X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Festival di Venezia 2016, 'Tutti a casa': l'Italia postbellica tra confusione e responsabilità

05/09/2016 17:45
Festival di Venezia 2016 'Tutti casa' l'Italia postbellica tra confusione responsabilità

Il film "Tutti a casa" è stato proiettato alla 73. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica, nell'ambito di Venezia Classici.

Abbiamo guardato il film "Tutti a casa", diretto nel 1960 da Luigi Comencini e proiettato in versione restaurata alla 73. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica, nell'ambito di Venezia Classici. 

Nel raccontare il caotico disordine sociale successivo all'8 settembre 1943, l'opera del regista fornisce un dettagliato e originale ritratto delle conseguenze che l'armistizio Badoglio ebbe sulla popolazione italiana. Per condurre la sua opera, il regista ha scelto il personaggio del sottotenente Alberto Innocenzi, interpretato da Alberto Sordi, impeccabile nell'evidenziare lo stato confusionale successivo all'evento storico e abile nell'attribuirgli alcuni connotati propri dell'italiano medio.

La narrazione prende avvio con l'incontrollato entusiasmo successivo all'annuncio dell'armistizio, al quale segue un desiderio collettivo dei soldati, tornare a casa. Il sottotenente Alberto Innocenzi è colto da un'improvvisa incapacità di gestire la situazione, pertanto decide di raggiungere un comando e ottenere istruzioni. 

La costruzione del personaggio lascia emergere l'incapacità di cambiare atteggiamento dovuta al ridimensionamento della visione del proprio ruolo. L'abitudine a seguire ordini e istruzioni lascia spazio a un'improvvisa necessità di prendere decisioni e di ricercare il coraggio della scelta. Il protagonista di "Tutti a casa" viene inevitabilmente proiettato ad affrontare quello che Luigi Comencini definì il "passaggio dalla guerra subita alla guerra popolare". 

Lo spettatore è coinvolto in un disordinato viaggio dal Veneto a Napoli, compiuto dal sottotenente insieme a personaggi accuratamente determinati, costretti ad affrontare le numerose difficoltà legate al periodo storico, descritte con un prezioso tocco ironico. L'opera del regista è compresiva di tragiche sfumature dell'Italia postbellica, la cui drammaticità finisce per incidere profondamente nella coscienza del protagonista del film, che nel mezzo dell'insurrezione di Napoli finisce col prendere in mano una mitragliatrice e dopo essere stato sopraffatto dagli eventi compie concretamente una scelta di responsabilità, partecipando attivamente al conflitto per la liberazione. 

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Luigi Spezzi
Home
 
Personaggi correlati
Alberto Sordi



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Alberto Sordi, anche i suoi articoli di giornale in mostra a Roma

Alberto Sordi sarà ricordato a 10 anni dalla scomparsa al Complesso del Vittoriano: dal 15 febbraio al 31 marzo 2013 “Alberto Sordi e la sua Roma” rende omaggio alla sua figura, permeando il rapporto con la capitale attraverso fotografie, filmati, lettere autografe, materiali audio e video, sceneggiature, installazioni, oggetti e...

 

Alberto il Grande, il documentario di Carlo Verdone in omaggio a Sordi

Carlo Verdone rende omaggio ad Alberto Sordi con Alberto il Grande, documentario nato grazie al sostegno dell'Assessorato alla Cultura della Regione Lazio, prodotto da Arimvideo con la collaborazione di Medusa Film. Verdone, insieme al fratello documentarista Luca, comincerà le riprese di Alberto il Grande nei prossimi giorni. Un'anteprima &...

 

Recensione film Red Lights, Robert De Niro e l'enigmatica caccia ai fenomeni paranormali

Red Lights, presentato la scorsa settima al Lucca Comics 2012, è il thriller psicologico e drammatico che presenta un duo d'eccezione composto dagli attori Sigourney Weaver e Robert De Niro, diretti da Rodrigo Cortés che nel 2010 è stato il regista dell'apprezzato film Buried - Sepolto. La dottoressa Margaret Matheson (Sigourn...

 

Il film Transformers 3 e il successo dei robot al cinema

Il film Transformers 3 ha ottenuto ottimi incassi: Dark of the Moon ha guadagnato circa 162 milioni di dollari nel Nord America (in Usa è uscito il 3 luglio 2011), e 210 milioni dollari negli altri territori. Con un totale di 372 milioni di dollari, segna il terzo posto come maggior incasso di tutti i tempi dietro Harry Potter e il principe ...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni