X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Incontro con Carlo Verdone e Antonio Albanese: 'L'abbiamo fatta grossa' e il film politico del regista

26/01/2016 18:17
Incontro con Carlo Verdone Antonio Albanese 'L'abbiamo fatta grossa' il film politico del regista

"L'abbiamo fatta grossa" è il film di Carlo Verdone con Antonio Albanese. La trama è composta di equivoci e sketch comedy, il regista chiude il film con una inedita critica politica.

Mauxa ha partecipato all’anteprima a Roma del film “L’abbiamo fatta grossa” di Carlo Verdone, interprete con Antonio Albanese. Nel cast ci sono anche Clotilde Sabatino e la cantante Anna Kasyan.

La trama del film segue Yuri Pelagatti (Albanese), attore teatrale separato dalla moglie perché la tradiva: sul palco comincia dimenticare le battute e viene licenziato. Si rivolge così all’investigatore Arturo Merlino (Verdone), ex-carabiniere che abita con la zia vedova. Yuri teme che la ex moglie abbia una relazione con l’avvocato che ha seguito il loro divorzio, cerca prove e Arturo per cento euro decide di aiutarlo. Ma un equivoco li porta ad impossessarsi di una valigetta che contiene 1 milione di euro. I due sono dubbiosi se denunciare ai carabinieri il ritrovamento o tenerlo: decidono di nasconderlo un un impermeabile che apparteneva al defunto marito della zia. Quando i destinatari della valigetta scoprono l’accaduto cercano di recuperare il denaro, ingaggiando proprio Arturo come detective.

Il rapimento dell’amica di Arturo, Lena li convince a restituire il malloppo, anche se la ricompensa di 50 milioni di euro sarà foriera del loro arresto.

La nuova ironia di Carlo Verdone. È l’inanellarsi di sketch continui che rende nuovo il film rispetto ai precedenti di Verdone, come “Sotto una buona stella” (2014) e “Posti in piedi in Paradiso” (2012). “La suspense c’è - ci ha detto lo stesso regista alla conferenza - perché si parla di investigazione. In realtà volevo eliminare i problemi che erano mei precedenti film, come scontri generazionali. Avendo Antonio Albanese nel cast si prestava a ciò, io devo sterzare. Da “Compagni di scuola” a “Maledetto il giorno che ti ho incontrato" se non facessi così non lavorerei da 37 anni. Non sono un geometra”.

La tensione da commedia classica americana degli anni ’60 si stempera con battute fulminee: “La sedia e mia”, dice Yuri inseguendo i netturbini che gli hanno portato via una sedia a rotelle: “Se era tua mica stavi a corre’. Nun ce prova”, gli rispondono. In un’altra scena Yuri della ex moglie dice: “È un po’ snob”; “sta con un altro, non è snob” ribatte Arturo.

La coppia comica. I caratteri opposti dei due personaggi fanno incedere l’azione, tra gesti apparentemente ingiustificati e conseguenze razionali. Verdone sceglie quindi la strada del rocambolesco, segnando una strana presa di coscienza su come uscire dal racconto dei mutamenti sociali che lui ha sempre raffigurato: se nei precedenti film era il clima familiare oppressivo ad essere motivo dell’azione, qui è semplicemente il divertimento schietto e quotidiano, che indica quasi una strada di svolta. I problemi non è più necessario che vengano risolti, possono essere dimenticati.

Alcuni snodi della sceneggiatura sono troppo veloci e immotivati, come quando la proprietaria della valigetta va proprio allo spettacolo in cui recita Yuri e lo riconosce; oppure in un centro di raccolta di abiti per poveri i due ritrovano proprio l’impermeabile milionario. Ma sono passibili di dimenticanza, rispetto al racconto ironico e beffardo: “Carlo è uno dei grandi che ha ritratto l’italiano medio - dice Albanese in conferenza - Ho visto “Grande, grosso e Verdone” quando avevo 18 anni. Mi piacerebbe dirigerlo, sfiancarlo”.

Gli stessi scorci mostrano una città, Roma non plastificata: il quartiere Castrense, il Nomentano, squarci di Monteverde Vecchio, il quartiere Aurelio, Centocelle e il Trionfale. La fotografia di Arnaldo Catinari rende vivi i colori, esaltando la normale quotidianità mai come in questo film ambita. L’intento è proprio quello di avvicinare gli spettatori, “lavoriamo insieme dal 2004 - dice il produttore Aurelio De Laurentiis - il pubblico è stato sempre compiacente”.

Il finale, volutamente politico resta amaro e sarcastico: “Dicendo la verità, loro finiscono in carcere - chiosa lo sceneggiatore Pasquale Plastino - Ciò che accade in carcere è ciò che rimane a loro”.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Carlo Verdone, Antonio Albanese
Film correlati
L'abbiamo fatta grossa



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

La Grande Bellezza: un libro racconta i luoghi magici del film in lizza per Oscar

"La Grande Bellezza" è il capolavoro di Paolo Sorrentino che domenica notte si giocherà la conquista dell'Oscar nella cerimonia per l'86esima edizione degli Academy Awards. In molti anche in Europa staranno svegli a guardare. Paolo Sorrentino. La pellicola di Sorrentino ha incantato tutti con la poesia della fotografia, il romanticis...

 

Recensione film Sotto una buona stella: la nuova coscienza di Carlo Verdone

Carlo Verdone con "Sotto una buona stella" riesce a riproporre la sua visone dei rapporti umani fatti di coincidenze e sviluppi, come non faceva da "Il mio miglior nemico" (2006). La trama. Lì infatti era Achille De Bellis a dover ricostruire un rapporto genitoriale con la figlia e con lo spasimante, ossia lo sbandato Orfeo. E la difficolt&...

 

Carlo Verdone: aspetta l'Oscar di Sorrentino ed è sugli schermi con Sotto una buona stella

Carlo Verdone, nato a Roma nel 1950, è uno dei mostri sacri della commedia italiana, attore e regista di decine di film, a partire da quell' "Un sacco bello" del 1980 ormai mitico. "Borotalco", "I due carabinieri", "Grande, grosso e Verdone", "Stasera a casa di Alice" sono classici entrati nella storia collettiva italiana. Sotto una buona s...

 

Paolo Sorrentino si espone sull'Oscar, 'dobbiamo fare come gli allenatori di calcio'

Paolo Sorrentino intervistato da Catherine Shoard de The Guardian esprime tutta la sua diplomazia sulla possibile candidatura nella conquista degli Oscar con il suo film “La grande bellezza”. “Dobbiamo fare come gli allenatori di calcio: prendere una partita alla volta - dice il regista - Ora ci sono i Golden Globes. Poi ved...

 

Ron Howard: esce il suo nuovo film Rush, membro della giuria di Cubovision Web Film Awards

Ron Howard, regista di "A Beautiful Mind" che gli è valso l'Oscar per la regia, dal 12 settembre presiederà la giuria della prima edizione del "Cubovision Web Film Awards". L'originale progetto nasce dalla collaborazione tra Cubovision, la tv on demand di Telecom Italia, e Rai Cinema e tutti gli aspiranti registi hanno una possi...

 

Gianni Amelio: Antonio Albanese comico in ‘Personaggi’ è disoccupato ne ‘L’intrepido’

"L'intrepido" di Gianni Amelio è la pellicola presentata oggi al Lido. Il regista che nel 2012 ha ricevuto l'Efebo d'Oro, Premio Internazionale Cinema Narrativa, per il film "Il primo uomo" tratto dal romanzo di Albert Camus e il Leone D'Oro come miglior film per "Così ridevano", ha voluto al suo fianco per l'importante eve...

 

Carlo Verdone, agrodolce fotografo della realtà e lo schiaffo è un punto di svolta

Carlo Verdone ha in serbo per il grande pubblico una commedia corale sul rapporto tra generazioni. Sta lavorando ad una pellicola che  arriverà nelle sale il 14 febbraio 2014 con la Filmauro di De Laurentiis e che,  probabilmente, s'intitolerà “Vicini per caso”. Sarà la storia di un padre divorziato che si...

 

Sorrentino record: La grande bellezza, con Toni Servillo, dopo le polemiche, premiato dal botteghino

Record. La maturità artistica di Paolo Sorrentino viene premiata dal pubblico. La grande bellezza, il suo ultimo film, al cinema dal 21 maggio scorso, e che ha lasciato assaporare al regista napoletano la Palma d'Oro al festival di Cannes 2013, riconoscimento poi assegnato a La Vie d'Adèle di Abdellatif Kechiche, diventa ufficialmente...

 

Addio Gianfranco Baldazzi: paroliere di Dalla, talent scout a Bologna, voce di Notturno Italiano

La notizia è arrivata come un fulmine a cel sereno, ieri, da Roma dove era stato operato da poco: si è spento, all'età di 70 anni, Gianfranco Baldazzi, maestro della musica italiana, autore delle parole di artisti del calibro di Lucio Dalla, Mina, Ornella Vanoni, Gianni Morandi e Ron: Piazza Grande e Occhi di ragazza portano la...

 

Carlo Verdone al cinema con 'Carlo!', documentario ispirato al suo libro La casa sopra i portici

Dopo l'esperienza a Cannes con l'applaudito film "La grande bellezza" di Sorrentino, Carlo Verdone dal 3 al 5 giugno torna al cinema con "Carlo!", documentario dedicato all'attore, diretto da Gianfranco Giugni e Fabrizio Farzetti che racconta la sua comicità schietta ma discreta di Verdone, caratteristica che lo ha accompagnato in trentac...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni