X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Venezia 73: Oci Ciornie, recensione del restauro tributo a Marcello Mastroianni

06/09/2016 08:30
Venezia 73 Oci Ciornie recensione del restauro tributo Marcello Mastroianni

Alla 73° Mostra d'Arte Cinematografica di Venezia, per la sezione Venezia Classici, un titolo spicca tra i tanti: a 20 anni dalla scomparsa di Marcello Mastroianni Oci Ciornie di Nikita Michalkov assume nuova forma restaurata, per una versione inedita decisamente diversa.

Nikita Michalkov dirige Oci Ciornie, film risalente al 1987 che vede protagonista indiscusso Marcello Mastroianni e che viene riproposto al pubblico del Festival di Venezia 2016 in una particolare versione restaurata da scoprire.

Marcello Mastroianni è Romano, un donnaiolo pigro e sognatore che si ritrova su un piroscafo a discorrere della sua vita con un signore russo. Riguardando nostalgicamente al passato Romano racconta del tempo in cui era sposato e, nonostante la moglie avesse problemi finanziari, decise di “andare a curarsi” in una clinica senza offrire alcun supporto alla consorte. In realtà Romano era solito inventare storie e portare avanti bugie trascorrendo il suo pernottamento alla clinica come fosse un albergo, vivendo più di qualche avventura senza preoccupazioni. La situazione giunse ad un inaspettato cambiamento quando Romano fece la conoscenza di Anna, una giovane russa sposata con un uomo più anziano di lei, che non amava. I due si scambiarono opinioni, si conobbero più approfonditamente e, nell’illusione di una futura vita insieme, Romano corse a cercarla dopo che lei era ritornata in Russia, ma la forza d’animo è labile e quello che appariva come un vivo desiderio di trascorrere la propria vita insieme, poi apparve a Romano come un sogno irrealizzabile. Provando rimpianto e desolazione, Romano porterà a termine il racconto, anche se alla fine una sorpresa sconvolgerà il presente del protagonista.

Premiato per la Migliore interpretazione al Festival di Cannes nel 1987 proprio per Oci Ciornie, Marcello Mastroianni viene ricordato e celebrato dal Festival di Venezia 2016 con un’inaspettata versione restaurata dello stesso, che vede l’inserimento in montaggio di ben 20 minuti inediti, con nuove scene in cui i personaggi approfondiscono le loro relazioni, oltre ad un diverso finale rispetto a quello proposta a Cannes.

Per rendere omaggio ad un attore cardine del simbolismo felliniano, ad esattamente 20 anni dalla sua scomparsa, viene preso a prestito il lungometraggio di Nikita Michalkov dove il popolare attore italiano diventa istrione davanti la macchina da presa, un clown sui generis capace di far divertire non solo le interlocutrici delle sue storie ricche di immaginazione, ma anche lo spettatore che segue una performance comica, ma allo stesso tempo drammaticamente e nostalgicamente riflessiva.

Su sfondo cechoviano, mettendo in scena per grande schermo invece che per teatro una storia che guarda nostalgicamente al passato di un uomo incapace di decidere delle proprie azioni, ritroviamo il personaggio di Romano, che sembra incastonare su di sé l’essenza del cinema e del teatro. “Nel cinema è l’occhio che ha grande importanza, il primo piano, mentre nel teatro è la voce”, ebbene, Oci Ciornie sembra prendere gli elementi di entrambi, primo piano e voce, ed inserirli a pieno nel testo filmico, per un prodotto che, soprattutto nella versione restaurata disponendo di scene in più, mostra la potenza espressiva e da palcoscenico della stella a cui è stato dedicato il lavoro, Marcello Mastroianni.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Marcello Mastroianni



Articoli correlati

Libro Ieri, oggi, domani. La mia vita: l'autobiografia di Sofia Loren in libreria

Ieri, oggi, domani. La mia vita di Sophia Loren. Sophia Loren si racconta per la prima volta in un libro: Ieri, oggi, domani. La mia vita, autobiografia edita da Rizzoli appena uscita in libreria. Sophia Loren il sodalizio artistico con Vittorio De Sica e Marcello Mastroianni. Intervistata da Fabio Fazio a Che Tempo che fa, Sophia Loren ricorda la...

 

Marcello Mastroianni: risale al 1700 il casale dell'attore di 2000 mq che è in vendita a Lucca

Marcello Mastroianni, suo il casale risalente al 1700 e messo in vendita con un annuncio su immobiliare.it. In tutto 2000 mq, la villa è immersa nelle colline toscane e il suo prezzo è di 1 milione e 200 mila euro. Casale di Marcello Mastroianni. Immersa nelle colline toscane la villa si sviluppa su una superficie di 860 mq, ma ci so...

 

Festival di Cannes, l'intramontabile Marcello Mastroianni nella locandina, edizione 67 all'orizzonte

Il Festival del cinema di Cannes ha scelto l'immagine di copertina, la sua cover per presentarsi in forma smagliante alla 67esima edizione che si avvicina sempre più. Lo ha fatto usando l'immagine di Marcello Mastroianni, celebre attore reso immortale dai film di Federico Fellini. Paul Newman. La 67esima edizione del Festival del cinema di ...

 

Festival di Cannes 2011: diario dell’8° giorno, This Must Be The Place di Paolo Sorrentino

Festival di Cannes 2011: diario dell’8° giorno, tra pelle sintetica e ricerche naziste. Il Festival che volge al termine, basito dalla situazione innescata da Lars Von Trier per le sue affermazioni anti-semite, propone gli ultimi film in gara. La Piel Que Habito  dello spagnolo Pedro Almodóvar racconta di un chirurgo pla...

 

Federico Fellini: Otto e mezzo, il film classico con Claudia Cardinale e Marcello Mastroianni

Guido Contini si trova in un ingorgo: all'improvviso tenta di uscire dall'auto ma il finestrino è sigillato. Lo ritroviamo in cielo, con una fune che gli strattona la caviglia. Precipita sulla spiaggia. Durante un incontro con un critico d'arte, alle terme di Chiancano, Guido ha la visone di Claudia: una ragazza dal viso candido e disciplin...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni