X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Masters of Sex 3: la terza stagione di uno delle serie tv più irriverenti degli ultimi anni

11/08/2015 09:00
Masters of Sex 3 la terza stagione di uno delle serie tv irriverenti degli ultimi anni

Masters of Sex è ricominciato sul canale via cavo Showtime a partire dal 12 luglio scorso. Molte le novità: sono passati quattro anni dal finale di seconda stagione, e col passare degli episodi compariranno sempre più personaggi inediti

Masters of Sex 3 La terza stagione della serie televisiva "Masters of Sex" viene trasmessa in prima visione negli Stati Uniti d'America dal canale via cavo Showtime , per un totale di 12 episodi. Il primo episodio, intitolato “Parliament of Owls” e diretto da Jeremy Webb, è andato in onda lo scorso 12 luglio, mentre il finale (di cui ancora non si conosce il titolo), è previsto per il 27 settembre. Per il momento non è ancora stato annunciato quando la stagione verrà trasmessa nel nostro Paese.

Nuova stagione Sono passati quattro anni dagli eventi della seconda stagione. Siamo nel 1966, Bill Masters (Michael Sheen) e Virginia “Ginny” Johnson (Lizzy Caplan) si stanno preparando a pubblicare la loro radicale opera “Human sexual response”. I figli di Virginia sono ormai adolescenti, mentre quelli di Bill si trovano nel pieno dell'infanzia. Nel frattempo è scoppiata la rivoluzione sessuale, si comincia a parlare di pillola e all'orizzonte si profila il movimento hippie. Il primo episodio di Masters of Sex 3 dedica molto spazio all'esplorazione del rapporto genitori-figli e ai “tumulti” della pubertà, un netto cambio di rotta rispetto ai temi “vietati ai minori” delle scorse due stagioni.

Trama In una recente intervista all'Hollywood Reporter, la creatrice dello show Michelle Ashford ha motivato la scelta di spostare la storia avanti di quattro anni. “[Quello tra il 1962 e il 1966] è stato un periodo relativamente tranquillo. Praticamente per dieci anni Bill e Virginia non hanno fatto altro che accumulare ricerche. Seguivano un percorso preciso: lavoravano, raccoglievano informazioni, scrivevano, eccetera. Quando racconti una storia che copre più di trent'anni, vuoi occuparti dei momenti in cui ci sono stati cambiamenti significativi, quindi sentivamo il bisogno di fare un bel salto in avanti”.

Cast Allison Janney tornerà per due episodi a vestire i panni di Margaret Scully, ruolo che nel 2014 le è valso anche un Emmy come “miglior attrice guest star in una serie drammatica”. Stando ad Ashford, “[Margaret] è diventata un carattere affascinante, una casalinga degli anni '50 alle prese con gli anni '60”. Beau Bridges sarà una presenza fissa nel ruolo di Barton Scully. Alex Borstein e Josh Charles (che dal 2009 al 2014 è stato l'avvocato Will Gardner in “The Good Wife”) avranno probabilmente dei cameo. E' previsto anche il ritorno di Sarah Silverman e Teddy Sears, rispettivamente nei ruoli di Helen e del dottor Austin Langham.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Michael Sheen, Allison Janney, Sarah Silverman, Beau Bridges



 
Galleria fotografica
Da non perdere






Ultime news
Recensioni