X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

La notte del giudizio: Election Year, la giustizia sociale è ristabilita nel film di James DeMonaco

15/07/2016 11:52
La notte del giudizio Election Year la giustizia sociale ristabilita film di James DeMonaco

"La notte del giudizio: Election Year" è il film di James DeMonaco in uscita in Italia: nel film la giustizia sociale è ristabilita grazie ad una figura femminile.

The Purge 3: Election Year (“La notte del giudizio: Election Year”) è il film di James DeMonaco distribuito dalla Universal Pictures il 28 luglio 2016. Negli Stati Uniti è uscito il 1 luglio 2016, ottenendo un ottimo incasso di 52,6 milioni di dollari, con un cast composto da Frank Grillo, Edwin Hodge e Elizabeth Mitchell.

James DeMonaco torna quindi alla tematica della giustizia sociale, dopo i film “La notte del giudizio” (“The Purge”, 2013) e “Anarchia - La notte del giudizio” (“The Purge: Anarchy”, 2014) che hanno incassato in totale 201,9 milioni di dollari. Stavolta alla base del film ci sono le elezioni presidenziali, con la senatrice Roan (Elizabeth Mitchell) che nella campagna elettorale propone di porre fine allo sfogo (la traduzione letterale di “The Purge” è “lo spurgo” o “la purga”). Questo evento si verifica per 12 ore, il 21 marzo dalle ore 19:00 fino alle 7 del mattino successivo, echeggiando i Crypteia di Sparta.

È proprio la giustizia sociale a fare da spartiacque in questo terzo episodio della saga. Se alcuni politici vedono in The Purge la possibilità di eliminare crimini  per ottenere voti, stavolta è un politico stesso ad essere il portavoce della giustizia. L’attrice Elizabeth Mitchell - che interpreta la senatrice Roan - assieme a James DeMonaco ha infatti concordato che il personaggio fodamentale del film non  può essere giusto solo quando fa comodo. "Il senatore è un personaggio positivo per tutto il film - afferma l’attrice - questa è la ragione per cui ho voluto interpretare questo ruolo. Lei non vuole che nessuno sia ucciso in suo nome, perché la sua presidenza non inizierebbe in maniera pura”.

Ad esemplificare questo messaggio è la scena in cui la senatrice Roan cammina senza paura in mezzo alla folla, senza preavviso durante la campagna elettorale, nonostante gli appelli per la sua sicurezza. Se la giustizia si materializza, essa giunge non in maniera elitaria nella società, ma invece entra nel cuore dei dilemmi.

L’NFFA è ora il pericolo contro cui combattere: si tratta dei New Founding Fathers of America (Padri Fondatori dell’America) che nelle precedenti versioni avrebbero portato il paese in una nuova era di prosperità riducendo i tassi di criminalità e aumentando il fervore patriottico. Ma la stabilità paventata era falsa, con tassi di criminalità in aumento così come la disoccupazione. Sotto il velo di uguaglianza e diminuzione della disparità tra ricchi e poveri, il vero obbiettivo dell’NFFA è solo quello di uccidere il senatore, ovvero l’unico che si ribella alla sua instaurazione.

Contro tale propensione alla violenza le persone si uniscono e solidarizzano, confidando che la moralità di un paese possa essere salvata. Lo stesso DeMonaco ha affermato di aver voluto creare personaggi maschili e femminili fori, che lottano non solo per “la sopravvivenza, ma anche riprendendo il potere da coloro che lo avevano abusato”.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

L'alba del mondo: dal romanzo al film, intervista allo scrittore Rhidian Brook

Rhidian Brook è autore di “The Aftermath” (“L’alba del mondo”) , libro che diverrà un film nel 2018 interpretato da Alexander Skarsgård, Keira Knightley e diretto da James Kent. Mauxa l'ha intervistato. La storia racconta - nella Germania del 1946 - della giovane Rachael Morgan che arriva con l&rsq...

