X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

'Ogni persona dovrebbe vedere il film The Birth of a Nation': intervista all'attore Jason Stuart

24/10/2016 07:30
'Ogni persona dovrebbe vedere il film The Birth of Nation' intervista all'attore Jason Stuart

Mauxa ha intervistato Jason Stuart, attore del film "The Birth of a Nation" di Nate Parker.

The Birth of a Nation è il film di Nate Parker distribuito dalla Fox Searchlight. Negli stati Uniti è uscito il 7 ottobre 2016, mentre in Italia sarà distribuito il 19 gennaio 2017.

La trama racconta di Nat Turner, bambino schiavo che nel 1806 impara a leggere, divulgando la Bibbia ai compagni. Il padrone lo porta in tutto il paese in un tour di predicazione per ottenere profitto, Turner comprende così l’orrore della schiavitù: il 21 agosto 1831 nella Contea di Southampton conduce una rivolta dei neri.

Nel cast ci sono lo stesso regista, Armie Hammer, Penelope Ann Miller. Mauxa ha intervistato l’attore Jason Stuart.

D. Nel film "The Birth of a Nation" interpreti il proprietario di una piantagione, Joseph Randall, in un modo innovativo. A cosa ti sei ispirato per restituire un’immagine storicamente accurata?

Jason Stuart. Ho lavorato con sette diversi amici attori per quattro ore al giorno: il ruolo doveva rispecchiare ciò che il regista, Nate Parker voleva. L'insegnante di recitazione sul set, Cary Anderson, ha chiesto di sentire il mio accento. Ha poi domandato: "come hai fatto a ottenere quell’accento, così giusto?”. Il personaggio di Randall è diventato un parte di me in retrospettiva, penso che ero destinato a interpretare il ruolo. Ho anche lavorato sul movimento fisico del personaggio: è stata un'esperienza creativa per me. Onestamente, ho solo letto la sceneggiatura una volta, mi ha colpito così profondamente, non volevo che le cose terribili eseguite dal mio personaggio influenzassero la prestazione, che si differenziasse da come l’avevo “intuita” la prima volta. Alla fine ho ho ricreato un "Joseph Randall" che è veramente morto dentro.

D. Come è stato il rapporto di lavoro con gli altri attori, Nate Parker e Armie Hammer?

J. S. Era come trovarsi in un gruppo di recitazione. Armie è un gran lavoratore, ha provato la parte tanto quanto me. Nate è così positivo, cerca di elevare la scena in un modo che non ho mai provato con un altro regista o attore. Ero così propositivo che è stato contagioso. Ha così assecondato le mie scelte, mi sono sentito parte della famiglia di "The Birth of a Nation” in una maniera inclusiva non comune a Hollywood. Io non sono cresciuto con quel tipo di supporto. Quindi per me è stato un motivo per realizzare un passo ulteriore.

D. Il film racconta anche del coraggio che emerge in un luogo ostile. Quale pensi sia il significato del film soprattutto nel panorama politico dell’America di quest'anno?

J. S. Nat Turner era in sostanza un precursore di quello che oggi conosciamo come "Black Lives Matter”. È stato il primo schiavo - di cui esista documentazione - ad avere la forza di resistere ai proprietari bianchi. Ma allo stesso tempo - come appare dal film - era una persona della gente e per la gente, che ha veramente creduto nell’uguaglianza per tutti, americani e non solo africani. Quella del razzismo è una questione complessa, quando il pubblico vedrà il film scoprirà che non è tutto bianco e nero. Nate Parker ha scritto un film che ha avviato questo dilemma. Alcuni non saranno in grado di percepire il passato alla medesima maniera, dopo aver visto il film. Credo che ogni singola persona su questo pianeta debba vedere "The Birth of a Nation”.

D. Hai lavorato anche in serie tv, come "Love". Come si differenzia la preparazione rispetto al cinema?

J. S. Ho avuto modo di lavorare con Judd Apatow e Paul Rust che hanno creato la serie “Love”. Interpreto il Dr. Powell, psichiatra che in realtà non è molto presente e - sopratutto - nei propri confronti. Mi è piaciuto lavorare nella serie. Il regista, Joe Swanberg, ci fece recitare la scena prima come era scritta, poi ci ha lasciato improvvisare. Io sorreggevo una palla, ho riso così tanto. Il mio paziente era Rich Sommer, di "Mad Men". Lui aveva un modo perturbante di essere divertente, allo stesso tempo, incredibilmente sottile. Prima di andar sul set Judd Apatow mi ha mandato una e-mail su come svolgere il ruolo, quindi ero a mio agio. È molto gentile.

D. Qual è la tua giornata tipo?

J. S. Mi piace stare con i miei amici più stretti, come Alexandra Paul. Suo è stato il ruolo di Stephanie Holden nella serie “Baywatch”. È la mia migliore amica da quasi 30 anni. Lei mi ha insegnato ad essere una persona migliore: ad esempio aiutiamo i senzatetto, ogni giovedì a Santa Monica con cibo vegan. Sì, vegan. E nel mio tempo libero aiuto un gruppo di giovani di circa 20 anni che cercano una direzione nella vita, un scopo e un percorso di carriera.

D. Qual è il tuo libro preferito al momento?

J. S. Ho appena letto il libro di Stephen Tobolowsky, "The Dangerous Animals Club”. È un attore di carattere, che ha ispirato molte persone con la sua capacità di stare in piedi in situazioni complicate. Voglio essere lui quando sarò grande!

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
20th Century Fox , Jason Stuart
Film correlati
The Birth of a Nation



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Eddie the Eagle: il film sul superamento delle sfide, intervista all'attrice Ania Sowinski

Eddie the Eagle - Il coraggio della follia è il film di di Dexter Fletcher attualmente nelle sale distribuito da 20th Century Fox. Nel cast ci sono Taron Egerton, Hugh Jackman, Christopher Walken, Edvin Endre e Ania Sowinski. La trama ruota attorno alla vera vicenda di Eddie Edwards, giovane atleta che vuole riuscire a gareggiare per il sal...

 

X-Men: Apocalisse, il traguardo dei cinecomic nel film di Bryan Singer

X-Men: Apocalisse è il film di Bryan Singer nelle sale dal 18 maggio 2016, distribuito da 20th Century Fox. Nel cast ci sono Jennifer Lawrence, Michael Fassbender, James McAvoy, Oscar Isaac, Nicholas Hoult, Olivia Munn e Hugh Jackman. La 20th Century Fox cerca di rinvigorire così il suo universo fumettistico, dopo il successo di &ldq...

 

Deadpool 2, Ryan Reynolds ancora nei panni del supereroe irriverente nell'atteso sequel

Uscito poco più di due mesi fa e con risultati al botteghino davvero sorprendenti, già si parla molto del seguito di uno dei film più amati di questa prima parte di 2016: Deadpool 2. Basato sull’omonimo personaggio dei fumetti Marvel, anche il secondo film avrà come regista Tim Miller e come sceneggiatori Rhett Ree...

 

Kingsman: The Golden Circle, tante news sul sequel del film con Taron Egerton e Colin Firth

Visto il sorprendente successo ottenuto nei botteghini di tutto il mondo del primo capitolo, già da qualche mese la 20th Century Fox ha annunciato l’uscita di "Kingsman: The Golden Circle", sequel del cinecomic “Kingsman: The Secret Service”, divertente e ironica spy story con protagonista Taron Egerton, affiancato da ...

 

Victor La storia segreta del Dott. Frankenstein: recensione del film sulla caducità della morte

Paul McGuigan dirige Daniel Radcliffe al fianco di James McAvoy per un film che trae spunto dal romanzo di Mary Shelley, decidendo di narrare i “fatti” antecedenti la creazione del mostro dalle sembianze umane. Victor – La storia segreta del Dott. Frankenstein presenta una trama articolata intorno alla figura del “presunto&...

 

The Birth of a Nation, il film storico di e con Nate Parker premiato al Sundance

The Birth of a Nation è un film storico sulla schiavitù scritto, diretto e interpretato dall’attore esordiente alla regia Nate Parker e che vede nel cast anche Armie Hammer (“Operazione U.N.C.L.E.”) e Mark Boone Junior (“Memento”). Anche se l’opera è pronta ed è già stata premia...

 

Hitman recensione videogame per PS4 e Xbox One: l'assassino perfetto

Hitman è il videogioco dell’Agente 47, il sicario più famoso nel panorama videoludico, iconica figura dell’assassino perfetto, in ogni sua componente. Nella scorsa generazione, il ritorno del brand con Absolution ha rappresentato un deciso passo in avanti, con un gameplay incentrato nell’omicidio del bersaglio, attra...

 

Kung Fu Panda 3: recensione del film sul vincente ritrovamento della propria identità

Kung Fu Panda 3 rappresenta il terzo capitolo incentrato sulle avventure del tanto spiritoso quanto coraggioso panda Po, per un nuovo nemico da sconfiggere ed un nuovo stato di pace interiore da raggiungere. Dopo aver sconfitto minacciosi nemici non solo servendosi della preziosa arte del kung fu, ma anche grazie ad una profonda ricerca interiore,...

 

Dragon Trainer 3, novità e le dichiarazioni di Cate Blanchett sul film Dreamworks

In questi ultimi mesi si sta parlando molto del sequel di uno dei franchise più riusciti della storia recente Dreamworks, ovvero Dragon Trainer 3, la cui uscita è prevista per il 29 giugno 2018 nelle sale statunitensi. Secondo le ultime notizie sulla trama dell’amato film d’animazione, la storia si svolgerà esattame...

 

The Story of Ferdinand, il prossimo film d'animazione di Carlos Saldanha su un toro pacifista

La Fox Animation Studios ha appena acquisito i diritti del classico per bambini del 1936 “The Story of Ferdinand”, conosciuto in italiano come “La storia del toro Ferdinando”, per girarne un film d’animazione la cui uscita è prevista per il 2017. La trama di questa storia racconta di un giovane toro madrileno, d...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni