X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Quello che so di lei

31/05/2017 08:00
Recensione del film Quello che so di lei

"Quello che so di lei" è il film commedia di Martin Provost con Catherine Deneuve e Catherine Frot,

QDllo che so di lei (“Sage femme”) è il film di Martin Provost nelle sale. Nel cast ci sono Catherine Deneuve, Catherine Frot e Olivier Gourmet.

Claire (Catherine Frot) è un’ostetrica capace, che ama il suo lavoro. Quasi alla fine della sua carriera si scontra con metodi innovativi che disapprova, cosicché il lavoro inficia nella sua vita privata. Un giorno riceve telefonata, è Béatrice (Catherine Deneuve) che si presenta come la prorompente amante del suo defunto padre. Béatrice vorrebbe incontrare Claire: cosicché tra le due gli screzi e i compatimenti si alternano.

Il film in Francia ha incassato più di 500 mila euro, un ottimo risultato per una commedia prodotta. Basti pensare che nella classifica francese tra i primi post figurano film francofoni e non statunitensi, soprattutto di genere commedia. “Raid dingue” ha incassato 30 milioni di dollari), storia di una ragazza che vuole entrare in un corpo speciale della polizia; “Il a déjà tes yeux”, su una coppia che adotta un bambino di quattro anni e scopre che è di colore; “Alibi.com”, su come mascherare le infedeltà attraverso un sito web.

Se l’idea iniziale di "Quello che so di lei” è forte, essa è sviluppata in maniera adeguata e con colpi di scena. Qui si fa ricorso anche a simbolismi, che raccontati permettono subito la creazione di un ambiente: la figura dell’ostetrica è quella che per eccellenza conduce alla prima vita, e che poi non avrà più rapporti con i neonati.

“Io stesso sono stato salvato alla nascita da un’ostetrica - ha detto il regista Provost - Mi ha donato il suo sangue e questo suo gesto mi ha permesso di sopravvivere”. Quando il regista da adulto seppe della propria storia, cominciò a cercare quella donna: ma gli archivi dell’ospedale conservano i documenti solo per venti anni, così Martin Provost non ha potuto conoscerla.

Il film “Quello che so di lei” deve la sua partecipazione emotiva all’interpretazione delle due protagoniste: una Catherine Deneuve che dopo “Potiche - La bella statuina” (2010) di François Ozon ha trovato una nuova vitalità con battute fulminee e una mimesi rara. Tanto che sarà in altri tre film di genere commedia, come “Bonne Pomme”, “Tout nous sépare” e “Mauvaises herbes”. Catherine Frot - vincitrice del César per “Marguerite” (2015) - riesce a proporre un’inibizione rara: pur dando lei la vita, non sa agirla con spontaneità.

E quando il film sembra attorcigliarsi sulla reciproca ricerca delle due donne, si entra in ambiente tetro illegale: nelle sale da gioco clandestine Béatrice si

guadagna da vivere. Questo gioco di carte permette sia ai giocatori che agli spettatori di effettuare delle puntate. Così il film da commedia sentimentale diventa anche sociale, il che al conduce ad un côté noir che si presta bene all’atmosfera non ovattata del film.

La possibilità di accettare ciò che la vita ci restituisce, sia positivo o avverso è uno dei messaggi che con lentezza emerge nel film, grazie anche ad una regia che Provost sa rendere fluida, pedinando gli attori per far esprimere le loro improvvisazioni.

Senza contare che la stessa Claire ha una casa in campagna, dove coltiva un orto e dove ha un amante: così come Beatrice lo era del padre. Il film diventa così anche un racconto dell’inutilità di giudicare le azioni altrui.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Catherine Deneuve
 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Dinard British Film Festival 2014, Catherine Deneuve sarà il presidente della giuria.

Dinard British Film Festival 2014. Gli anni passano per tutti, e nel caso dei Festival è un segno di prestigio che va ad impreziosire la tradizione e la cultura dei luoghi che li ospitano: così è anche per Dinard, la bella cittadina della Bretagna su cui i riflettori tornano a essere puntati in occasione dell’edizione n.2...

 

Catherine Deneuve: nel nuovo film con Guillaume Canet e a Venezia con la figlia Chiara Matroianni

Catherine Deneuve e Chiara Mastroianni sono nelle immagini che mostriamo dal Festival del cinema di Venezia, dove hanno presentato in concorso “3 coeurs” di Benoît Jacquot. 3 coeurs. La trama del film ruota attorno all’incontro casuale tra Marc e Sylvie, in un paesaggio di campagna nella provincia francese. I due trascorron...

 

Asterix e Obelix al servizio di sua maestā - Quarto capitolo di una fortunata saga

Distribuita da Lucky Red esce il 10 gennaio nelle sale italiane la commedia fantastico-avventurosa Asterix e Obelix al servizio di sua maestà diretta da Laurent Tirard e interpretata da Gérard Depardieu, Edouard Baerd, Guillaume Gallienne, Vincent Lacoste, Valérie Lemercier, Catherine Deneuve, Luca Zingaretti, Filippo Timi, Ner...

 

Linhas de Wellington, John Malkovich stratega in un dramma privato e collettivo

Linhas de Wellington presenta uno spaccato della storia portoghese riportando i drammi personali che un evento collettivo come la guerra può generare. Il film è ambientato agli inizi del ottocento, durante l'invasione napoleonica in Portogallo. Narra della ritirata strategica delle truppe portoghesi all'interno del proprio territorio...

 

Festival Di Venezia 2010: Intervista a Catherine Deneuve

Venezia. Abbiamo intervistato l'attrice Catherine Deneuve, protagonista al Festival di Venezia della sinuosa commedia Potiche di François Ozon: la storia ambientata nella provincia francese del 1977 è di una donna borghese che, dopo il sequestro del marito dirigente dell'azienda di famiglia, prende il suo posto e si emancipa dalla s...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=22587639&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1