X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film La legge della notte

01/03/2017 07:30
Recensione del film La legge della notte

La legge della notte ("Live by night") è il film di Ben Affleck tratto dal romanzo di Dennis Lehane.

La legge della notte (“Live by night”) è il film noir diretto da Ben Affleck. Nel cast ci sono Elle Fanning, Brendan Gleeson, Chris Messina, Sienna Miller e lo stesso regista.

Nel 1920, Joe Coughlin (Affleck), veterano della prima guerra mondiale e figlio del Vice Sovrintendente della Polizia di Boston Thomas Coughlin (Gleeson), si innamora di Emma Gould (Miller), l'amante di gangster Albert White (Robert Glenister), il boss di una Banda di Boston.

Ben Affleck sa innovare i generi proponendo fuori tempo film che sembrano provenire da altre epoche: un film noir così denso in un periodo di cinecomic è un atto spavaldo. Così come fu preminente portare al cinema nel 2012 “Argo”, tratto da un articolo di giornale.

E i temi ricorrenti del genere ci sono tutti: nei primi sei minuti un uomo passeggia con la compagna ed è sgozzato da lei, un altro è gettato da un attico, uno è assassinato dal barbiere. E per l’aspetto sensuale, Joe Coughlin è a letto con la sua donna. Il binomio donne fatali e mafia viene rispettato.

Anche Joe subisce la vedetta della donna, l’amata Emma Gould: tanto che poi lei lo attira in una trappola tesa dall’avversario è viene quasi ucciso. Ma a questo conflitto ne segue un altro, perché giunge la polizia che lo arresta per gli omicidi di alcuni poliziotti.

Tanti avvenimenti necessari per rendere la trama farcita di colpi di scena però non riescono a trasmettere l’ambivalenza del protagonista, immerso tra ambizioni economiche e delusione di una vita privata felice. Lo vediamo infatti uscire dal carcere, ricominciare con il business del gioco d'azzardo e delle droghe in Tampa grazie alla connivenza con l’impero de Il Pescatore (un tetro Remo Girone); e come collisione nella vita privata conosce Graciela Corrales (Saldana), sorella di un uomo d’affari cubano e si sposa con lei.

Così il protagonista non raggiunge la potenza prodiga dei personaggi dei grandi gangster movie, cui Affleck mira. Troppo affastellata è la trama, con Joe che fa amicizia con uno sceriffo, la cui figlia vorrebbe diventare un’attrice e che invece si tramuta in prostituta eroinomane; emerge poi un personaggio membro della sezione locale dell'ordine massonico  del Ku Klux Klan, che inizia ad attaccare i club di Joe e uccidere i suoi uomini.

Ognuno di questi aneddoti basterebbe per un film isolato, invece qui non trovano una distesa necessaria in cui emergere. La visione che ne esce non è certo positiva, anche dal punto di vista della speranza che può essere infusa. La fiducia nella religione cui la prostituta si avvicina in verità si scopre essere menzognera, e Joe con i propri dubbi morali comincia ad avere timore di agire. Joe si rifiuta di investire negli stupefacenti e ne paga le conseguenze: così neanche per chi guarda il film c’è possibilità di equilibrio, ogni decisione che si compie nella vita sembra destinata ad esiti infausti, che colpiscono sia l’aspetto lavorativo che quello privato. Anche se poi si retrocede dalle proprie scelte è impossibile non pagare le conseguenze. Solo uno spiraglio positivo giace alla fine del proprio percorso, ma impercettibile rispetto a quanto sofferto. Come la fine di Joe, per cui l’ambiente è sempre malevolo, in cui non c’è possibilità di redenzione. Anche la fotografia lo ricorda, con le ombre spezzate di Robert Richardson, la scenografia solenne di Jess Gonchor e gli abiti nostalgici di Jacqueline West, con il perenne borsalino indossato da Joe. 

Occorre però ricordare da dove sia tratto il film. Si tratta del romanzo “Live by Night” del 2012, scritto dall’autore di Boston Dennis Lehane. Dai romanzi di Lehane sono stati tratti film come “Mystic River” (2003) di Clint Eastwood, “Shutter Island” (2010) di Martin Scorsese, “Chi è senza colpa” (2014) di Michaël R. Roskam. Nonché lo stesso “Gone Baby Gone" (2007) di Affleck.

Quindi sono trame dense che per essere trasposte al cinema, tanto che tutti i registi che si sono tifati con questi pessimismo hanno avuto esigenza di eliminare dei passaggi, come nel film di Eastwood o Scorsese. Ma Affleck ha guardato a grandi gangster movie tralasciando la possibilità della fiducia nel prossimo.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Live by Night

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Le celebrità e lo sport: un connubio sempre vincente ad Hollywood

“Mens sana in corpore sano”: una grande verità che viene presa molto sul serio nel mondo di Hollywood, dove il culto del corpo e della (presunta) perfezione psico-fisica regna sovrano. Anche se le apparenze suggerirebbero il contrario, quello delle star è uno stile di vita per certi versi molto stressante, visto che da lor...

 

The Dinner, il film sulle colpe dei figli con Richard Gere e Laura Linney

The Dinner è il film di Oren Moverman con Richard Gere, Laura Linney, Steve Coogan e Rebecca Hall. Paul (Coogan) e sua moglie Claire (Linney), Stan (Gere) - fratello maggiore di Paul - e la consorte Katelyn (Hall) vanno ad un’elegante cena. Durante le portate, dall’aperitivo all’antipasto la scansione temporale segnata dal...

 

Il piacere dell'onestà: il controllo spia su smartphone da Shakespeare alla Corte europea

La possibilità di scoprire cosa affermi un’altra persona in nostra assenza è una delle curiosità insite nell’uomo. Già William Shakespeare in “Otello” (1603) raccontava di come il cinico Jago facesse ingelosire il protagonista: fa portare il fazzoletto della moglie Desdemona sulle mani del presunt...

 

Festival di Cannes, una foto storica con i protagonisti dei decenni

Al Festival di Cannes si è tenuto un photo call particolare, per celebrare i settanta anni dell’evento. Tra i vincitori c’erano Laurent Cantet  (Palma d’Oro nel 2008),  Jerry Schatzberg (Palma d’Oro Nel 1973),  Claude Lelouch  (vincitore del 1966),  Michael Haneke  (Palma d'Oro 2009-2012...

 

Film più visti della settimana, 'Alien: Covenant' e 'Everything, Everything' sono ai primi posti

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 19 al 21 maggio 2017 vede al primo posto la novità “Alien: Covenant” (36.160.621 dollari, leggi la recensione del comic): l'equipaggio di un’astronave scopre un paradiso inesplorato, dove però emerge anche una minaccia da cui fuggire. Al secondo posto sce...

 

Innamorato pazzo, il film commedia con Myrna Loy e William Powell sugli opposti conciliati

Innamorato pazzo (“Love Crazy”, 1941) è il film di Jack Conway con William Powell, Myrna Loy e Gail Patrick. usciva nelle sale statunitensi il 23 maggio del 1941. L’architetto eccentrico Steve Ireland (William Powell) e la moglie Susan (Myrna Loy) al quarto anniversario di matrimonio vorrebbero rivivere la prima notte...

 

Quando non erano famosi: i mestieri delle star agli esordi

Oggi li vediamo sulle riviste patinate, ma i protagonisti delle cronache mondane hanno dovuto percorrere una strada tutta in salita per raggiungere il successo. Dietro i volti distesi e imperturbabili di uomini e donne mature, molto spesso si nascondono ragazzi e ragazze che prima di raggiungere la fama hanno svolto i mestieri più duri e str...

 

Codice Unlocked, 'è tutta una questione di suspense': intervista all'attrice Jessica Boone

Codice Unlocked (Unlocked) è il film nelle sale diretto da Michael Apted. Nel cast ci sono Orlando Bloom, Noomi Rapace, Jessica Boone, John Malkovich e Michael Douglas. La trama s’incentra su Alice Racine (Noomi Rapace), agente della CIA esperta in interrogatori: reperisce informazioni su un imminente attacco a Londra e le riporta ad ...

 

Festival di Cannes 2017: le immagini di Jasmine Trinca e Stefano Accorsi per il film drammatico 'Fortunata'

Nelle immagini che mostriamo ci sono gli interpreti del film “Fortunata”, presentato al Festival di Cannes. La protagonista è Jasmine Trinca, che nelle foto è assieme al regista del film Sergio Castellitto, l’attore Stefano Accorsi e la sceneggiatrice Margaret Mazzantini. La trama è quella di Fortunata (Jasm...

 

King Arthur - Il potere della spada, i libri che hanno ispirato il film di Guy Ritchie

King Arthur - Il potere della spada (“King Arthur: Legend of the Sword") è il film nelle sale diretto da Guy Ritchie con Charlie Hunnam, Àstrid Bergès-Frisbey e Jude Law. La pellicola è liberamente ispirata a “La morte di Artù”, opera scritta da sir Thomas Malory nel XV secolo. Qui compaiono Cam...

 

Da non perdere

Ultime news
Recensioni