X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Venezia 73: Spira Mirabilis, recensione dell'incontro emblematico tra naturale ed artificiale

05/09/2016 08:30
Venezia 73 Spira Mirabilis recensione dell'incontro emblematico tra naturale ed artificiale

Massimo D'Anolfi e Martina Parenti propongono al pubblico del Festival del Cinema di Venezia 2016 un film dal taglio documentaristico che pone in aperto contrasto la natura e l'artificialità, prendendo ad esame i quattro elementi terrestri, per un prodotto selezionato in concorso.

Il lungometraggio Spira mirabilis cattura elementi, storie, racconti e leggende, oltre a documentati archivi, per dare vita ad un collage di assonanze visive e simboliche firmato Massimo D’Anolfi e Martina Parenti.

«Simbolo di perfezione e di infinito, “la spirale meravigliosa” o “spira mirabilis”, come venne chiamata dal matematico Jackob Bernoulli, rappresenta una spirale logaritmica il cui raggio cresce ruotando e la cui curva si avvolge intorno al polo senza però raggiungerlo mai», questa la definizione del modello di spirale che dà il nome al progetto, questo il divario esistente tra mondo naturale e mondo artificiale, divario che può assottigliarsi, ma mai essere colmato del tutto.

Spira mirabilis accosta diverse immagini in movimento, ognuna esprimente un’azione, dando vita ad un collage di cause ed effetti che strizza l’occhio alla forma documentario, ma vuole essere un esperimento visivo affiancato al lungometraggio. Offrendo al pubblico un montaggio operando un’accurata ricerca di spazi e di tempi, di azioni e di reazioni, Martina Parenti e Massimo D’Anolfi hanno girato a quattro mani in diversi luoghi del globo terrestre per esprimere ed immortale antichi mestieri propri dell’essere umano, così come costruzioni artificiali, posti accanto a ciò che di più naturale il mondo abbia da offrire, quali i canonici quattro elementi: acqua, fuoco, terra ed aria.

Attraverso l’utilizzo di innovative lenti microscopiche, i due registi posizionano la macchina da presa in modo da operare ricerche osservando ciò che fino a poco fa era quasi considerato inosservabile, svelando associazioni e confronti finora rimasti disconnessi tra loro. E allora echi tra i boschi accompagnano fragorose demolizioni, mettendo in collegamento in sequenza, attraverso semplici operazioni di montaggio, il ripetitivo crollo di fitti alberi facenti parte di una foresta con l’altrettanto ripetitivo crollo di mura artificiali, stabilendo il contrasto tra uomo e natura, cercando di edificare una porta comunicante tra i due mondi opposti.

Oltre alla materialità tangibile e concreta dell’elemento terra, quello che risalta subito all’occhio è il continuo accostamento di flussi di diverso tipo, dall’aria che si percepisce sotto forma di suono e movimento, all’acqua, che scorre incessantemente e limpidamente. E se la condizione umana non riesce a coprire il divario esistente tra essere umano stesso e natura circostante, natura capace di inglobarlo nella sua perfezione, allora compaiono statue inanimate, più precisamente le statue accolte nel Duomo di Milano, e la condizione umana è sancita: immobile di fronte al caos imposto dall’artificialità, l’uomo non può far altro che essere testimone della sua esistenza perché, come indicato esplicitamente da Massimo D’Anolfi e Martina Parenti, l’uomo non è altro che un ospite passeggero della natura.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Altri articoli Home

Recensione del film Noi siamo tutto

La discendenza da un romanzo è evidente in “Noi siamo tutto” (“Everything Everything”), film di Stella Meghie tratto dall’opera di della scrittrice Nicola Yoon. Della reclusione in un appartamento della giovane adolescente Maddy Whittier (Amandla Stenberg), ai gesti che portano il suo nuovo vicino di casa Nick R...

 

'The Lifeboat', il film prodotto ed interpretato da Anne Hathaway ha un nuovo regista

Joe Wright non dirigerà più “The Lifeboat”, il film tratto dall’omonimo libro di Charlotte Rogan. Anne Hathaway resta comunque coinvolta nel progetto nei panni di produttrice e di attrice protagonista. Il romanzo di Rogan si apre con un processo in cui il personaggio principale, Grace Winter, è accusata di om...

 

Matt Damon, protagonista del nuovo film 'Charlatan'

Matt Damon interpreterà il ruolo del ciarlatano John R. Brinkley nel nuovo film “Charlatan”. La storia è quella reale di un uomo nel Kansas, sedicente medico che negli anni Venti introdusse un metodo chirurgico straordinario usando le ghiandole delle capre per curare l'impotenza negli agricoltori locali. Divenne cos&igrav...

 

Recensione del film Valerian e la città dei mille pianeti

Valerian e la città dei mille pianeti (“Valérian et la Cité des mille planètes") è il film di fantascienza di Luc Besson. L’esordio avviene in un luogo paradisiaco, tra esseri umanoidi ed esplosioni che avvertono di una minaccia imminente. Già qui Besson è vittima dello stesso materiale ...

 

First They Killed My Father, il film di Angelina Jolie conviene la critica

First They Killed My Father è il film di Angelina Jolie che ha ottenuto ottime recensioni negli Stati Uniti. La storia è quella dell’attivista Loung Ung, che per sopravvivere al regime cambogiano dei Khmer Rossi dal 1975 al 1978 vede disgregata la propria famiglia. La storia viene raccontata dalla protagonista, una bambina di c...

 

L'incredibile vita di Norman, incontro con Richard Gere: 'il mio personaggio vorrebbe esaudire le promesse'

L'incredibile vita di Norman (“Norman: The Moderate Rise and Tragic Fall of a New York Fixer”) è il film di Joseph Cedar con Richard Gere, presentato a Roma. La pellicola negli Stati Uniti è uscita ad aprile 2017 ed ha ottenuto recensioni positive. La storia racconta del faccendiere Norman Oppenheimer, che a New York tess...

 

Film più visti della settimana, la novità è 'American Assassin'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 15 al 17 settembre 2017 conferma il primo posto per “IT”, tratto dal romanzo di Stephen King (218.710.619 dollari): la creatura malvagia che uccide i bambini della città è tornata, mentre sette abitanti cercano di eliminarlo. Al secondo posto entra “Ameri...

 

'Meg', l'horror con protagonista Jason Statham arriva nel 2018

Ha dovuto aspettare due decenni, ma Steve Alten avrà finalmente la soddisfazione di vedere il proprio best-seller trasformato in un horror da 150 milioni di dollari con Jason Statham nei panni del protagonista. In un primo momento “Meg” sarebbe dovuto uscire il 2 marzo 2018, ma poi la Warner Bros ha deciso di rimandarlo al 10 ag...

 

Red Sparrow, prime immagini del film thriller con Jennifer Lawrence

È stato diffuso il primo trailer del film “Red Sparrow”, diretto da Francis Lawrence (leggi l’articolo sul film). Nelle immagini appare la protagonista Dominika (Jennifer Lawrence) mentre attende nella prova camera. Seguono degli omicidi: in realtà lei è reclutata dalla Sparrow School, un servizio segreto di ...

 

L'imperatrice Caterina, il film dalle potenti passioni con Marlene Dietrich

L'imperatrice Caterina (“The Scarlet Empress”) è il film del 1934 di Josef von Sternberg che usciva in questi giorni nelle sale statunitensi. La giovane principessa tedesca, Sophia Frederica (Marlene Dietrich) è scelta dalla regina Elisabetta di Russia per sposare il nipote, il principe Pietro (Sam Jaffe), così da ...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=22587639&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1