 

Splinter Cell, Tom Hardy protagonista del film ispirato ai videogiochi Ubisoft

L’“Assassin’s Creed” con Michael Fassbender è stato un flop caduto subito nel dimenticatoio, ma questo non ha scoraggiato la Ubisoft, che si dice ancora intenzionata a trasformare in un film “Splinter Cell”, l’altro franchise che l’ha resa uno dei colossi del settore videogames. Tom Hardy si &...

 

Gus Van Sant, il nuovo film è 'Don't Worry'

Gus Van Sant è al lavoro al nuovo film, dal titolo “Don't Worry, He Won't Get Far on Foot”. La vicenda ruota attorno a John Callahan (Joaquin Phoenix), che a 21 anni dopo un incidente d’auto resta paralizzato. Il giovane però non demorde, e comincia dipingere come forma di terapia. Nel cast ci sono anche Jonah Hill...

 

Eva contro Eva, il film sull'apparente disponibilità con Bette Davis

Eva contro Eva è il film di Joseph L. Mankiewicz che usciva nelle sale statunitensi in questo periodo, nel 1950. Alla consegna annuale del premio Sarah Siddons Society ci sono vari drammaturghi, tra cui Addison DeWitt (George Sanders), Lloyd Richards (Hugh Marlowe) e la moglie, assieme e personaggi dello spettacolo tra cui la famosa attrice...

 

Movies Anywhere, la nuova App che centralizza i film

Movies Anywhere è lanciato oggi negli Stati Uniti con cinque studios che forniranno i contenuti. Si tratta di Sony Pictures Entertainment, The Walt Disney Studios (che comprendono Disney, Pixar, Marvel Studios e Lucasfilm), Twentieth Century Fox Film, Universal Pictures e Warner Bros. Entertainment. L’obbiettivo è fornire un'e...

 

Recensione del film Barracuda, la tensione familiare apprezzata dalla critica

Barracuda è il film di Julie Halperin e Jason Cortlund, uscito nelle sale statunitensi in questi giorni e che ha ottenuto un ottimo successo di critica. I primi minuti, con una barca su un lago dorato, un saluto sulla tomba di un uomo dove si versa del whisky si svolgono in silenzio. Quello di cui molti film avrebbero bisogno per essere app...

 

'L'arte deve far riflettere': intervista ad Ori Pfeffer protagonista di 'The Testament'

A Venezia abbiamo avuto l’occasione di intervistare Ori Pfeffer, protagonista di “The Testament”, un film intenso in cui il regista e sceneggiatore Amichai Greenberg riflette sui temi dell’identità, della famiglia e dell’importanza della memoria, sia a livello individuale che collettivo. Pfeffer ha interpretato ...

 

Il miracolo della 34ª strada, per i 70 anni del film nuove immagini

Per i settanta anni dell’uscita del film “Il miracolo della 34ª strada” (“Miracle on 34th Street”, 1947) di George Seaton negli Stati Uniti esce in questa settimana un nuovo dvd e blu-ray. Durante la stagione delle vacanze natalizie un gentiluomo colto, panciuto e una barba bianca (Edmund Gwenn) è assunto ...

 

Recensione del film Il palazzo del Viceré

Il palazzo del Viceré (“Viceroy's House”) è il film di Gurinder Chadha con Hugh Bonneville, Gillian Anderson e Manish Dayal. Louis Mountbatten ( Hugh Bonneville ) arriva nella sua residenza a Delhi nel 1947. È Governatore generale, ossia capo dell'amministrazione britannica della nazione, che è da poco uscit...

 

Film più visti della settimana, le novità sono 'Blade Runner 2049' e 'The Mountain Between Us'

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 6 all’8 ottobre 2017 vede il primo posto occupato dalla novità “Blade Runner 2049” (32.753.122 dollari, leggi la recensione): la storia è quella dell'agente K, replicante che dà la caccia ai vecchi umanoidi Nexus ribelli. Al secondo posto...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
pixel sony skin pixel sony skin