X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Shrek 5, il quinto capitolo della saga promette di rivoluzionare il franchise

08/04/2017 08:00
Shrek 5 il quinto capitolo della saga promette di rivoluzionare il franchise

A sette anni di distanza dal quarto film, annunciato come quello conclusivo, la DreamWorks ha inaspettatamente deciso di rilanciare uno dei suoi personaggi più redditizi

Shrek 5” è ufficialmente in fase di sviluppo, e il suo sceneggiatore, Michael McCullers, promette che il film “reinventerà completamente” il franchise.

In un’intervista a “The Hollywood Reporter” rilasciata per promuovere un altro film DreamWorks attualmente nelle sale, “Baby Boss”, McCullers ha detto che il quinto capitolo (nonché il primo "Shrek" ad essere prodotto da quando la casa d’animazione è stata assorbita dalla Comcast della Universal Pictures) si porrà come obiettivo quello di rilanciare l’irriverente orco verde. “Immagino che siano [...] interessati a capire quale sarà il futuro del franchise anche da un punto di vista aziendale”, ha spiegato McCullers. “Reinventarsi a questo punto è necessario. Ci sono già stati quattro film, […], quindi i personaggi sono molto amati, e sono fantastici, ma a questo punto è necessario proporre qualcosa di nuovo”.

Shrek 5” è stato confermato ufficialmente lo scorso luglio. Ancora non è dato sapere se Mike Myers, Cameron Diaz ed Eddie Murphy torneranno a doppiare i tre protagonisti, l’unica cosa certa è che il gilm dovrebbe uscire nel 2019.

Il primo “Shrek” (ispirato all’omonimo libro illustrato di William Steig uscito nel 1990) rimane uno dei più grandi successi della DreamWorks, ed ha il merito di aver reso la casa d’animazione fondata da Steven Spielberg un colosso a tutti gli effetti del settore. Quando è uscito, nell’ormai lontano 2001, il film ha incassato 484,4 milioni di dollari in tutto il mondo; si calcola che, solo negli Stati Uniti, abbia fatto vendere 47 milioni di biglietti. “Shrek” ha vinto il primo premio Oscar della storia come miglior film d’animazione, e ricevuto una nomination alla statuetta per miglior sceneggiatura non originale (una categoria per la quale si è aggiudicato comunque un BAFTA).

Questo successo, tanto di pubblico quanto di critica, ha permesso alla DreamWorks di affermarsi come principale concorrente della Pixar. La saga ha raggiunto il suo apice, soprattutto in termini monetari, con il secondo capitolo, “Shrek 2”, uscito nel 2004, e che tutt’ora detiene il primato di maggior incasso (per un film d’animazione) in Nord America. Superata quella fase, il franchise è andato incontro a un lento ma inesorabile declino: i due capitoli successivi, “Shrek terzo” e “Shrek e vissero felici e contenti”, non hanno generato lo stesso interesse dei loro predecessori, e anche lo spin-off dedicato al Gatto con gli Stivali è stato presto dimenticato.

D’altronde non era facile replicare il senso di novità che avvolgeva il primo “Shrek”, la cui forza risiedeva innanzitutto nel suo volersi proporre come film per bambini fortemente appetibile anche agli adulti, grazie al suo umorismo – a tratti – un po’ più maturo e alle continue citazioni. L’altro punto di forza del film era il modo in cui rovesciava non solo gli stereotipi delle fiabe, ma anche, e soprattutto, i cliché che il grande rivale della DreamWorks, la Disney, aveva stabilito nel corso di decenni passati a produrre i suoi “classici” d’animazione. A questo punto, vale la pena ricordare che “Shrek” è stato prodotto, tra gli altri, da Jeffrey Katzenberg, ex dirigente proprio della “Casa del Topo”.

In generale, “Shrek” ha avuto sul mondo dell’animazione un impatto paragonabile a quello de “Il Re Leone”, nel 1994. Il suo enorme successo ha innegabilmente accelerato la diffusione dei film interamente in CGI, a scapito dell’animazione tradizionale, e ha dato origine a una lunga serie di imitatori che hanno provato, non sempre riuscendoci, a replicare la formula magica che ha reso “Shrek”, nel bene e nel male, uno dei film più importanti dei primi anni Duemila.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

Altri articoli Home

Gus Van Sant, il nuovo film è 'Don't Worry'

Gus Van Sant è al lavoro al nuovo film, dal titolo “Don't Worry, He Won't Get Far on Foot”. La vicenda ruota attorno a John Callahan (Joaquin Phoenix), che a 21 anni dopo un incidente d’auto resta paralizzato. Il giovane però non demorde, e comincia dipingere come forma di terapia. Nel cast ci sono anche Jonah Hill...

 

Eva contro Eva, il film sull'apparente disponibilità con Bette Davis

Eva contro Eva è il film di Joseph L. Mankiewicz che usciva nelle sale statunitensi in questo periodo, nel 1950. Alla consegna annuale del premio Sarah Siddons Society ci sono vari drammaturghi, tra cui Addison DeWitt (George Sanders), Lloyd Richards (Hugh Marlowe) e la moglie, assieme e personaggi dello spettacolo tra cui la famosa attrice...

 

Movies Anywhere, la nuova App che centralizza i film

Movies Anywhere è lanciato oggi negli Stati Uniti con cinque studios che forniranno i contenuti. Si tratta di Sony Pictures Entertainment, The Walt Disney Studios (che comprendono Disney, Pixar, Marvel Studios e Lucasfilm), Twentieth Century Fox Film, Universal Pictures e Warner Bros. Entertainment. L’obbiettivo è fornire un'e...

 

Recensione del film Barracuda, la tensione familiare apprezzata dalla critica

Barracuda è il film di Julie Halperin e Jason Cortlund, uscito nelle sale statunitensi in questi giorni e che ha ottenuto un ottimo successo di critica. I primi minuti, con una barca su un lago dorato, un saluto sulla tomba di un uomo dove si versa del whisky si svolgono in silenzio. Quello di cui molti film avrebbero bisogno per essere app...

 

'L'arte deve far riflettere': intervista ad Ori Pfeffer protagonista di 'The Testament'

A Venezia abbiamo avuto l’occasione di intervistare Ori Pfeffer, protagonista di “The Testament”, un film intenso in cui il regista e sceneggiatore Amichai Greenberg riflette sui temi dell’identità, della famiglia e dell’importanza della memoria, sia a livello individuale che collettivo. Pfeffer ha interpretato ...

 

Il miracolo della 34ª strada, per i 70 anni del film nuove immagini

Per i settanta anni dell’uscita del film “Il miracolo della 34ª strada” (“Miracle on 34th Street”, 1947) di George Seaton negli Stati Uniti esce in questa settimana un nuovo dvd e blu-ray. Durante la stagione delle vacanze natalizie un gentiluomo colto, panciuto e una barba bianca (Edmund Gwenn) è assunto ...

 

Recensione del film Il palazzo del Viceré

Il palazzo del Viceré (“Viceroy's House”) è il film di Gurinder Chadha con Hugh Bonneville, Gillian Anderson e Manish Dayal. Louis Mountbatten ( Hugh Bonneville ) arriva nella sua residenza a Delhi nel 1947. È Governatore generale, ossia capo dell'amministrazione britannica della nazione, che è da poco uscit...

 

Film più visti della settimana, le novità sono 'Blade Runner 2049' e 'The Mountain Between Us'

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 6 all’8 ottobre 2017 vede il primo posto occupato dalla novità “Blade Runner 2049” (32.753.122 dollari, leggi la recensione): la storia è quella dell'agente K, replicante che dà la caccia ai vecchi umanoidi Nexus ribelli. Al secondo posto...

 

Jake Gyllenhaal, è un padre in difficoltà nel nuovo film 'Wildlife'

Jake Gyllenhal, l’attore che sta attendo critiche entusiaste per il ruolo da protagonista nel film “Stronger”, interpreterà un padre in difficoltà nel nuovo film “Wildlife”. La pellicola è tratta dall’omonimo romanzo di Richard Ford, pubblicato nel 1990 e ristampato nel 2010 dalla Grove Pres...

 

The Florida Project, il film acclamato dalla critica

The Florida Project è il film di Sean Baker, uscito negli Stati Unti questa settimana. Il film è ambientato in un tratto di strada appena fuori da Disney World, a Miami: la bambina di sei anni Moonee (Brooklynn Prince) vive con la madre ribelle Halley (Bria Vinaite). Abitano vicino al "The Magic Castle", un motel economico gestito da...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
pixel sony skin pixel sony skin