X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Gli invisibili: recensione del film dialogo impossibile tra il caos societario e l'essere umano

16/06/2016 08:00
Gli invisibili recensione del film dialogo impossibile tra il caos societario l'essere umano

Oren Moverman dirige Richard Gere in un film in cui appare evidente l'incomunicabilità tra gli esseri umani, vittime dello stato di isolamento da essi stessi perpetrato, lasciando al tempo presente l'ingiusto compito di testimone della perenne solitudine del protagonista, emblema della condizione umana.

Gli invisibili presenta una trama in cui non regna l’avvicendamento di azioni e reazioni, bensì fa da padrone l’intima riflessione su ciò che è stato e ciò che sarà in un annullamento del tempo presente che affligge il solitario protagonista, interpretato da Richard Gere e diretto da Oren Moverman.

Richard Gere veste i logori abiti di George, un senzatetto la cui vita sembra aver perso di significato. Abbandonato da tutto e tutti, nel cuore di una città metropolitana come New York che fa del suo frenetico caos la sua ragion d’essere, George vaga per vie senza meta. Tentando di trovare un qualche rifugio non solo dalle intemperie climatiche, ma anche dalla sua estrema solitudine, il protagonista si ritrova al Bellevue Hospital, un centro di accoglienza per homeless nei meandri di Manhattan. Addentrandosi nella cupa miseria che regna sovrana tra le quattro mura del centro, George entra in contatto con i reietti della società, ma un barlume di speranza si accende: George fa la conoscenza di un veterano del centro, nei cui panni si cala Ben Vereen, ed insieme al suo unico amico tenta di restituire un senso alla sua amara esistenza.

Come suggerisce lo stesso titolo attribuito all’opera, Gli invisibili, traduzione italiana per Time out of Mind, il film ruota intorno al tema portante dell’incomunicabilità dettata dalla condizione di invisibilità dell’essere umano verso il suo simile. Nonostante l’appartenenza degli esseri umani allo stesso ceppo d’origine, l’umanità stessa, essi frappongono invalicabili barriere tra se stessi e gli altri, non permettendo in alcun modo di instaurare un sano dialogo incentrato sulla scoperta reciproca l’un dell’altro.

Oren Moverman attraverso Gli invisibili vuole mostrare da vicino l’estrema inconciliabilità tra il singolo e la società, che viene a confluire nella solitudine più opprimente e straziante, personificata da un protagonista che non ha più nulla da spartire con il mondo circostante. Il mondo nel quale è costretto a trascorrere i giorni che gli rimangono da vivere non lo accoglie, né lo giudica, semplicemente lo ignora, alimentando quel grave senso di vuoto interiore di un personaggio che si chiude in se stesso e, rimanendo a contemplare il mondo senza rimanerne invischiato, prova dolore e allo stesso tempo pena per le sorti di un’umanità così ceca nei confronti del prossimo.

E allora la macchina da presa di Oren Moverman è come se rappresentasse uno dei tanti esseri umani che porta avanti la sua esistenza senza aprirsi agli altri in quanto non si avvicina mostrando primi piani indagatori, ma rimane distaccata, preferendo essere testimone da lontano di quanto accade al protagonista, senza poter intervenire attivamente, per un film che si muove proprio come i suoi personaggi, in un universo dove regna l’incomunicabilità.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Richard Gere



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Ritorno al Marigold Hotel, Richard Gere nelle nuove avventure dei pensionati inglesi

Ritorno al Marigold Hotel è un film girato da John Madden, sceneggiato da Ol Parker e distribuito in Italia dalla 20th Century Fox a partire da giovedì 30 aprile. L’opera è il sequel di Marigold Hotel (The Best Exotic Marigold Hotel), la commedia agrodolce del 2012 incentrata su sette pensionati inglesi che cambiano ...

 

MilanoDanza Expo 2014: Shut up and dance with me

MilanoDanza Expo 2014. Anche quest'anno, Milano si prepara a ospitare MilanoDanza Expo, il Salone Internazionale della Danza, giunto ormai alla sue sesta edizione.L'evento, che si conferma come uno dei punti cardine della danza in Italia, penderà il via venerdì 21 Novembre e vi trascinerà a ritmo di musica fino a domenica 23. D...

 

Festival Internazionale del Film di Roma 2014, da Richard Gere a Kate Beckinsale

Festival Internazionale del Film di Roma 2014. La nona edizione del Festival Internazionale del Film di Roma annuncia la prima cinquina dei film di lingua inglese. Dal 16 al 25 ottobre l'appuntamento è all’Auditorium Parco della Musica. Time Out of Mind con Richard Gere. Prima europea per Time Out of Mind di Oren Moverman, Orso d...

 

The Best Exotic Marigold Hotel 2, al cinema il sequel di John Madden

The Best Exotic Marigold Hotel 2. È un film inglese di genere commedia/drammatico diretto da John Madden su sceneggiatura di Ol Parker. Il film, sequel del film del 2012, "The Best Exotic Marigold Hotel", diretto dallo stesso Madden, ha per protagonisti Judi Dench, Bill Nighy, Dev Patel, Maggie Smith, Richard Gere e Penelope Wilton. "Th...

 

Richard Gere: malinconico barbone per Time Out of Mind, riceve pizza sebbene abbia 100 milioni

Richard Gere è uno dei simboli universali del fascino maschile, entrato nell'immaginario collettivo per ruoli indimenticabili in "American Gigolò" e "Pretty Woman", dove faceva del proprio magnetismo uno dei punti di forza. Barbone. Eppure anche un sex symbol come Richard Gere ha dovuto realizzare di non essere riconosciuto dai fan a...

 

Richard Gere: tra i progetti un nuovo film ‘Franny’ e la separazione dalla moglie

Richard Gere, attore nato a Philadepia è diventato celebre al grande pubblico (soprattutto femminile) per le interpretazioni in "Ufficiale e gentiluomo", "American Gigolò"  e il romantico "Pretty Woman", si separa dalla moglie, anche lei attrice, Carey Lowell. La causa della rottura del rapporto amoroso, che dura da be...

 

Recensione film Comic Movie, una folle commedia che trascende la realtà

Comic Movie o nel titolo originale di Movie 43 è una commedia leggera basata su una serie di scene contraddistinte dalla follia irriverente o da difetti paradossali dei personaggi o innovativi sistemi educativi in perfetto stile trash. Alcuni ragazzi intenti a fare uno scherzo al proprio amico nerd gli chiedono di trovare in rete un video v...

 

Richard Gere e 'La frode': gli inganni, si sa, portano guai!

Domani al cinema il film del regista-scrittore Nicholas Jarecki su sesso, potere e denaro. Una pellicola chiamata "La frode" (titolo originale in francese:"Arbitrage") che vanta interpreti del calibro di Richard Gere e Susan Sarandon. Ed ancora si avvale del talento di Laetitia Casta, Nate Parker, Brit Marling e Tim Roth. Un accattivante thriller ...

 

Richard Gere, un libro sulla sua fede buddista e protagonista nel film La frode

Richard Gere ha presentato ieri a Roma il film “La frode” (“Arbitrage”), di Nicholas Jarecki con un cast composto da Susan Sarandon, Tim Roth, Brit Marling e Laetitia Casta. La trama del film s’incentra sul multi-miliardario Robert Miller (Gere) che gestisce un fondo con la figlia Brooke. All'insaputa di lei e della ma...

 

Sundance Film Festival 2012 - Ci sarà anche l'Italia con Sorrentino

Noto per essere il più importante festival cinematografico dedicato al cinema indipendente, per precedere temporalmente la più nota serata degli Oscar e per avere Robert Redford come testimonial e mecenate, il Sundance Film Festival 2012 ha aperto i battenti il 19 gennaio a Park City, nello Utah, e si concluderà il 29 gennaio. ...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni