X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Ernest Hemingway, Addio alle armi: dal libro al cinema, l'esperienza del volontario sul fronte italiano nel 1918

29/01/2014 14:00
Ernest Hemingway Addio alle armi dal libro al cinema l'esperienza del volontario sul fronte italiano

Classici - Ernest Hemingway pubblica "Addio alle armi" nel 1929: il libro si rivela presto un bestseller acclamato da critica e pubblico. Del romanzo sono stati tratti diverse trasposizioni cinematografiche, tra cui quella diretta da Charles Vidor e John Houston con Rock Hudson, Vittorio De Sica e Alberto Sordi.

Addio alle armi è la storia che Hemingway voleva raccontare dai tempi dell'esperienza di guerra sul fronte italiano nel 1918. Comincia a scriverla nel marzo del 1928 a Parigi. All'epoca, s'imbarca con la seconda moglie Pauline per L'Avana. È una traversata di diciotto giorni. In aprile i coniugi raggiungono Key West dove Hemingway lavora senza sosta: sveglia all'alba, scrive fino a mezzogiorno, va a pescare nel pomeriggio e si corica la sera presto. A Key West riceve la visita della madre e del padre medico, già provato per l'infelice investimento di un terreno in Florida, in seguito al quale si toglie la vita.
Pauline partorisce il 27 giugno a Kansas City: le diciotto ore di travaglio e il taglio cesareo ispireranno l'ultimo capitolo di "Addio alle armi". Hemingway porta la moglie e il bambino nella casa di famiglia. Nel frattempo, parte per il Wyoming dove completare il romanzo. Pauline lo raggiunge il 18 agosto - due giorni prima la realizzazione della prima stesura. Quando la moglie torna a Key West, Hemingway si reca a New York per accompagnare il primogenito in Florida. Durante il viaggio riceve il telegramma della sorella che lo informa del suicidio del padre. Scrive al suo editore e a diversi amici con la richiesta di un prestito. È Fitzgerald a mandargli un vaglia postale. Affida il figlio al controllore del treno e raggiunge Oak Park, il sobborgo di Chicago, per tamponare le precaria situazione economica della sorella e della madre. Nel romanzo scorge la possibilità di un miglioramento delle sorti finanziarie. Torna a Key West per ultimarne la revisione.

Classici - Graham Greene, Il potere e la gloria: il prete dell'acquavite, martire della fede

Vittorio De Sica candidato all'Oscar - "Addio alle armi" esce il 27 settembre 1929, un mese prima del crollo della Borsa di Wall Street. Sale in testa alle classifiche di vendite diventando in poco tempo un bestseller, accolto con entusiasmo da critica e pubblico. All'epoca, del romanzo viene realizzata una versione teatrale diretta da Lawrence Stallings, portata in scena al Nationale Theatre di New York nel 1930, e una prima trasposizione cinematografica per la regia di Frank Borzage con Gary Cooper nel 1932.
Delle successive trasposizioni ricordiamo quella del 1957, diretta da Charles Vidor e (non accreditato) John Huston con protagonista Rock Hudson e Jennifer Jones - tra gli interpreti italiani Vittorio De Sica (per il ruolo del capitano Rinaldi riceve una nomination agli Oscar come miglior attore non protagonista) e Alberto Sordi (nella parte del cappellano). La pellicola, prodotta da David O. Selznick, fu inserita nella lista dei dieci film migliori dell'anno dal National Board of Review of Motion Pictures.
In Italia, il governo di Mussolini ne vieta la pubblicazione.

Shakespeare, il dilemma di Amleto: Atto Terzo, Scena Prima

Tra romanzo e autobiografia - Critici e biografi cominciano a scandagliare l'opera dal punto di vista autobiografico: nel romanzo il ferimento di Hemingway a Fossalta di Piave è trasferito sull'Isonzo, a nord di Plava; l'amore per l'infermiera Catherine Barkley deriva dalla sublimazione di tre donne amate; la disfatta di Caporetto restituisce il morale avvilito delle truppe grazie all'esperienza vissuta in prima persona da giornalista durante la ritirata greca in Tracia nel 1922. Anche ai personaggi del romanzo si tenta di dare volto e nome: il chirurgo capitano Rinaldi sarebbe ispirato al capitano Enrico Serena, il chirurgo Valentini al capitano Sammarelli, il conte Greffi di Stresa al conte Emanuele Greppi, il cappellano a don Giuseppe Bianchi.

