X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Festival di Cannes: intervista al regista del film sull'isola dei sogni 'Diamond Island', Davy Chou

23/05/2016 11:33
Festival di Cannes intervista al regista del film sull'isola dei sogni 'Diamond Island' Davy Chou

Il Festival di Cannes nella Semaine de la Critique ha ospitato il film "Diamond Island" di Davy Chou. Mauxa ha intervistato il regista.

Il Festival di Cannes si è concluso ieri con la vittoria del film di Ken Loach “I, Daniel Blake”. Molti sono stati i film presentati nelle sezioni collaterali, e la Semaine de la Critique è quella che riscuote più attenzione da parte dei media. Mauxa ha intervistato Davy Chou, regista del film “Diamond Island” ben accolto dalla critica per la tematica affrontata.

Il film racconta di “Diamond Island”, centro polifunzionale situato in Cambogia, sul fiume Phnom Penh. Si tratta di paradiso moderno per ricchi, molti giovani lavorano alla sua costruzione: il personaggio di Lì crea nuove amicizie, riunendosi con il fratello maggiore Solei, il quale incita gli amici ad entrare nella gioventù urbana privilegiata della Cambogia, tra vita notturna e illusioni.

D. I “Diamond Island” i protagonisti sono i giovani che vivono in un paese con una crescita molto veloce. Perché ti sei appassionato alla loro storia?

R. “All’origine del film ci sono io che va a “Diamond Island”: questa grande isola vicino a Phnom Penh, in cui i privati hanno deciso di costruire questo tipo di Cambogia moderna del futuro ed è un'isola che è ancora in sviluppo. Ciò che mi colpì è vedere gli occhi dei giovani che vanno lì, lavorando come operai nella la costruzione di questa nuova area. Molte persone della classe media escono la era lì con le loro moto, con occhi meravigliati, pieni di curiosità e sognanti. E mi chiedo, essendo francese - nato e cresciuto in Francia - se questa cultura ci dia più opportunità di sentire la sensazione di meraviglia. Ho pensato di sviluppare un film che cerca di rispondere a questa domanda: cosa sognano tutti, andando in quest’isola?"

Il regista ha quindi realizzato interviste, cercando di comprendere la sensazione che avrei dovuto riproporre in una sceneggiatura.

Il film “Diamond Island” ha molte scene all’aperto: “Ho imparato che i film e le riprese è questione di adattamento, così si potrebbe avere un piano, uno più preciso, ma poi non si ha tempo per girare quattro scene, solo tre perché la luce non è buona, quindi bisogna adattarsi di nuovo. Più preparo lo script, più so quello che voglio, trovando modo di adattarmi: realizzare riprese in esterni è spesso difficile in Cambogia, soprattutto perché è molto caldo, la squadra si affatica rapidamente. Un altro problema era inserire i nostri personaggi in mezzo alla scena, tra veri operai che lavorano. È una questione di autorizzazione e di organizzazione, ma mescolare la finzione con il documentario nella stessa inquadratura è stato davvero emozionante per me”.

Davy Chou ha già partecipato al Festival di Cannes con “Cambogia 2099”.

D. Pensi che il festival sia importante per aumentare la visibilità di nuove produzioni?

R. “Mi sento molto onorato che il Festival di Cannes abbia selezionato due miei ultimi film. È stato incredibile mostrare il mio cortometraggio due anni fa alla Quinzaine des Réalisateurs, ma devo dire che mostrare un film qui a Cannes alla Semaine de la Critique è entusiasmante. Si ottiene attenzione, c’è una pressione continua, è anche molto stressante. Ma ho avuto la fortuna di essere molto ben circondato dalla mia squadra, naturalmente, ma anche da tre membri del cast che abbiamo portato dalla Cambogia, nonché da tutti i miei partner, il distributore Film du Losange e il mio produttore che veramente ci proteggono e ci difendono. Il film è stato ben accolto”.

Davy curerà nel dettaglio la promozione del film: “Abbiamo finito il film 5 giorni prima della proiezione ed è stata una corsa contro il tempo. Alla fine mi ritrovo stanco, pare di avere subito un lavaggio del cervello. Prima di pensare al prossimo film ho bisogno di riposo: forse sarà girato un po’ in Francia, un po' in Cambogia”

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

I 100 personaggi più potenti di Hollywood secondo la rivista THR

La rivista The Hollywood Reporter ha stilato la classifica annuale delle 100 persone più influenti nel settore cinematografico e televisivo. Per redigerla - come riporta la stessa rivista - ci si è basati sulla capacità finanziaria dei personaggi, sulla possibilità di accedere a ingenti somme di denaro o al numero di se...

 

Aspettando il Re, intervista all'attrice Christy Meyer: 'la recitazione è stata messa a dura prova'

"Aspettando il Re" (Titolo originale: "A Hologram for the King") è uscito nelle sale cinematografiche italiane il 15 giugno, distribuito da Lucky Red. Il film è diretto da Tom Tykwer e basato sull'omonimo romanzo di Dave Eggers pubblicato nel 2012. Il personaggio principale è interpretato da Tom Hanks.  Leggi la rec...

 

Recensione del film Transformers - L'ultimo cavaliere

"Transformers - L'ultimo cavaliere" è il film di Michael Bay con Mark Wahlberg, Anthony Hopkins, Laura Haddock. In assenza di Optimus Prime - robot leader della fazione dei benevoli Autobot ma ora partito  alla ricerca del suo "creatore" - inizia una lotta tra l'organizzazione militare dei Transformers Reaction Force e i Transform...

 

Cattivissimo Me 3, incontro con il cast: Arisa, Max Giusti e Paolo Ruffini

Abbiamo incontrato a Roma il cast vocale di “Cattivissimo Me 3”, il film di Pierre Coffin e Kyle Balda, prodotto da Chris Meledandri e in uscita il 24 agosto 2017. A dare le voci ai protagonisti sono la cantante Arisa, gli attori Max Giusti e Paolo Ruffini. Il cattivo Gru è stato licenziato dalla Lega anti Cattivi, e si trova in...

 

L'amore ai tempi di Hollywood, tra gossip, scandali e divorzi

In termini di gossip hollywoodiano, il 2016 è stato segnato dal divorzio tra Johnny Depp e Amber Heard, una vicenda dai risvolti piuttosto spiacevoli visto che la Heard ha addotto, tra i motivi della separazione, il fatto che l’ex-marito fosse un tipo violento a causa soprattutto dei suoi problemi di alcolismo. Oggi la storia sembra es...

 

Inferno, il film con Tom Hanks dal libro di Dan Brown è su SkyCinema e NowTv

Inferno, il film tratto dal romanzo di Dan Brown arriva in televisione si Sky Cinema e NowTv, dal 10 luglio. Il film - che ha incassato 220 milioni di dollari - sarà anche preceduto dalla messa in onda di due film tratti sempre dai romanzi dello scrittore di Exeter. Il 2 luglio è trasmesso “Il Codice Da Vinci”, in cui il ...

 

Nicole Kidman, due libri raccontano l'attrice che compie 50 anni

Nicole Kidman, l’attrice di Honolulu oggi compie 50 anni. In una recente intervista a “E! News” ha detto che non organizzerà una festa sfarzosa, bensì sarà circondata dalla sua famiglia: "Voglio uscire con mio marito, i miei figli e mia sorella”. Essendo di pigne australiana, ha affermato che è g...

 

Alexandra Daddario, è l'imponente Costance nel nuovo film 'Abbiamo sempre vissuto nel castello'

Alexandra Daddario, una delle attrici più versatili nella recente cinematografia di Hollywood dopo l’obsoleto “Baywatch” sarà in un film completamento diverso. “We Have Always Lived in the Castle” è il titolo, diretto da Stacie Passon e interpretato anche da Sebastian Stan, Taissa Farmiga e Crispi...

 

10 attori che hanno perso la vita sul set

Quando si parla di professioni pericolose, il pensiero di solito corre ai muratori intenti a camminare in equilibrio a decine di metri da terra o a giornalisti e medici che lavorano in zone di guerra, non di certo al cinema o alla televisione. Invece, anche in un mondo apparentemente dorato, si celano storie davvero macabre di persone che hanno tro...

 

Film più visti della settimana, 'Cars 3' scalza dalla classifica 'Wonder Woman'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 16 al 18 giugno 2017 vede al primo posto la novità “Cars 3” (53.547.000 dollari, leggi l'articolo): la vicenda è quella di Saetta McQueen che si propone di dimostrare a una nuova generazione di piloti che lui è ancora la migliore macchina da corsa del mon...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni