X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione film Comic Movie, una folle commedia che trascende la realtà

05/09/2013 07:00
Recensione film Comic Movie una folle commedia che trascende la realtà

Un cast di attori formidabili per un mosaico assemblato con spezzoni irriverenti, dallo stile sconclusionato e dal filo conduttore unico che allo stesso tempo trascendono la realtà

Comic Movie o nel titolo originale di Movie 43 è una commedia leggera basata su una serie di scene contraddistinte dalla follia irriverente o da difetti paradossali dei personaggi o innovativi sistemi educativi in perfetto stile trash.

Alcuni ragazzi intenti a fare uno scherzo al proprio amico nerd gli chiedono di trovare in rete un video vietatissimo dal titolo Movie 43, al solo scopo di fargli perdere del tempo mentre tentano di riempire il suo computer di virus. In realtà la ricerca porta alla visualizzazione di varie scenette comiche. Il primo appuntamento con protagonisti Hugh Jackman e Kate Winslet, alle prese un evidente difetto fisico che cambia probabilmente le sorti dell'incontro. Naomi Watts e Liev Schreiber che tentano di dare un istruzione alternativa al figlio. Emma Stone nella parodia trash di una storia d'amore ed Halle Berry alle prese con un appuntamento al buio in cui la sperimentazione sembra essere l'arte del successo. Fino alla gelosia di Superman per Lois Lane interpretata da Uma Thurman.

Un film contraddistinto da una presenza massiccia di talenti, cinematograficamente parlando, impegnati in spezzoni fuori dal comune. Per questo probabilmente è stato un film che ha ottenuto pochi consensi a livello di critica ma che potrebbe presentare anche aspetti riflessivi. Come la sequenza intitolata iBaby con Richard Gere e Kate Bosworth, nella quale un produttore di lettori musicali ne realizza uno con le sembianze di una donna che affascina fin troppo i propri compratori. Alcune delle scene presentano anche metafore di vita con stile che sicuramente trascende la realtà ma allo stesso tempo diverte. Infatti, il linguaggio e l'espressività utilizzate nonché i temi trattati hanno una natura audace con una sceneggiatura dai contorni arditi ma ben condotta.

Movie 43 si presenta come quel genere di film distante dalle commedie più blasonate e prossimo invece al tipo demenziale proprio della serie Una pallottola spuntata. Con la differenza che in questo caso non c'è una vera e propria trama ma si basa sulla presenza di una serie di scenette che esprimono una parodia spinta della vita quotidiana. Un film non acclamato dalla critica come tra i migliori del suo genere ma sicuramente divertente che in alcune sequenze risulta essere un esperimento intelligente mentre in altre esagerato, apprezzato da coloro che amano uno stile folle e fuori dalle righe.

 
© Riproduzione riservata
Home
 



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Gli invisibili: recensione del film dialogo impossibile tra il caos societario e l'essere umano

Gli invisibili presenta una trama in cui non regna l’avvicendamento di azioni e reazioni, bensì fa da padrone l’intima riflessione su ciò che è stato e ciò che sarà in un annullamento del tempo presente che affligge il solitario protagonista, interpretato da Richard Gere e diretto da Oren Moverman. Ri...

 

The Dressmaker, 'Kate Winslet nel film rilegge con perspicacia il mio romanzo': intervista all'autrice Rosalie Ham

The Dressmaker - Il diavolo è tornato è il film di Jocelyn Moorhouse da oggi nelle sale, distribuito da Egle Pictures. Nel cast ci sono Kate Winslet, Liam Hemsworth, Judy Davis, Hugo Weaving e Caroline Goodall. Mauxa ha intervistato Rosalie Ham, la scrittrice dal cui libro del 2000 è tratto il film. D. Rosalie, il tuo ro...

 

The Dressmaker: recensione del film favola sull'eterna rivalità tra apparenza e realtà

The Dressmaker presenta sfumature proprie del thriller inserite a pieno nell’ambito della commedia, per un lungometraggio che si avvicina ad una irriverente ed esilarante dark comedy, diretta dalla regista Jocelyn Moorhouse. La trama di The Dressmaker ha inizio con il ritorno dell’ormai cresciuta Myrtle “Tilly” Dunnage (Kat...

 

Dublin International Film Festival, intervista al direttore: 'I film hanno carica provocatoria ed energia'

Il Dublin Film Festival è il più importante evento cinematografico dell’Irlanda. È giunto alla 13esima edizione, quest’anno durerà fino al 28 febbraio. Mauxa ha intervistato il direttore, Grainne Humphreys. Negli anni il festival ha proposto film come “Vanishing Waves” di Kristina Buožytė, p...

 

The Dressmaker, Il diavolo è tornato: il nuovo film australiano con Kate Winslet

Il nuovo film con Kate Winslet. Dopo essere stato presentato al Torino Film Festival a novembre e aver conquistato il botteghino australiano, uscirà il 28 aprile anche in Italia “The Dressmaker – Il diavolo è tornato”, il nuovo film avente come protagonista Kate Winslet. L’opera è scritta da P. J. Hogan ...

 

Steve Jobs, recensione del film di Danny Boyle con Michael Fassbender

Steve Jobs film diretto da Danny Boyle, scritto da Aaron Sorkin, basato sull’omonima biografia autorizzata scritta da Walter Isaacson e pubblicata nel 2011. La particolare trama del film si snoda nei backstage pochi minuti prima del lancio di tre dei prodotti più rappresentativi della carriera di Steve Jobs: il Macintosh nel 1984, i...

 

Michael Fassbender sorprende in Steve Jobs, dal mancato Golden Globe alla corsa all'Oscar

Steve Jobs film. Ai Golden Globe con quattro candidature, il biopic diretto da Danny Boyle vinci due statuette: Miglior attrice protagonista a Kate Winslet (non ce l'ha fatta, invece, Michael Fassbinder) e Miglior sceneggiatura ad Aaron Sorkin. Effetto déjà vu. Negli Stati Uniti è piaciuto più alla critica che al p...

 

Franny, Richard Gere è un miliardario tormentato nel primo film di Andrew Renzi

Franny (The Benefactor) film diretto da Andrew Renzi, regista emergente alla sua opera prima. La pellicola è indipendente, ed è stata presentata al Tribeca Film Festival il 15 aprile 2015; pochi giorni dopo la Samuel Goldwyn Films ha acquisito i diritti di distribuzione del film. Trama. Franny è un miliardario filantropo che...

 

Richard Gere, benefattore non solo nel film Franny ma anche con la sua fondazione

Franny (“The benefactor”) è il film che Richard Gere ha presentato alla trasmissione “Che tempo che fa” di Fabio Fazio. Trama. L’attore ha parlato del suo aspetto misericordioso, che richiama la sua conversione al buddismo nonché alla tematica del film. “È un momento in cui la gente cerca un...

 

Jennifer Lawrence sarà Lynsey Addario nel nuovo film di Steven Spielberg e viene intervistata da Vogue

It's What I Do è il titolo provvisorio del nuovo progetto cinematografico di Steven Spielberg. Il film sarà l'adattamento dell'omonimo romanzo autobiografico scritto dalla fotogfrafa di guerra Lynsey Addario, che molto probabilmente sarà interpretata da Jennifer Lawrence. La Addario ha vinto il premio Pulitzer e ha realizzato d...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni