X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Venezia 73: Spira Mirabilis, recensione dell'incontro emblematico tra naturale ed artificiale

05/09/2016 08:30
Venezia 73 Spira Mirabilis recensione dell'incontro emblematico tra naturale ed artificiale

Massimo D'Anolfi e Martina Parenti propongono al pubblico del Festival del Cinema di Venezia 2016 un film dal taglio documentaristico che pone in aperto contrasto la natura e l'artificialità, prendendo ad esame i quattro elementi terrestri, per un prodotto selezionato in concorso.

Il lungometraggio Spira mirabilis cattura elementi, storie, racconti e leggende, oltre a documentati archivi, per dare vita ad un collage di assonanze visive e simboliche firmato Massimo D’Anolfi e Martina Parenti.

«Simbolo di perfezione e di infinito, “la spirale meravigliosa” o “spira mirabilis”, come venne chiamata dal matematico Jackob Bernoulli, rappresenta una spirale logaritmica il cui raggio cresce ruotando e la cui curva si avvolge intorno al polo senza però raggiungerlo mai», questa la definizione del modello di spirale che dà il nome al progetto, questo il divario esistente tra mondo naturale e mondo artificiale, divario che può assottigliarsi, ma mai essere colmato del tutto.

Spira mirabilis accosta diverse immagini in movimento, ognuna esprimente un’azione, dando vita ad un collage di cause ed effetti che strizza l’occhio alla forma documentario, ma vuole essere un esperimento visivo affiancato al lungometraggio. Offrendo al pubblico un montaggio operando un’accurata ricerca di spazi e di tempi, di azioni e di reazioni, Martina Parenti e Massimo D’Anolfi hanno girato a quattro mani in diversi luoghi del globo terrestre per esprimere ed immortale antichi mestieri propri dell’essere umano, così come costruzioni artificiali, posti accanto a ciò che di più naturale il mondo abbia da offrire, quali i canonici quattro elementi: acqua, fuoco, terra ed aria.

Attraverso l’utilizzo di innovative lenti microscopiche, i due registi posizionano la macchina da presa in modo da operare ricerche osservando ciò che fino a poco fa era quasi considerato inosservabile, svelando associazioni e confronti finora rimasti disconnessi tra loro. E allora echi tra i boschi accompagnano fragorose demolizioni, mettendo in collegamento in sequenza, attraverso semplici operazioni di montaggio, il ripetitivo crollo di fitti alberi facenti parte di una foresta con l’altrettanto ripetitivo crollo di mura artificiali, stabilendo il contrasto tra uomo e natura, cercando di edificare una porta comunicante tra i due mondi opposti.

Oltre alla materialità tangibile e concreta dell’elemento terra, quello che risalta subito all’occhio è il continuo accostamento di flussi di diverso tipo, dall’aria che si percepisce sotto forma di suono e movimento, all’acqua, che scorre incessantemente e limpidamente. E se la condizione umana non riesce a coprire il divario esistente tra essere umano stesso e natura circostante, natura capace di inglobarlo nella sua perfezione, allora compaiono statue inanimate, più precisamente le statue accolte nel Duomo di Milano, e la condizione umana è sancita: immobile di fronte al caos imposto dall’artificialità, l’uomo non può far altro che essere testimone della sua esistenza perché, come indicato esplicitamente da Massimo D’Anolfi e Martina Parenti, l’uomo non è altro che un ospite passeggero della natura.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

Altri articoli Home

Recensione del film Uncertain, il lago delle 94 vite

Uncertain è il film di Ewan McNicol e Anna Sandilands che è uscito a marzo 2017 negli Stati Uniti. Dopo aver ottenuto il premio al Tribeca Film Festival del 2015, è stato presentato al Museo MoMa di New York ed è stato acclamato dalla critica. Uncertain è un paese di 94 abitanti al Harrison County nel Texas, al c...

 

Jonathan Demme, scrisse anche un libro il regista scomparso

Jonathan Demme, il regista scomparso oggi a New York aveva raccontato il suo rapporto con lo sceneggiatore di "Philadelphia" in un libro ripubblicato di recente. Si tratta di "Blue Days, Black Nights: A Memoir of Desire". Negli anni immediatamente dopo la sua candidatura agli Academy Award per "Philadelphia", lo sceneggiatore Ron Nyswaner affronta...

 

La Moglie di Frankenstein, forse il remake Universal ha il suo regista

Stando a “Deadline” Bill Condon, regista dell’adattamento live-action de “La Bella e la Bestia” che ha fatto incassare alla Disney più di un miliardo di dollari in tutto il mondo, è stato contattato per sviluppare il remake de “La Sposa di Frankenstein”, pietra miliare del cinema horror che &l...

 

Marilyn Monroe, la casa di West Los Angeles in vendita per 6,9 milioni di dollari

La casa di Marilyn Monroe di Brentwood è tornata in vendita, per la cifra di 6,9 milioni di dollari. L’attrice la acquistò per una somma di 90.000 dollari all'inizio del 1962, in una zona appartata di West Los Angeles. L’abitazione è grande 243 metri quadrati, con una residenza principale e una dependance per gli ...

 

Recensione del film L'amore criminale

L’amore criminale (“Unforgettable”) è il film di Denise Di Novi con Rosario Dawson, Katherine Heigl e Geoff Stults. Nella scena in cui Tessa Connover (Katherine Heigl) cerca di far restare la figlia Lily su un pericolo cavallo, e la nuova compagna del marito Julia Banks (Rosario Dawson) la dissuade si mostra già la ...

 

Elton John: il produttore di 'Gnomeo & Juliet: Sherlock Gnomes' è in via di guarigione

Elton John, il cantate e produttore inglese ha rischiato la vita per aver contratto un’infezione batterica in Sud America. “Durante un recente tour di successo del Sud America, Elton ha contratto un'infezione batterica dannosa e insolita”, ha affermato un portavoce dell’artista in un comunicato diramato lunedì 24 apr...

 

Film più visti della settimana: 'Fast & Furious 8' e 'Baby Boss' mantengono immutata la classifica

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 21 al 23 aprile 2017 conferma al primo posto il film “Fast & Furious 8” (“The Fate of the Furious”, 163.304.635 dollari): Dom Toretto a causa di una seducente Cipher tradisce la famiglia e gli amici tentano di redimerlo (leggi la recensione). Al secondo posto...

 

Recensione del film La tenerezza

La tenerezza è il film di Gianni Amelio nelle sale. Nel cast ci sono Renato Carpentieri, Elio Germano, Giovanna Mezzogiorno, Micaela Ramazzotti, Greta Scacchi (leggi l'articolo sull'incontro con il cast) Il film esplora come l’incosciente che è fuori di noi possa segnarci. Così il protagonista Lorenzo (un compatto Renato...

 

L'inganno, immagini dell'infrazione dei tabù nel video del film con Nicole Kidman

È stato pubblicato un nuovo trailer del film “L’inganno”, diretto da Sofia Coppola. Nel trailer si mostra Martha Farnsworth (Nicole Kidman) che gestisce un collegio: arriva John McBurney (Colin Farrell) un soldato trovato nei paraggi, e le giovani cominciano a provare attrazione per lui. Da Edwina Dabney (Kirsten Dunst) a ...

 

Tribeca Film Festival, 'siamo attenti a ciò che emerge': intervista a Tammie Rosen

Il Tribeca Film Festival si svolge a New York fino al 30 aprile. Fondato nel 2002 da Robert De Niro e Craig Hatkoff negli anni si è sviluppato fino a presentare film come “Insomnia", “La leggenda degli uomini straordinari”, “Spider-Man 3” e “The Avengers”. Nel 2016 il vincitore è stato “...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni