Left” è al lavoro al nuovo film, dal titolo "Ang Panahon ng Halimaw" (letteralmente, “La stagione del diavolo”). Il film mescola musica, opera rock e dramma. A produrlo è Bianca Balbuena, che ha già lavorato a &ldqu...

 

Agadah, intervista all’attore del film Alessio Boni

“Agadah” è il film di Alberto Rondalli nelle sale da questa settimana. Mauxa ha intervistato l’attore Alessio Boni, che in queste settimane è anche al cinema con “La ragazza nella nebbia” e la serie tv “La strada di casa”. D. Nel film “Agadah” interpreti Pietro Di Oria. Puoi racco...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=23215079&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1