X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Shrek 5, il quinto capitolo della saga promette di rivoluzionare il franchise

08/04/2017 08:00
Shrek 5 il quinto capitolo della saga promette di rivoluzionare il franchise

A sette anni di distanza dal quarto film, annunciato come quello conclusivo, la DreamWorks ha inaspettatamente deciso di rilanciare uno dei suoi personaggi più redditizi

Shrek 5” è ufficialmente in fase di sviluppo, e il suo sceneggiatore, Michael McCullers, promette che il film “reinventerà completamente” il franchise.

In un’intervista a “The Hollywood Reporter” rilasciata per promuovere un altro film DreamWorks attualmente nelle sale, “Baby Boss”, McCullers ha detto che il quinto capitolo (nonché il primo "Shrek" ad essere prodotto da quando la casa d’animazione è stata assorbita dalla Comcast della Universal Pictures) si porrà come obiettivo quello di rilanciare l’irriverente orco verde. “Immagino che siano [...] interessati a capire quale sarà il futuro del franchise anche da un punto di vista aziendale”, ha spiegato McCullers. “Reinventarsi a questo punto è necessario. Ci sono già stati quattro film, […], quindi i personaggi sono molto amati, e sono fantastici, ma a questo punto è necessario proporre qualcosa di nuovo”.

Shrek 5” è stato confermato ufficialmente lo scorso luglio. Ancora non è dato sapere se Mike Myers, Cameron Diaz ed Eddie Murphy torneranno a doppiare i tre protagonisti, l’unica cosa certa è che il gilm dovrebbe uscire nel 2019.

Il primo “Shrek” (ispirato all’omonimo libro illustrato di William Steig uscito nel 1990) rimane uno dei più grandi successi della DreamWorks, ed ha il merito di aver reso la casa d’animazione fondata da Steven Spielberg un colosso a tutti gli effetti del settore. Quando è uscito, nell’ormai lontano 2001, il film ha incassato 484,4 milioni di dollari in tutto il mondo; si calcola che, solo negli Stati Uniti, abbia fatto vendere 47 milioni di biglietti. “Shrek” ha vinto il primo premio Oscar della storia come miglior film d’animazione, e ricevuto una nomination alla statuetta per miglior sceneggiatura non originale (una categoria per la quale si è aggiudicato comunque un BAFTA).

Questo successo, tanto di pubblico quanto di critica, ha permesso alla DreamWorks di affermarsi come principale concorrente della Pixar. La saga ha raggiunto il suo apice, soprattutto in termini monetari, con il secondo capitolo, “Shrek 2”, uscito nel 2004, e che tutt’ora detiene il primato di maggior incasso (per un film d’animazione) in Nord America. Superata quella fase, il franchise è andato incontro a un lento ma inesorabile declino: i due capitoli successivi, “Shrek terzo” e “Shrek e vissero felici e contenti”, non hanno generato lo stesso interesse dei loro predecessori, e anche lo spin-off dedicato al Gatto con gli Stivali è stato presto dimenticato.

D’altronde non era facile replicare il senso di novità che avvolgeva il primo “Shrek”, la cui forza risiedeva innanzitutto nel suo volersi proporre come film per bambini fortemente appetibile anche agli adulti, grazie al suo umorismo – a tratti – un po’ più maturo e alle continue citazioni. L’altro punto di forza del film era il modo in cui rovesciava non solo gli stereotipi delle fiabe, ma anche, e soprattutto, i cliché che il grande rivale della DreamWorks, la Disney, aveva stabilito nel corso di decenni passati a produrre i suoi “classici” d’animazione. A questo punto, vale la pena ricordare che “Shrek” è stato prodotto, tra gli altri, da Jeffrey Katzenberg, ex dirigente proprio della “Casa del Topo”.

In generale, “Shrek” ha avuto sul mondo dell’animazione un impatto paragonabile a quello de “Il Re Leone”, nel 1994. Il suo enorme successo ha innegabilmente accelerato la diffusione dei film interamente in CGI, a scapito dell’animazione tradizionale, e ha dato origine a una lunga serie di imitatori che hanno provato, non sempre riuscendoci, a replicare la formula magica che ha reso “Shrek”, nel bene e nel male, uno dei film più importanti dei primi anni Duemila.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

Altri articoli Home

All the Bright Places, Elle Fanning protagonista dell'adattamento cinematografico

La notizia che il romanzo “All the Bright Places” (pubblicato qui in Italia dalla DeA Planeta Libri con il titolo “Raccontami di un giorno perfetto”) sarebbe diventato un film è stata annunciata ancor prima che il debutto di Jennifer Niven uscisse nelle librerie. I produttori Paula Mazur e Mitchell Kaplan ne hanno acq...

 

George Miller, il nuovo film 'Mad Max: The Wasteland'

George Miller, regista di uno dei maggior incassi del 2015, “Mad Max: Fury Road” è al lavoro al sequel del film dal titolo “Mad Max: The Wasteland". L’obbiettivo è completare la trilogia iniziata con Mel Gibson nel 1979, che però potrebbe ampliarsi: la sceneggiatura è in fase di riscrittura con N...

 

Scappa - Get Out, 'il mio personaggio entra in un momento spettrale': intervista a Ashley LeConte Campbel

Scappa - Get Out è il film nelle sale di Jordan Peele con Bradley Whitford, Allison Williams, Betty Gabriel. Mauxa ha intervistato l’attrice Ashley LeConte Campbel, che ha lavorato anche a serie come “Drop Dead Diva”, “The Haves and the Have Nots”, “Rectify “, “Game of Silence” e al rece...

 

Star Wars, i libri che raccontano la saga a 40 anni dall'uscita del film

Guerre stellari (“Star Wars”) uscì il 25 maggio del 1977. In seguito fu intitolato “Star Wars: Episodio IV - Una nuova speranza”. Uno dei volumi più recenti che racconta la saga di George Lucas è “Star Wars: l'epoca Lucas. I segreti della più grande saga postmoderna” di Giorgio E. S. ...

 

Recensione del film Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar

Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar (“Pirates of the Caribbean: Dead Men Tell No Tales”) è il film di Joachim Rønning e Espen Sandberg nelle sale. Nel cast ci sono Johnny Depp, Javier Bardem, Brenton Thwaites, Kaya Scodelario. La narrazione procede senza troppi balzi di suspense, come si addice ad un racconto che ...

 

Festival di Cannes 2017: immagini di Nicole Kidman e Colin Farrell per il film 'The Killing of a Sacred Deer'

Nelle immagini che mostriamo ci sono i protagonisti del film “The Killing of a Sacred Deer”, diretto da Yorgos Lanthimos e in Concorso al Festival di Cannes. L’evento si è svolto presso il Nikki Beach: vi hanno partecipato Colin Farrell, Nicole Kidman, Keith Urban, Barry Keoghan, Raffey Cassidy, Sunny Suljic. La trama &eg...

 

Festival di Cannes 2017: le immagini di Lily Collins e Jake Gyllenhaal al party della Hollywood Foreign Press Association

Nelle immagini che mostriamo ci sono gli ospiti invitati alla serata filantropica svoltasi al festival di Cannes per la International Rescue Committee (IRC), organizzata dalla Hollywood Foreign Press Association (HFPA). Preso il Nikki Beach hanno partecipato Jake Gyllenhaal, Ben Stiller, Tilda Swinton, Adam Sandler, Brittany Snow, Lily Collins, Du...

 

Le celebrità e lo sport: un connubio sempre vincente ad Hollywood

“Mens sana in corpore sano”: una grande verità che viene presa molto sul serio nel mondo di Hollywood, dove il culto del corpo e della (presunta) perfezione psico-fisica regna sovrano. Anche se le apparenze suggerirebbero il contrario, quello delle star è uno stile di vita per certi versi molto stressante, visto che da lor...

 

The Dinner, il film sulle colpe dei figli con Richard Gere e Laura Linney

The Dinner è il film di Oren Moverman con Richard Gere, Laura Linney, Steve Coogan e Rebecca Hall. Paul (Coogan) e sua moglie Claire (Linney), Stan (Gere) - fratello maggiore di Paul - e la consorte Katelyn (Hall) vanno ad un’elegante cena. Durante le portate, dall’aperitivo all’antipasto la scansione temporale segnata dal...

 

Il piacere dell'onestà: il controllo spia su smartphone da Shakespeare alla Corte europea

La possibilità di scoprire cosa affermi un’altra persona in nostra assenza è una delle curiosità insite nell’uomo. Già William Shakespeare in “Otello” (1603) raccontava di come il cinico Jago facesse ingelosire il protagonista: fa portare il fazzoletto della moglie Desdemona sulle mani del presunt...

 

Da non perdere

Ultime news
Recensioni