X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Remember, per la critica è poco convincente la trama del film di Atom Egoyan sugli effetti del nazismo

03/02/2016 13:00
Remember per la critica poco convincente la trama del film di Atom Egoyan sugli effetti del nazismo

Remember è il film di Atom Egoyan con Christopher Plummer e Martin Landau, per la critica statunitense è poco convincente la trama, incentrata sugli effetti del nazismo nell'epoca odierna.

Remember è il film di Atom Egoyan con Christopher Plummer e Martin Landau, in uscita il 4 febbraio 2016.

Il regista Egoyan continua la sua analisi del rinvenimento della cause di un mistero, dopo “Captive” (2014): i protagonisti di “Remember" sono infatti portatori di problematiche adulte, che intercettano già un pubblico. La trama s’incentra su un novantenne Zev (Plummer) rimasto vedovo: una settimana dopo la morte della moglie Ruth riceve un pacco misterioso dal suo caro amico Max (Landau), contenente del denaro e una lettera che ipotizza un piano scioccante. Zev e Max erano infatti prigionieri ad Auschwitz, la stessa guardia responsabile della morte delle loro famiglie dopo la guerra fuggì dalla Germania ora vive negli Stati Uniti sotto falsa identità. Max è costretto su una carrozzina, ma ha il pieno controllo delle sue facoltà mentali; con la sua guida, Zev intraprende un viaggio complicato per portare la giustizia unendo l'uomo che ha distrutto la vita di entrambi.

Credibilità dell'Olocausto. La sceneggiatura originale è scritta da Benjamin August, ma la critica statunitense non ha apprezzato né la regia né l’evoluzione dei personaggi. Per Variety è solo l’interpretazione di Plummer ad essere convincete, mentre il personaggio di Zev procede con una facilità improbabile, tra memoria che spesso langue dimenticando lo scopo della sua missione e mancanza di plausibilità nella storia.

Per The Hollywood Reporter è lo stesso regista Egoyan a non credere alla trama, tanto da non saper dimenare spesso un plot “poco credibile”. Il The Guardian afferma che è l’interpretazione di Plummer ad essere poco convincente, legata ad una trama forzatamente senile, anche perché “la seconda guerra mondiale e dei suoi effetti su coloro che sono sopravvissuti” non può erompere in “brividi a buon mercato”.

Solo il The Telegraph ammira la sobrietà della regia, con una fotografia che fa uso di ampie inquadrature in campo lungo. Ammirevole è anche il modo in cui ha mostrato come vivano i quattro uomini rintracciati da Zev, tutti emigrati tedeschi con lo stesso nome la loro “generazione maledetta”.

Per il regista si tratta di una delle ultime modalità di racconto in relazione a quel periodo storico: in realtà lo stesso Paolo Sorrentino in “This Must Be the Place” del 2011 aveva affrontato tematiche simili. Atom Egoyan instaura così un legame con il film precedente, “Ararat - Il monte dell’Arca” interpretato dallo stesso Plummer, affrontando il tema degli effetti della storia sull’attualità. Si è eclissato dietro gli attori ormai novantenni: “ti rendi conto che hanno una loro mitologia”, ha affermato riferendosi anche alle capacità che hanno di atteggiare il proprio corpo a scopi recitativi.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

A Ghost Story: i film sulla differenza tra ciò che siamo e ciò che percepiamo

A Ghost Story è il film drammatico e thriller di David Lowery che si preannuncia come uno dei più irrompenti dell’anno. Il motivo è la semplicità della trama che sfocia nella paura, perché vediamo solo in uomo avvolto da un lenzuolo che è il semplice fantasma. Così come gli spettri sono descri...

 

David di Donatello 2017, tutti i vincitori

I David di Donatello 2017 sono stati assegnati il 27 marzo presso Studi de Paolis a Roma. Il miglior film è “La pazza gioia” di Paolo Virzì (leggi l’intervista all'attore Bob Messini), prodotto da Marco Belardi per Lotus Production: il film ottiene anche il premio per la regia, per l’attrice protagonista a Val...

 

Recensione del film La tartaruga rossa

La tartaruga rossa (“La tortue rouge”) è il film d'animazione di Michael Dudok realizzato dallo Studio Ghibli. La sceneggiatura è di Michael Dudok de Wit, con adattamento di Pascale Ferran. Isao Takahata è il produttore esecutivo. Il film ripercorre la vita di un uomo, dal momento in cui giunge su un’isola co...

 

Film più visti della settimana: 'Power Rangers' è la novità al box office

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 24 al 26 marzo 2017 vede la conferma al primo posto de “La Bella e la bestia" (“Beauty and the Beast”, leggi l'intervista all'attrice): Bella s’innamora del principe deformato da un incantesimo, per poi salvarlo (316.952.887 di dollari). Al secondo posto entra &l...

 

Intervista all'attore Alexandre Nguyen: dal film 'Life' a 'Valerian e la città dei mille pianeti'

Life - Non oltrepassare il limite è il film di Daniel Espinosa con Jake Gyllenhaal, Rebecca Ferguson, Ryan Reynolds, Hiroyuki Sanada e Alexandre Nguyen. La trama segue l’equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale che deve effettuare esperimenti su un campione giunto da una sonda proveniente da Marte. L'equipaggio ha il compito ...

 

The Sense of an Ending, la scoperta del passato nel film con Charlotte Rampling

The Sense of an Ending è il film di Ritesh Batra con Jim Broadbent, Charlotte Rampling, Harriet Walter. È uscito negli Stati Uniti il 10 marzo. La trama segue Tony Webster (Broadbent), che conduce una vita solitaria e tranquilla, fino a quando i segreti sepolti negli anni emergono. Deve così fronteggiare i ricordi del passato,...

 

Tutto per una ragazza, il libro di Nick Hornby da cui è tratto il film 'Slam'

Tutto per una ragazza (“Slam”) è il libro di Nick Hornby da cui è tratto il film “Slam - Tutto per una ragazza” ora nelle sale. È stato pubblicato nel 2007: il film è diretto da Andrea Molaioli, e ha nel cast Ludovico Tersigni, Barbara Ramella, Jasmine Trinca e Luca Marinelli. Nel romanzo il prot...

 

Il mostro della laguna nera, costruendo lo Universal Monsters Cinematic Universe

“Il mostro della laguna nera” farà parte della Universal Monsters, l’imponente saga con cui la Universal punta a rilanciare la sua collezione di creature dell’horror “vintage”. Le informazioni su questo reboot per ora scarseggiano; un paio di anni fa si vociferava che Scarlett Johansson fosse stata contatt...

 

Non è un paese per giovani, il film sull'esodo di una giovane generazione

Non è un paese per giovani è il film di Giovanni Veronesi nelle sale, con Filippo Scicchitano, Sergio Rubini, Giovanni Anzaldo, Sara Serraiocco e Nino Frassica. La storia è quella di Sandro, ventenne timido il cui desidero è diventare scrittore. L’amico Luciano è invece estroverso, anche se conserva un mist...

 

Atlanta Film Festival, cultura e cinema nel sud degli Stati Uniti

L’Atlanta Film Festival è il più importante della Georgia, e uno dei maggiori degli Stati Uniti. Comincia oggi e si protrae fino al 2 aprile: tra i film in concorso ci sono “Born River Bye” di Tim Hall, “The Boss Baby” di Tom McGrath, “Cherry Pop” di Assaad Yacoub, “In the Radiant City&r...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni