X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Italiano Medio recensione film, Maccio Capatonda approda sul grande schermo

29/01/2015 13:00
Italiano Medio recensione film Maccio Capatonda approda sul grande schermo

Italiano Medio, Maccio Capatonda trasforma in film i trailer non sense che lo hanno reso celebre in televisione, avvalendosi della collaborazione dei fedelissimi Herbert Ballerina, Ivo Avido, Rupert Sciamenna e Anna Pannocchia.

Italiano Medio film diretto da Marcello Macchia (alias Maccio Capatonda), prodotto da Medusa Film e Lotus Production.

Italiano Medio trama. Giulio Verme è un ambientalista convinto, oltre i limiti del maniacale, che però nella vita non riesce ad ottenere niente di quello che vorrebbe; così all’età di quarant’anni si ritrova a lavorare in un centro di smistamento rifiuti, privato delle sue speranze. Oramai depresso non riesce a venire a capo di questa situazione, e anche con la fidanzata Franca si comporta in maniera riprovevole e pesante. L’incontro con l’agguerrita e stramba associazione ambientalista dei “Mobbasta”, lo convince a combattere contro la distruzione di un parco cittadino, che dovrebbe lasciare spazio ad un complesso di residenze; ma anche questo tentativo si rivela un fallimento. Un giorno capita casualmente davanti alla sua porta Alfonzo, vecchio compagno di scuola che possiede il rimedio a tutti i suoi problemi: una pastiglia che gli permette di usare il 2% del suo cervello anziché il 20%, come narra la leggenda. La trasformazione di Giulio è radicale, diventa egoista e ribelle, pensa solo alle donne e a divertirsi. Così arriva a distruggere lui stesso, con una ruspa, a distruggere il parco che prima voleva salvare. Finito l’effetto della pillola torna in sé e vede ciò che è successo, disperandosi; eppure questo gesto ha attirato l’attenzione sul parco, e tanta gente ora vuole salvarlo. Giulio ha capito che essere come un italiano medio potrebbe portargli dei vantaggi, decide quindi di prendere altre pastiglie, cambiando completamente la sua vita.

Italiano Medio recensione. La carriera di Maccio Capatonda inizia con i famosi trailer comici che vanno in onda durante le puntate di “Mai dire..” condotti dalla Gialappa’s; da quel momento diviene un fenomeno virale sulla rete, ottenendo qualcosa come 15 milioni di visualizzazioni. Nel 2012 esce nella prima puntata di “Ma anche no” su La7 il trailer “Italiano Medio” che dopo tre anni si trasforma in film. La caratteristica di questa pellicola è un’irriverente umorismo non sense, dominato da battute sorprendenti e giochi di parole; non una vera e propria commedia, ma un’opera satirica sopra le righe sulla società odierna, sui suoi vizi e passioni scadenti, come quella per i reality show (in questo caso per un certo MasterVip) o per l’abbordaggio da discoteca. Giulio Verme in una società simile non può trovare spazio, perciò solo una volta assunta la pillola ed essere diventato un emerito idiota riesce a integrarsi con il mondo, fino a diventare un vero e proprio idolo. Domina incontrastato il politically incorrect, e ciò fa felici tutti coloro che si ritrovano nauseati dal solito lieto fine tipico delle commedie romantiche all’italiana, che qualche volta vorrebbe vedere qualcosa di assolutamente sbagliato sullo schermo. Maccio si fa carico di questo desiderio, e rompe tutte le barriere del moralismo: il nuovo Giulio sta bene con il suo 2%, e non ha la minima intenzione di privarsi del suo benessere. E le risate scorrono durante la proiezione, perché la realtà caricaturale è così vicina a noi che a volte arriva a coincidere con essa, mettendo in luce tutti i nostri punti deboli, ai quali però non abbiamo alcuna voglia di rinunciare.

Italiano Medio cast. Marcello Macchia (all’esordio cinematografico), alias Maccio Capatonda, interpreta Giulio Verme; Luigi Luciano (Che bella giornata), alias Herbert Ballerina, impersona Alfonzo; mente Franco Mari, in arte Rupert Sciamenna, è il magnate Cartelloni, colui che vuole costruire il complesso edilizio.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Star Wars, i libri che raccontano la saga a 40 anni dall'uscita del film

Guerre stellari (“Star Wars”) uscì il 25 maggio del 1977. In seguito fu intitolato “Star Wars: Episodio IV - Una nuova speranza”. Uno dei volumi più recenti che racconta la saga di George Lucas è “Star Wars: l'epoca Lucas. I segreti della più grande saga postmoderna” di Giorgio E. S. ...

 

Recensione del film Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar

Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar (“Pirates of the Caribbean: Dead Men Tell No Tales”) è il film di Joachim Rønning e Espen Sandberg nelle sale. Nel cast ci sono Johnny Depp, Javier Bardem, Brenton Thwaites, Kaya Scodelario. La narrazione procede senza troppi balzi di suspense, come si addice ad un racconto che ...

 

Festival di Cannes 2017: immagini di Nicole Kidman e Colin Farrell per il film 'The Killing of a Sacred Deer'

Nelle immagini che mostriamo ci sono i protagonisti del film “The Killing of a Sacred Deer”, diretto da Yorgos Lanthimos e in Concorso al Festival di Cannes. L’evento si è svolto presso il Nikki Beach: vi hanno partecipato Colin Farrell, Nicole Kidman, Keith Urban, Barry Keoghan, Raffey Cassidy, Sunny Suljic. La trama &eg...

 

Festival di Cannes 2017: le immagini di Lily Collins e Jake Gyllenhaal al party della Hollywood Foreign Press Association

Nelle immagini che mostriamo ci sono gli ospiti invitati alla serata filantropica svoltasi al festival di Cannes per la International Rescue Committee (IRC), organizzata dalla Hollywood Foreign Press Association (HFPA). Preso il Nikki Beach hanno partecipato Jake Gyllenhaal, Ben Stiller, Tilda Swinton, Adam Sandler, Brittany Snow, Lily Collins, Du...

 

Le celebrità e lo sport: un connubio sempre vincente ad Hollywood

“Mens sana in corpore sano”: una grande verità che viene presa molto sul serio nel mondo di Hollywood, dove il culto del corpo e della (presunta) perfezione psico-fisica regna sovrano. Anche se le apparenze suggerirebbero il contrario, quello delle star è uno stile di vita per certi versi molto stressante, visto che da lor...

 

The Dinner, il film sulle colpe dei figli con Richard Gere e Laura Linney

The Dinner è il film di Oren Moverman con Richard Gere, Laura Linney, Steve Coogan e Rebecca Hall. Paul (Coogan) e sua moglie Claire (Linney), Stan (Gere) - fratello maggiore di Paul - e la consorte Katelyn (Hall) vanno ad un’elegante cena. Durante le portate, dall’aperitivo all’antipasto la scansione temporale segnata dal...

 

Il piacere dell'onestà: il controllo spia su smartphone da Shakespeare alla Corte europea

La possibilità di scoprire cosa affermi un’altra persona in nostra assenza è una delle curiosità insite nell’uomo. Già William Shakespeare in “Otello” (1603) raccontava di come il cinico Jago facesse ingelosire il protagonista: fa portare il fazzoletto della moglie Desdemona sulle mani del presunt...

 

Festival di Cannes, una foto storica con i protagonisti dei decenni

Al Festival di Cannes si è tenuto un photo call particolare, per celebrare i settanta anni dell’evento. Tra i vincitori c’erano Laurent Cantet  (Palma d’Oro nel 2008),  Jerry Schatzberg (Palma d’Oro Nel 1973),  Claude Lelouch  (vincitore del 1966),  Michael Haneke  (Palma d'Oro 2009-2012...

 

Film più visti della settimana, 'Alien: Covenant' e 'Everything, Everything' sono ai primi posti

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 19 al 21 maggio 2017 vede al primo posto la novità “Alien: Covenant” (36.160.621 dollari, leggi la recensione del comic): l'equipaggio di un’astronave scopre un paradiso inesplorato, dove però emerge anche una minaccia da cui fuggire. Al secondo posto sce...

 

Innamorato pazzo, il film commedia con Myrna Loy e William Powell sugli opposti conciliati

Innamorato pazzo (“Love Crazy”, 1941) è il film di Jack Conway con William Powell, Myrna Loy e Gail Patrick. usciva nelle sale statunitensi il 23 maggio del 1941. L’architetto eccentrico Steve Ireland (William Powell) e la moglie Susan (Myrna Loy) al quarto anniversario di matrimonio vorrebbero rivivere la prima notte...

 

Da non perdere

Ultime news
Recensioni