X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=22587639&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1

Salinger, il film di Shane Salerno che sancisce il successo del documentario Usa

28/08/2013 09:48
Salinger il film di Shane Salerno che sancisce il successo del documentario Usa

"Salinger" è solo l'ultimo caso di documentari statunitensi che ottengono successo di pubblico e di critica. La Weinstein Company è molto attenta al fenomeno, inaugurato da Michael Moore e proseguito negli ultimi anni

Salinger, il film documentario prodotto dalla Weinstein Company e diretto da Shane Salerno manterrà il mistero sui suoi contenuti, per fare in modo che alla data di uscita statunitense - il 6 settembre 2013 - si crei un raro fenomeno di interesse. Sarebbe uno dei pochi casi in cui un documentario assurge alla completezza mediatica degna dei kolossal hollywoodiani, fenomeno accaduto solo per “Super Size Me” (2004), documentario di Morgan Spurlock sul fenomeno McDonalds, che ora è impegnato in “This Is US” sugli One Direction. Oppure per “Fahrenheit 9/11” (2004)e “Sicko” (2007) di Michael Moore.

Il film “Salinger” cominciò ad essere prodotto nove anni fa, e contiene dettagli inediti come filmtati, fotografie, informazioni biografiche sull’autore de “Il giovane Holden” (1951), libro che continua a vendere 250.000 copie all'anno. L’attesa è collegata anche al libro che uscirà in concomitanza del film, “Salinger” edito da Simon & Schuster dal 3 settembre per 37.50 dollari. Così editore e distributore si sono alleati invitando il pubblico e gli addetti del settore che hanno visto i prodotti a non divulgare informazioni, tanto che i giornalisti che hanno visto il firmarono un accordo di non divulgazione. "Nel 1993 la Miramax distribuì ‘La moglie del soldato’, chiedemmo a giornalisti e cinefili di non rivelare il segreto della pellicola ai loro amici -  ha detto Harvey Weinstein presidente della casa distributrice - Con ‘Salinger’ abbiamo una situazione simile. Il documentario presenterà informazioni che finora sono state tenute segrete per decenni”.

Il fenomeno dei documentario statunitense che assurgono a successo è notevole, basti pensare ai citati film di Moore che costati 6 milioni (“Fahrenheit 9/11”) ne incassarono 222.446.882. Oppure al recente “Gideon's Army” di Alba Porter, osannato dalal critica e che segue tre giovani difensori pubblici che lavorano per il popolo tra lunghe ore di attesa, bassa retribuzione e quantità di pratiche impressionanti da smaltire, tanto da desiderare la rinuncia. “The Act of Killing”, in cui gli ex dirigenti indonesiani degli squadroni della morte rimettono in scena le loro stragi reali, usando vari generi cinematografici.

Shane Salerno ha investito due milioni di dollari nel documentario, e le riprese si sono svolte con nomi in codice, telecamere di sorveglianza paventando un thriller personale. Tra le testimonianze ci sono quelle di David Milch, Robert Towne, Philip Seymour Hoffman, Edward Norton, John Cusack, Danny DeVito, John Guare, Martin Sheen, Tom Wolfe, EL Doctorow, Gore Vidal e i vincitori del Premio Pulitzer A. Scott Berg e Elizabeth Frank. Anche accedere alle confidenze degli intervistati più vicini allo scrittore è stato arduo, tanto che Salerno ha dovuto insistere per abbattere la barriera dei ‘no’, rispettosa dell’odio che Salinger aveva verso i media. Ma anche i documentari di Michael Moore erano distribuiti dalla Wenstein, e l’investimento di Salerno sarà di certo ripagato.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Libri correlati
Il giovane Holden
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Addio Christopher Robin, il film sull'autore di Winnie-the-Pooh

Addio Christopher Robin (“Goodbye Christopher Robin”) è il film che uscirà nelle sale statunitensi il 13 ottobre. La storia racconta il rapporto tra l'autore dei libri per bambini amato A.A. Milne (Domhnall Gleeson) e suo figlio Christopher Robin (Will Tilston). Il suo personaggio ha ispirato il mondo di Winnie-the-Pooh. ...

 

Peter Greenaway, il nuovo film è 'Walking to Paris'

Peter Greenaway è al lavoro al nuovo film, “Walking to Paris”. La trama del film non è stata svelata, anche se il tema di fondo è la vicenda di uno ei più importanti scultori del 1900, Constantin Brâncusi. Lo scultore 27enne Brâncusi (Emun Elliott) lascia il suo piccolo villaggio di Hobita, a su...

 

Recensione del film Noi siamo tutto

La discendenza da un romanzo è evidente in “Noi siamo tutto” (“Everything Everything”), film di Stella Meghie tratto dall’opera di della scrittrice Nicola Yoon. Della reclusione in un appartamento della giovane adolescente Maddy Whittier (Amandla Stenberg), ai gesti che portano il suo nuovo vicino di casa Nick R...

 

'The Lifeboat', il film prodotto ed interpretato da Anne Hathaway ha un nuovo regista

Joe Wright non dirigerà più “The Lifeboat”, il film tratto dall’omonimo libro di Charlotte Rogan. Anne Hathaway resta comunque coinvolta nel progetto nei panni di produttrice e di attrice protagonista. Il romanzo di Rogan si apre con un processo in cui il personaggio principale, Grace Winter, è accusata di om...

 

Matt Damon, protagonista del nuovo film 'Charlatan'

Matt Damon interpreterà il ruolo del ciarlatano John R. Brinkley nel nuovo film “Charlatan”. La storia è quella reale di un uomo nel Kansas, sedicente medico che negli anni Venti introdusse un metodo chirurgico straordinario usando le ghiandole delle capre per curare l'impotenza negli agricoltori locali. Divenne cos&igrav...

 

Recensione del film Valerian e la città dei mille pianeti

Valerian e la città dei mille pianeti (“Valérian et la Cité des mille planètes") è il film di fantascienza di Luc Besson. L’esordio avviene in un luogo paradisiaco, tra esseri umanoidi ed esplosioni che avvertono di una minaccia imminente. Già qui Besson è vittima dello stesso materiale ...

 

First They Killed My Father, il film di Angelina Jolie conviene la critica

First They Killed My Father è il film di Angelina Jolie che ha ottenuto ottime recensioni negli Stati Uniti. La storia è quella dell’attivista Loung Ung, che per sopravvivere al regime cambogiano dei Khmer Rossi dal 1975 al 1978 vede disgregata la propria famiglia. La storia viene raccontata dalla protagonista, una bambina di c...

 

L'incredibile vita di Norman, incontro con Richard Gere: 'il mio personaggio vorrebbe esaudire le promesse'

L'incredibile vita di Norman (“Norman: The Moderate Rise and Tragic Fall of a New York Fixer”) è il film di Joseph Cedar con Richard Gere, presentato a Roma. La pellicola negli Stati Uniti è uscita ad aprile 2017 ed ha ottenuto recensioni positive. La storia racconta del faccendiere Norman Oppenheimer, che a New York tess...

 

Film più visti della settimana, la novità è 'American Assassin'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 15 al 17 settembre 2017 conferma il primo posto per “IT”, tratto dal romanzo di Stephen King (218.710.619 dollari): la creatura malvagia che uccide i bambini della città è tornata, mentre sette abitanti cercano di eliminarlo. Al secondo posto entra “Ameri...

 

'Meg', l'horror con protagonista Jason Statham arriva nel 2018

Ha dovuto aspettare due decenni, ma Steve Alten avrà finalmente la soddisfazione di vedere il proprio best-seller trasformato in un horror da 150 milioni di dollari con Jason Statham nei panni del protagonista. In un primo momento “Meg” sarebbe dovuto uscire il 2 marzo 2018, ma poi la Warner Bros ha deciso di rimandarlo al 10 ag...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni