X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione The Company You Keep, Robert Redford e le identità segrete

07/09/2012 10:30
Recensione The Company You Keep Robert Redford le identità segrete

Diretto da Robert Redford, questo thriller delle identità presentato fuori concorso alla 69° Mostra del Cinema di Venezia ha per protagonisti Shia LaBeouf, Susan Sarandon e Julie Christie

The Company You Keep è un thriller sulle identità segrete e taciute ai famigliari più stretti a tutela di un segreto che li sconvolgerebbe. La ricerca della verità ad ogni costo e l'insostenibile peso del passato intrecciano l'intrigante trama di questo film diretto ed interpretato da Robert Redford e presentato in anteprima al Festival del Cinema di Venezia.

Jim Grant (Robert Redford) è un avvocato che ha da poco perso la moglie in un incidente d'auto ed è rimasto solo con l'intelligente figlia dodicenne. Quando l'attivista di sinistra Sharon Solarz (Susan Sarandon) si costituisce, Jim viene messo alle strette da Ben Shepard (Shia LaBeouf), un intraprendente giornalista alla ricerca della verità sull'omicidio di un agente avvenuto in una banca decenni prima. Jim è costretto a fare un tuffo nel suo passato di membro del Weather Underground, gruppo di attivisti che lottavano contro le scelte del proprio governo sulla sanguinosa guerra in Vietnam.

Tutti possono commettono degli errori, anche quando la causa può sembrare degna d'essere perseguita. Un gruppo di attivisti che durante le proteste per l'impegno militare del proprio Stato in Vietnam, compiono uno sbaglio ed uccidono un agente e padre di famiglia si ritrovano loro malgrado coinvolti da un indagine della FBI. L'insostenibilità di questo sbaglio pesa per Sharon che dopo trent'anni esce allo scoperto costituendosi ed infrangendo il muro del silenzio.

Se ami qualcuno tienilo vicino. Perseguire un'idea contro un sistema intollerante alla pace finisce solo per allontanare le persone che ami. L'illusione di cambiare il mondo e vedere i propri governi pagare i crimini che hanno commesso si scontra con l'età matura che riconosce l'errato modo d'agire del passato oltre alla perdita di ciò che poteva essere più significativo e gratificante.

Il cast è di spessore ed amalgama generazioni di grandi attori. Shia LaBeouf nei panni di Ben Shepard porta sullo schermo il ruolo stereotipato del giornalista che espone gli altri a costo di uno scoop. Tuttavia, avere scoperto segreti altrui lo porterà a confrontarsi con i propri dubbi interiori ed a compiere delle scelte che non riguardano soltanto sé. Il paragone tra passato e presente emerge nel dialogo tra Robert Redford e Julie Christie nelle vesti della ricercata Mimi Lurie. Un confronto che esprime le contraddizioni tra l'idealismo dell'uno e la razionalità dell'altro nella crescente consapevolezza delle sconfitte dei propri personaggi. Un confronto tra due grandissimi del cinema che esprimono ancora un innato fascino ma che si pone come metafora del giudizio che ognuno darà delle proprie esistenze e delle opportunità perdute.

Tra gli altri sono presenti nel cast anche Nick Nolte anche lui ex membro attivista, Terrence Howard nei panni di un detective della FBI, Stanly Tucci nella veste di un responsabile direttore di giornale e Brit Marling.

The Company You Keep è un thriller intenso è ben condotto da una regia e da una sceneggiatura che non lasciano nulla d'inesplorato. La fatica degli anni e l'ammissione dei propri errori emergono come temi portanti e pongono l'attenzione sulle scelte da compiere. Un thriller in cui la cospirazione è intima, contro sé stessi e l'ammissione della verità può liberare dal senso di colpa.

 
© Riproduzione riservata
Home
 



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

The Discovery, il romantic sci-fi con Robert Redford e Rooney Mara

The Discovery è un film di fantascienza - con sfumature romantiche - diretto da Charlie McDowell e scritto a quattro mani insieme a Justin Lader, prodotto da Alex Orlovsky della Verisimilitude e da James D. Stern della Endgame Entertainment, finanziato invece da Endgame Entertainment e Protagonist Pictures.  Il regista americano non ...

 

Sundace Film Festival 2016, un programma tra crescita umana e originale romanticismo

Il Sundace Film Festival fondato a Robert Redford comincia oggi 21 gennaio a Park City nello Utah, creando una panoramica dinamica del cinema indipendente sia statunitense che estero. Per la competizione c’è “As You Are” di Miles Joris-Peyrafitte, rivisitazione di un rapporto tra tre adolescenti. In “The Birth of a N...

 

Knock Knock: il film horror con Keanu Reeves di Eli Roth

Knock Knock. Quando uscì nei cinema ormai dieci anni fa, l'horror indipendente a basso costo "Hostel", oltre a riscuotere un inaspettato successo al botteghino, fece scalpore per la massiccia dosa di violenza esasperata unita a tocchi di humour nero e fece conoscere a tutti il suo autore Eli Roth, che aveva debuttato 3 anni prima c...

 

Codice 999: il nuovo film crime con Kate Winslet e Gal Gadot

Codice 999. Quello del crime movie è un genere cinematografico che non sempre riscuote le simpatie del pubblico e soprattutto della critica, che sistematicamente punta il dito contro l'eccessico uso dei cliché e la caratterizzazione stereotipata dei personaggi. Ma il regista australiano John Hillcoat (suo l'acclamato "The Road") ha gi...

 

Cop Car, il film thriller di Jon Watts con Kevin Bacon

Cop Car. Jon Watts, classe 1981, è un regista che ha le idee chiare. Di certo non vuole rimanere imbrigliato in un genere cinematografico preciso: ecco perchè a pochi mesi dall'uscita nelle sale del suo film d'esordio. il cupo horror "Clown"(prodotto e interpretato da Eli Roth), Watts ha già da mostrare a pubblico e critica la ...

 

Hellions, dal Sundance Film Festival un horror canadese tra Halloween e Rosemary's Baby

Hellions film horror di Bruce McDonald. Bruce Mc Donald, classe 1958, è uno a cui piacciono le sfide: in Italia i suoi film non hanno finora avuto una distribuzione (si ricorda per aver diretto diversi episodi della serie tv "Queer as Folk"), ed è un peccato, perchè il filmaker canadese è uno a cui piace spaziare nei gen...

 

The Woods, il terrore si nasconde nella foresta

The Woods horror di Corbin Hardy. E' proprio vero che per mettere paura al pubblico cinematografico non c'è sempre bisogno di ricorrere all'uso smodato di rutilanti effetti speciali: lo pensa, e a ragione, il giovane regista di videoclip misicali Corbin Hardy (ha girato con Ed Sheeran, Paolo Nutini e i Prodigy, solo per citare alcune sue col...

 

Sundance Film Festival 2015, la 31esima edizione dal 22 gennaio al 1° febbraio

Sundance Film Festival 2015. È iniziato giovedì 22 gennaio la rassegna di cinema indipendente più influente al mondo. Quest'anno sono quasi 200 i titoli tra film narrativi, documentari, corti, prodotti ibridi, sperimentali presenti nel ricco cartellone della kermesse, che prova a recuperare maggiormente il suo carattere indipen...

 

What We Do in the Shadows, i vampiri tutti da ridere vengono dalla Nuova Zelanda

What We Do in the Shadows horror di Jemaine Clement e Taika Waititi. Quello dei vampiri è un affascinante mondo che il cinema saccheggia a piene mani sin dai suoi albori, e che soprattutto ciclicamente torna a riscuotere l’interesse del pubblico, vedi i casi della saga romantica di “Twilight” e del televisivo “True Bl...

 

Susan Sarandon, parla dell'uso della marijuana e della relazione con David Bowie

Susan Sarandon ha rivelato di aver avuto una relazione con David Bowie, dopo aver lavorato insieme nei primi anni 1980. Dichiarazioni di Susan Sarandon. “Lui è straordinario - ha detto al The Daily Beast - è così luminoso. Lui è un talento e un pittore, ed è grande". I due lavorarono insieme nel 1983 nel fi...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni