X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Good Kill: recensione del film dramma informativo sulla guerra dei droni

25/02/2016 08:00
Good Kill recensione del film dramma informativo sulla guerra dei droni

Andrew Niccol propone un lungometraggio che tenta di sviscerare i dubbi morali di un pilota di droni, ma termina immergendosi in un limbo di non-azione che governa l'interno film, lasciando lo spettatore alla mera esposizione dei fatti.

Ethan Hawke è diretto da Andrew Niccol nel film Good Kill, presentato alla 71° Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia, in cui piloti di droni combattono una guerra a distanza, interrogandosi poi sulle drammatiche conseguenze che essi stessi hanno contribuito a generare.

Good Kill racconta il dramma vissuto in silenzio dal maggiore Thomas Egan, interpretato da Ethan Hawke, chiamato a combattere la guerra in Afghanistan a distanza, attraverso le nuove tecnologie che prevedono l’utilizzo dei tanto sofisticati quanto letali droni. Thomas si ritrova protagonista di una missione che stenta a riconoscere come legittima, riversando tutte le sue angosce e i suoi rimorsi sulla sua famiglia, con la quale si ricongiunge ogni giorno, anche se sembra non riuscire a distaccarsi dal suo lavoro. Quando i dubbi saranno più forti delle convinzioni che il tenente colonnello Jack Johns (Bruce Greenwood) cercherà di instillargli, Thomas sarà costretto a giudicare se stesso e a trarre le sue conclusioni.

Andrew Niccol scrive e dirige una storia che desidera ardentemente proporre uno spaccato di vita reale, vissuta ogni giorno da chi è stato sorteggiato dal destino per pilotare i droni. In tal senso Good Kill mostra dei punti di evidente contatto con un altro film il cui perno è rappresentato da un uomo a confronto con la guerra, American Sniper di Clint Eastwood. Entrambi i lungometraggi sono incentrati intorno ad una personalità che osserva da lontano il campo di battaglia, operando a distanza, nel primo un pilota di droni, nel secondo un cecchino, ma l’abissale differenza tra i due lavori risiede non solo nella straordinaria prova recitativa e trasformazione fisica operata da Bradley Cooper, ma anche e soprattutto nell’affascinante quadro filmico esposto da Clint Eastwood. Quest’ultimo è in grado di far immedesimare totalmente lo spettatore in un personaggio che patisce le aberranti conseguenze della guerra, criticandola aspramente attraverso i soldati che combattono per essa. Al contrario, Good Kill non riesce ad emozionare, ma solamente ad informare dell’esistenza dei droni e di persone preposte a comandarli.

Il dramma esposto in Good Kill, prima di svolgersi sul campo di battaglia, avviene nella psiche del protagonista, un Ethan Hawke che si cimenta in un ruolo quanto mai complesso, volto ad indagare i conflitti interiori che si generano in un uomo di coscienza chiamato ad uccidere. E allora si necessita di un punto di svolta, che si verifica nella scena in cui, oltre ad un gruppo di talebani, vengono sterminati anche degli innocenti proprio per mano del maggiore Thomas Egan. Il regista decide di esporre i fatti, attraverso totali dall’alto tesi ad inglobare la scena in cui avverrà il massacro perpetrato dai droni, prediligendo il punto di vista della macchina di distruzione di massa. Ma quando si passa ai primi piani del personaggio a cui Ethan Hawke dona corpo ed intensità, interrogandosi sulle conseguenze delle proprie azioni, egli non riesce a dirigersi oltre la mera riflessione concettuale circa l’utilizzo dei droni.

Il ritmo adottato, dunque, pretende di generare riflessioni critiche su quanto si stia narrando, direzionando l’attenzione dello spettatore verso il protagonista della vicenda, ma non sfonda la quarta parete, lasciando perplessi per un film che sembra rimanere in un limbo di non-azione perenne.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Ethan Hawke, Andrew Niccol



Articoli correlati

Ethan Hawke, da Sinister a Boyhood: 12 anni di riprese per un film senza precedenti nella storia del cinema

Sinister sequel - Ethan Hawke torna a interpretare lo scrittore di cronaca nera, Ellison Oswalt: è stato annunciato, infatti, il sequel di Sinister. Confermati Scott Derrickson e C. Robert Cargill per la sceneggiatura, mentre la regia sarà affidata a Ciaran Foy. Sinister 2 ha anche una data di uscita: nelle sale statunitensi dal 21 ag...

 

Recensione Film La notte del giudizio, Ethan Hawke e la liberalizzazione del crimine

La notte del giudizio - The Purge - l'horror diretto da James DeMonaco con protagonisti Ethan Hawke e Lena Headey che basa la sua essenza sulla liberalizzazione degli istinti repressi di una società ormai fin troppo organizzata. James Sandin (Ethan Hawke) sua moglie Mary (Lena Headey) con i suoi due figli Zoey (Adelaide Kane) e Charlie (Ma...

 

The Purge cinema dell'orrore, non si mai salvi se non si hanno amici

The Purge parla il linguaggio della science fiction  sociale sbancando al botteghino USA: costato tre milioni di dollari, ne ha incassati trentasei in sole settantadue ore. Narra una storia che si svolge nell'America del futuro. Siamo nell'anno 2022, in una nazione rinnovata e governata da Nuovi Padri Fondatori. Al fine di mantenere bassi i ta...

 

The Purge, il film horror campione d'incasso in Usa

The purge, il film della Universal Pictures uscito oggi negli Stati Uniti ha già incassato tre milioni di dollari. La produzione è della Blumhouse; che ha già creato "Paranormal Activity" e il produttore Jason Blum prevede di guadagnare fino a venti milioni di dollari entro la fine di domenica. Il film è interpretato da...

 

Sundance 2013, Ethan Hawke e Julie Deply tornano in Before Midnight: l'amore onesto diretto da Richard Linklater

Ethan Hawke e Julie Deply tornano protagonisti in Before Midnight per la regia di Richard Linklater: nel sequel di Prima dell'alba (1995) e Prima del tramonto (2004), Jesse (Hawke) e Celine (Deply) vivono a Parigi, genitori di due gemelle. Lui è ormai un romanziere di successo, mentre lei è a un bivio professionale. Inoltre, Jesse vuo...

 

Festival di Roma 2011, 2 giorno con Ethan Hawke e Kristin Scott Thomas

Nel secondo giorno del festival, Hotel Lux pare il predestinato alla vittoria, commisto com’è di tematiche bellicose e redenzioni. Diretto da Leander Haussmann con Michael "Bully" Herbig e Jürgen Vogel, fa rivivere la Berlino nazista dove il comico donnaiolo Hans Zeisig intrattiene il pubblico con il suo “ Stalin-Hitler-sh...

 

Andrew Niccol: nel film Now ferma Olivia Wilde a 25 anni

Andrew Niccol: nel film Now ferma Olivia Wilde a 25 anni. Siamo in un mondo dove il tempo è diventato la moneta di scambio. Si smette di invecchiare a 25 anni, ma c'è un problema: da lì in poi si può vivere solo per un anno, a meno che non si acquisti il modo  per uscirne. Solo i ricchi possono permettersi di pagar...

 

Film Frozen: un film dove la neve semina morte

Il thriller ambientato in ambienti naturali è sempre di ottimo appeal, soprattutto quando è la stessa terra ad essere nemico dell’uomo. In Frozen, che giunge in Italia il 25 marzo 2011 dopo un anno di attesa, il regista e sceneggiatore Adam Green imbastisce una pellicola apprezzata dalla stampa internazionale al Sundance Film Fe...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni