X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

The Witch: recensione del film dove la paura per il non-conoscibile batte la razionalità umana

18/08/2016 08:00
The Witch recensione del film dove la paura per il non-conoscibile batte la razionalità umana

Robert Eggers dirige la giovanissima Anya Taylor-Joy in un film dove la stregoneria del Seicento è quasi pretesto per parlare dell'incapacità dell'uomo di affidarsi alla positività della ragione, deviando verso la negatività di un soprannaturale che non è dato da conoscere.

L’esordiente alla regia Robert Eggers dirige un thriller dalle venature orrifiche destinato ad esporre una riflessione sulla condizione della paura dell’uomo.

The Witch è ambientato negli Anni’30 del 1600 quando una famiglia coloniale, minacciata di essere bandita dalla Chiesa, è costretta ad abbandonare la piantagione nella quale vive, raccogliendo i propri averi, e a sistemarsi in una nuova località, situata nei pressi di un antico bosco del New England. La famigliola di pellegrini cristiani deve adeguarsi alla nuova sistemazione, ma prima ancora che possa porre radici, viene colpita da una grave perdita: il figlio più piccolo, un neonato di pochi mesi, scompare senza lasciar traccia a seguito di un breve momento di distrazione della sorella maggiore Thomasin (Anya Taylor-Joy). Da allora in poi la vita della famiglia cambierà: superstizioni, miste ad un credo dal sapore legato alla stregoneria, dilagano nelle menti seminando pathos distruttivo che non potrà non coinvolgere tutti i malcapitati, compresa la piccola ed indifesa Thomasin.

Robert Eggers, che firma con The Witch il suo primo lungometraggio in qualità di regista, semina all’interno del film, di cui è anche sceneggiatore, numerosi indizi, necessari a creare e a nutrite il pathos via via crescente. Un bambino scompare senza lasciare tracce, poi degli animali presenti all’interno del villaggio, nuova sistemazione della famiglia, iniziano a manifestare comportamenti insolitamente tendenti all’aggressività, e ancora il raccolto viene distrutto ed un altro bambino si dimostra come posseduto da un’oscura presenza demoniaca. Tutti questi indizi convogliano nella mente dello spettatore, quanto in quelle dei protagonisti, fino a sfociare in sentenze ammonitrici nei confronti di un capro espiatorio che vede la sua persona divenire personificazione del male.

Ambientato intorno al 1630 in un New England ricreato alla perfezione attraverso scenografie e costumi rispecchianti l’epoca, The Witch, e con esso il regista Robert Eggers, dimostra come la fede in qualcosa che non è dato conoscere possa sfociare in ossessione e, senza essere in grado di apportare considerazioni oggettive a problemi ed avvenimenti insoliti ed irrisolti, cancellare pensieri positivi come se il negativo infettasse irrimediabilmente tutto intorno a sé.

The Witch sancisce come l’uomo sia capace di puntare il dito contro l’altro uomo, contro il proprio fratello, unicamente per paura del razionalmente non-accettabile. Robert Eggers è capace di immortalare la paura ed imprigionarla in primi piani indagatori dei turbolenti stati d’animo attraversati dai protagonisti. Usufruendo di una colonna sonora adatta ad instillare il germe del non-conoscibile, del soprannaturale come causa di ogni male, il regista ritrae l’atteggiamento dell’uomo difronte alle proprie paure, ponendolo all’attenzione degli altri esseri umani, personaggi quanto spettatori, e decretando come la negatività si autoalimenti, spadroneggiando sulle possibilità limitate della ragione.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Il piacere dell'onestà: il controllo spia su smartphone da Shakespeare alla Corte europea

La possibilità di scoprire cosa affermi un’altra persona in nostra assenza è una delle curiosità insite nell’uomo. Già William Shakespeare in “Otello” (1603) raccontava di come il cinico Jago facesse ingelosire il protagonista: fa portare il fazzoletto della moglie Desdemona sulle mani del presunt...

 

Festival di Cannes, una foto storica con i protagonisti dei decenni

Al Festival di Cannes si è tenuto un photo call particolare, per celebrare i settanta anni dell’evento. Tra i vincitori c’erano Laurent Cantet  (Palma d’Oro nel 2008),  Jerry Schatzberg (Palma d’Oro Nel 1973),  Claude Lelouch  (vincitore del 1966),  Michael Haneke  (Palma d'Oro 2009-2012...

 

Film più visti della settimana, 'Alien: Covenant' e 'Everything, Everything' sono ai primi posti

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 19 al 21 maggio 2017 vede al primo posto la novità “Alien: Covenant” (36.160.621 dollari, leggi la recensione del comic): l'equipaggio di un’astronave scopre un paradiso inesplorato, dove però emerge anche una minaccia da cui fuggire. Al secondo posto sce...

 

Innamorato pazzo, il film commedia con Myrna Loy e William Powell sugli opposti conciliati

Innamorato pazzo (“Love Crazy”, 1941) è il film di Jack Conway con William Powell, Myrna Loy e Gail Patrick. usciva nelle sale statunitensi il 23 maggio del 1941. L’architetto eccentrico Steve Ireland (William Powell) e la moglie Susan (Myrna Loy) al quarto anniversario di matrimonio vorrebbero rivivere la prima notte...

 

Quando non erano famosi: i mestieri delle star agli esordi

Oggi li vediamo sulle riviste patinate, ma i protagonisti delle cronache mondane hanno dovuto percorrere una strada tutta in salita per raggiungere il successo. Dietro i volti distesi e imperturbabili di uomini e donne mature, molto spesso si nascondono ragazzi e ragazze che prima di raggiungere la fama hanno svolto i mestieri più duri e str...

 

Codice Unlocked, 'è tutta una questione di suspense': intervista all'attrice Jessica Boone

Codice Unlocked (Unlocked) è il film nelle sale diretto da Michael Apted. Nel cast ci sono Orlando Bloom, Noomi Rapace, Jessica Boone, John Malkovich e Michael Douglas. La trama s’incentra su Alice Racine (Noomi Rapace), agente della CIA esperta in interrogatori: reperisce informazioni su un imminente attacco a Londra e le riporta ad ...

 

Festival di Cannes 2017: le immagini di Jasmine Trinca e Stefano Accorsi per il film drammatico 'Fortunata'

Nelle immagini che mostriamo ci sono gli interpreti del film “Fortunata”, presentato al Festival di Cannes. La protagonista è Jasmine Trinca, che nelle foto è assieme al regista del film Sergio Castellitto, l’attore Stefano Accorsi e la sceneggiatrice Margaret Mazzantini. La trama è quella di Fortunata (Jasm...

 

King Arthur - Il potere della spada, i libri che hanno ispirato il film di Guy Ritchie

King Arthur - Il potere della spada (“King Arthur: Legend of the Sword") è il film nelle sale diretto da Guy Ritchie con Charlie Hunnam, Àstrid Bergès-Frisbey e Jude Law. La pellicola è liberamente ispirata a “La morte di Artù”, opera scritta da sir Thomas Malory nel XV secolo. Qui compaiono Cam...

 

Unicorn Store, il debutto alla regia della stella nascente Brie Larson

“Unicorn Store”, è questo il titolo del film con cui la giovane e talentuosa Brie Larson ha deciso di fare il suo debutto dietro la cinepresa. Scritto da Samantha McIntyre, racconterà le vicende di una giovane donna che torna a vivere con i suoi genitori. Una volta rientrata nella sua città natale, scopre un negozio...

 

Festival di Cannes 2017: le immagini di Michelle Williams e Julianne Moore per il film drammatico 'Wonderstruck'

Nelle immagini che mostriamo ci sono gli interpreti del film “Wonderstruck”, presentato al Festival di Cannes. L’evento si è tenuto presso il Nikki Beach: hanno partecipato Julianne Moore, Michelle Williams, il regista Todd Haynes, Millicent Simmonds, Jaden Michael e la produttrice Christine Vachon. Il film racconta di du...

 

Da non perdere

Ultime news
Recensioni