Classici - Italo Calvino, il commento ai Sentieri dei nidi di ragno

I sacrifici erano come i macelli di Chicago - Hemingway predilige una narrazione essenziale secondo la necessità di scrivere in modo semplice le cose conosciute: in questo caso, si tratta dell'orrore della guerra. Una guerra inutile, odiata da tutti, voluta da chi controlla il paese per stupidità.
Nel contrappunto dei dettagli echeggiano disperazione, miseria e sofferenza lungo il leitmotiv infine pacifista: “Non dissi niente. Ero sempre imbarazzato dalle parole sacro, glorioso e sacrificio e dall'espressione invano. Le avevamo udite a volte ritti nella pioggia quasi fuori dalla portata della voce, in modo che solo le parole urlate giungevano, e le avevamo lette su proclami che venivano spiaccicati su altri proclami, da un pezzo ormai, e non avevo visto niente di sacro, e le cose gloriose non avevano gloria e i sacrifici erano come i macelli a Chicago se con la carne non si faceva altro che seppellirla. C'erano molte parole che non si riusciva ad ascoltare e si finiva che soltanto i nomi dei luoghi avevano dignità. Anche certi numeri e certe date, e coi nomi dei luoghi erano l'unica cosa che si potesse dire che avesse un significato. Parole astratte come gloria, onore, coraggio o dedizione erano oscene accanto ai nomi concreti dei villaggi, ai numeri delle strade, ai nomi dei fiumi, ai numeri dei reggimenti e alle date”.
Alla fine il tenente americano, conducente di autoambulanze a servizio della Croce Rossa Americana, diserta: “Se la gente porta tanto coraggio in questo mondo, il mondo deve ucciderla per spezzarla, così naturalmente la uccide. Il mondo spezza tutti quanti e poi molti sono forti nei punti spezzati. Ma quelli che non spezza li uccide. Uccide imparzialmente i molto buoni e i molto gentili e i molti coraggiosi. Se non siete fra questi potete essere certi che ucciderà anche voi, ma non avrà una particolare premura”.
Il protagonista raggiunge l'amata Catherine, in dolce attesa, per tentare un futuro in Svizzera: la fuga notturna, le speranze, la fine delle illusioni.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Carla Paulazzo
Home
 
Libri correlati
Addio alle armi

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Dragon Ball FighterZ, anteprima videogame per PS4 e Xbox One

Dragon Ball FighterZ è il picchiaduro in 2D di una delle saghe più famose e apprezzate nel mondo, con una nutrita di schiera di fan anche nel nostro territorio. Il ritorno del franchise ci trasporta su terreni di scontro in due dimensioni, per un videogioco veloce e spettacolare, sia dal punto di vista del gameplay che dal lato pretta...

 

Recensione film Atomica Bionda: colui che inganna troverà sempre chi si lascerà ingannare

Atomica Bionda trae origine dal fumetto The Coldest City scritto ed illustrato da Antony Johnston e Sam Hart. Il film diretto da David Leitch ed interpretato tra gli altri da Charlize Theron, Sofia Boutella e James McAvoy, è ambientato nella Berlino della guerra fredda, durante le sommosse che hanno portato all’abbattimento del muro e ...

 

Days Gone, anteprima videogame Sony per PS4

Days Gone è un videogioco d’azione ambientato in un mondo aperto, un’enorme mappa dove sopravvivere a gruppi di nemici umani e orde di zombie. La presentazione di due anni fa, all’E3, aveva mostrato un titolo dalle tinte avvicinabili a The Last Of Us, ma dai connotati decisamente più survival, con decine di non morti...

 

Recensione L'ultimo giorno in Vietnam, un bellissimo fumetto di Will Eisner pubblicato da 001 Edizioni

L'ultimo giorno in Vietnam è un bellissimo fumetto scritto e disegnato dalla leggenda della nona arte Will Eisner. All’interno dell’albo si trovano diverse storie raccolte in modo casuale, senza seguire una linea temporale, dallo stesso Eisner. La casa editrice 001 Edizioni ha deciso di ripubblicare nei primi giorni di luglio que...

 

Recensione Rise of the Black Flame il fumetto scritto da Mike Mignola per Dark Horse Comics

Rise of the Black Flame è il nuovo fumetto pubblicato dalla casa editrice Dark Horse Comics, che unisce tutti e cinque i numeri di questa incredibile serie uscita lo scorso anno. Grazie al grande successo ottenuto, la casa editrice ha deciso di pubblicare l’intera storia in un unico volume. All’interno di questo bellissimo albo, ...

 

Final Fantasy XII: The Zodiac Age, recensione videogame per PS4 e Xbox One

Final Fantasy XII: The Zodiac Age è la riedizione di un videogioco particolare, un capitolo fatto di ottime idee e importanti innovazioni all’interno di quello che era a suo tempo il brand di Final Fantasy. La saga si era sempre poggiata su un sistema di combattimento a turni ed incontri casuali, peculiare dei giochi di ruolo a stampo ...

 

Wolfenstein II: The New Colossus, anteprima videogame Bethesda per PS4 e Xbox One

Wolfenstein II: The New Colossus è il videogioco sviluppato da MachineGames e pubblicato da Bethesda Softworks, il seguito di uno dei migliori sparatutto degli ultimi anni, lo storico ritorno del tenente B.J. Blazkowicz. La saga ha segnato un intero genere, oltre che l’industria videoludica, con l’uscita nel lontano 1992 di quell...

 

Recensione Wonder Woman l'Amazzone della collana Grandi Opere DC di Jill Thompson

Wonder Woman L’Amazzone è stato pubblicato all’interno della collana Grandi Opere DC e in Italia distribuito dalla Lion divisine di RW Edizioni. Questa nuova storia ci porta alle origini dell’eroina più famosa dell’universo DC Comics, com’è nata e da dove vengono i suoi grandi poteri, ma soprattutt...

 

Recensione The Interview la nuova graphic novel di Manuele Fior di Fantagraphics

The Interview è la nuova graphic novel pubblicata dalla casa editrice americana Fantagraphics, scritta e disegnata da Manuele Fior. L’autore ci porta in un futuro dove i cambiamenti non avvengono con una rivoluzione o con la fine del mondo ma attraverso processi mentali che poco a poco cambiano il modo di pensare. I contatti con gli ex...

 

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy, recensione per PS4: il ritorno della mascotte PlayStation

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy è un pezzo di storia del videogioco, la collezione completamente restaurata dei primi tre storici capitoli usciti su PlayStation, un ricordo a cui tantissimi videogiocatori sono legati. Proprio l’aspetto nostalgico ha convinto Activison ad affidare al team interno Vicarious Visions il compito di riportare...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni