X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=22587639&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1

Recensione del film Manchester by the Sea

16/02/2017 07:30
Recensione del film Manchester by the Sea

"Manchester by the Sea" è il film di Kenneth Lonergan con Casey Affleck candidato all'Oscar.

Manchester by the Sea è il film di Kenneth Lonergan con Casey Affleck, Michelle Williams, Kyle Chandler e Lucas Hedges.

Già dall’inizio il film patisce una lentezza nell’indugiare in dettagli, come la scena iniziale in cui Lee Chandler (Affleck) è in un bar, seduto dietro i bancone, mentre scruta due avventori che poi prende a pugni.

La sua presunta tranquillità caratteriale vacilla, dopo aver aggiustato le tubature del bagno, spalato la neve, o essere remissivo con la madre alcolista Elise. La stessa trasparenza appare quando apprende che il fratello è morto di attacco cardiaco, che deve andare a Manchester by the Sea per il funerale. Con remissività abbraccia il cadavere del fratello nell’obitorio, pensando che un funerale risolverà tutto. Ma in realtà Lee è stato nominato dal fratello tutore legale del figlio Patrick, e non sa come affrontare la decisione.

La paura di un impegno da un assumere è uno dei temi del film, non solo collegata con la capacità di crescere un bambino, bensì con il timore che gli errori passati possano essere compiuti di nuovo. Infatti Lee alcuni anni prima, in quel luogo era sposato con Randi (Williams): una sera era ubriaco e in maniera involontaria causò un incendio in cui morirono i suoi tre figli. Fu scagionato da ogni accusa, ma la moglie Randi lo condanna per quel gesto tanto quanto lui si danna. Certamente è questo uno degli aspetti meno credibili del film, quasi inserito a forza per dare un psicologia modificata di Lee, e che si rinviene nei suoi comportamenti attuali.

Più normale è il fatto che il giovane Patrick sia fidanzato con una giovane Sandy, e che Lee con atteggiamento neo-paterno cominci ad interessarsi del fatto. È giusto che i due ragazzi abbiano rapporti sessuali? È questa una delle discussioni con la madre sedi Sandy.

Un aspetto che emerge nei film candidati agli Oscar 2017 è proprio questo riferirsi a luoghi che conducono a problematiche sia personali che fisiche: qui siamo a Manchester-by-the-Sea, una città reale di Essex County con cinquemila abitanti; in “La La Land” siamo in un’altra città, Los Angeles che comporta problemi professionali e sentimentali; in “Moonlight” siamo Miami, dove una comunità non favorisce la crescita del giovane di colore Chiron. Nel periodo attuale sono i luoghi a plasmare le persone, più degli ideali.

Anche in “Manchester by the Sea” è difficile scollarsi il luogo da cui Lee proviene: neanche il regista Kenneth Lonergan ci riesce, pur facendo ricorso ai flashback, oppure alle musiche dell’Adagio di Albinoni. Queste sottolineano il momento in cui si mostra il passato di Lee, che mentre era ubriaco causò l’incendio, facendo morire i tre figli.

Lonergan opta per scelte narrativa eccessive, il che rende il film in alcuni momenti desideroso di trovare scene ad effetto. Ad esempio la reazione a questa morte che in Lee dovrebbe portare ad uno scompenso - sono venuti a mancare tre figli - è affondata in gesti plateali, come imbracciare una pistola al commissariato e cercare di spararsi. Oppure lo stesso grado di sensazionalismo del funerale del fratello, con ricorso al ralenti per indugiare sulla commozione dei personaggi. Resta poi la sofferenza di Randi, che nonostante l'odio per il marito gli dice: “Ti amo”.

Al di là di questi facili escamotage che potevano essere evitati, “Manchester by the Sea” infonde una limpida amarezza, raccontando le proprie incapacità e l’impossibilità di reagire.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Manchester by the Sea
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Peter Greenaway, il nuovo film è 'Walking to Paris'

Peter Greenaway è al lavoro al nuovo film, “Walking to Paris”. La trama del film non è stata svelata, anche se il tema di fondo è la vicenda di uno ei più importanti scultori del 1900, Constantin Brâncusi. Lo scultore 27enne Brâncusi (Emun Elliott) lascia il suo piccolo villaggio di Hobita, a su...

 

Recensione del film Noi siamo tutto

La discendenza da un romanzo è evidente in “Noi siamo tutto” (“Everything Everything”), film di Stella Meghie tratto dall’opera di della scrittrice Nicola Yoon. Della reclusione in un appartamento della giovane adolescente Maddy Whittier (Amandla Stenberg), ai gesti che portano il suo nuovo vicino di casa Nick R...

 

'The Lifeboat', il film prodotto ed interpretato da Anne Hathaway ha un nuovo regista

Joe Wright non dirigerà più “The Lifeboat”, il film tratto dall’omonimo libro di Charlotte Rogan. Anne Hathaway resta comunque coinvolta nel progetto nei panni di produttrice e di attrice protagonista. Il romanzo di Rogan si apre con un processo in cui il personaggio principale, Grace Winter, è accusata di om...

 

Matt Damon, protagonista del nuovo film 'Charlatan'

Matt Damon interpreterà il ruolo del ciarlatano John R. Brinkley nel nuovo film “Charlatan”. La storia è quella reale di un uomo nel Kansas, sedicente medico che negli anni Venti introdusse un metodo chirurgico straordinario usando le ghiandole delle capre per curare l'impotenza negli agricoltori locali. Divenne cos&igrav...

 

Recensione del film Valerian e la città dei mille pianeti

Valerian e la città dei mille pianeti (“Valérian et la Cité des mille planètes") è il film di fantascienza di Luc Besson. L’esordio avviene in un luogo paradisiaco, tra esseri umanoidi ed esplosioni che avvertono di una minaccia imminente. Già qui Besson è vittima dello stesso materiale ...

 

First They Killed My Father, il film di Angelina Jolie conviene la critica

First They Killed My Father è il film di Angelina Jolie che ha ottenuto ottime recensioni negli Stati Uniti. La storia è quella dell’attivista Loung Ung, che per sopravvivere al regime cambogiano dei Khmer Rossi dal 1975 al 1978 vede disgregata la propria famiglia. La storia viene raccontata dalla protagonista, una bambina di c...

 

L'incredibile vita di Norman, incontro con Richard Gere: 'il mio personaggio vorrebbe esaudire le promesse'

L'incredibile vita di Norman (“Norman: The Moderate Rise and Tragic Fall of a New York Fixer”) è il film di Joseph Cedar con Richard Gere, presentato a Roma. La pellicola negli Stati Uniti è uscita ad aprile 2017 ed ha ottenuto recensioni positive. La storia racconta del faccendiere Norman Oppenheimer, che a New York tess...

 

Film più visti della settimana, la novità è 'American Assassin'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 15 al 17 settembre 2017 conferma il primo posto per “IT”, tratto dal romanzo di Stephen King (218.710.619 dollari): la creatura malvagia che uccide i bambini della città è tornata, mentre sette abitanti cercano di eliminarlo. Al secondo posto entra “Ameri...

 

'Meg', l'horror con protagonista Jason Statham arriva nel 2018

Ha dovuto aspettare due decenni, ma Steve Alten avrà finalmente la soddisfazione di vedere il proprio best-seller trasformato in un horror da 150 milioni di dollari con Jason Statham nei panni del protagonista. In un primo momento “Meg” sarebbe dovuto uscire il 2 marzo 2018, ma poi la Warner Bros ha deciso di rimandarlo al 10 ag...

 

Red Sparrow, prime immagini del film thriller con Jennifer Lawrence

È stato diffuso il primo trailer del film “Red Sparrow”, diretto da Francis Lawrence (leggi l’articolo sul film). Nelle immagini appare la protagonista Dominika (Jennifer Lawrence) mentre attende nella prova camera. Seguono degli omicidi: in realtà lei è reclutata dalla Sparrow School, un servizio segreto di ...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni