X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Venezia 73: La Region Salvaje, recensione del grottesco e sovversivo inno al piacere

06/09/2016 07:30
Venezia 73 La Region Salvaje recensione del grottesco sovversivo inno al piacere

Amat Escalante, Palma d'Oro a Cannes 2013 per la Miglior regia per Heli, torna con il suo quarto lungometraggio, presentato in concorso al Festival di Venezia 2016, proponendo un ritratto sconcertante di una società insoddisfatta che anela al piacere.

Il regista messicano Amat Escalante raduna per la prima volta intorno a sé attori professionisti per comporre un film-dramma esistenziale con elementi che guardano all’horror e al fantasy, per parlare delle difficoltà della società odierna ad accettare la propria condizione di vita, rifugiandosi in un luogo-non luogo in cui i desideri più primordiali di appagamento del piacere sono accolti e soddisfatti.

Alejandra (Ruth Ramos) è una giovane donna, già madre di due bambini, che non prova più alcun sentimento verso il marito Angel (Jesus Meza), persa in un’esistenza che le scivola addosso. La sua vita, così come quella del fratello omosessuale Fabian (Eden Villavicencio), verrà sconvolta dall’arrivo di Veronica (Simone Bucio), una ragazza che permetterà loro di entrare in contatto con una creatura proveniente da un luogo imprecisato di un altro pianeta capace di sopperire alla mancanza di piacere. Ma quando la relazione con il mostruoso essere si farà più intensa, arrivando a coinvolgere più personaggi, Alejandra sarà testimone di avvenimenti che cambieranno per sempre la sua mera esistenza.

Amat Escalante ha girato il suo La Region Salvaje (The Untamed) interamente nei dintorni di Guanajuato, città messicana che gli ha dato i natali nel 1979. Il regista ha deciso di ambientare il suo quarto lungometraggio nella sua terra in quanto ha voluto porre l’attenzione su una delle zone più cattoliche del Messico e sulle sue contraddizioni. Traendo ispirazione da due articoli pubblicati proprio sul giornale locale di Guanajuato, Amat Escalante decide di rispondere in modo sovversivo e assolutamente anticonvenzionale al razzismo dilagante nel suo Paese, razzismo contro donne abusate, additate come prostitute, e contro uomini omosessuali, considerati dei pervertiti.

In La Region Salvaje la creatura, mostruosamente somigliante al celebre alien dell’omonimo film di Ridley Scott, funge da soluzione tangibile ai problemi manifestati dai personaggi. La caratteristica comune a tutti gli attanti dell’azione inseriti nel film da Amat Escalante è la perenne e pressante insoddisfazione, dunque il mostro giunge da un non-luogo ultraterreno proprio per appagare il desiderio sessuale che nasce con l’istinto più primordiale di riprodursi, facendo provare una forma di piacere capace di appagare il vero Io di ogni singolo personaggio.

Volendo narrare attraverso le immagini piuttosto che attraverso dialoghi e narratori, Amat Escalante riduce l’utilizzo della parola al minimo necessario, considerando le immagini come “parole perfette”. In modo diretto, crudo e violento La Region Salvaje si fonda, quindi, su diversi intrecci amoroso-sessuali che denotano un’ossessione per il sesso, letta però come mezzo per alleviare il dolore di una vita insoddisfacente.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

Altri articoli Home

Tomas Milian, 'Monnezza amore mio' è il libro dell'attore scomparso

Tomas Milian, l’attore scomparso a Miami all’età di 84 anni è stato raccontato in diversi libri. “Monnezza amore mio” è stato scritto dallo stesso attore nel 2014. Descrive la città di Roma, che accoglie i nuovi arrivati ma che sa anche respingerli. Milian racconta come sia fuggito da L'Avana, pa...

 

Recensione del film Elle

Elle è il film di Paul Verhoeven con Isabelle Huppert, Laurent Lafitte, Anne Consigny e Charles Berling (leggi l'articolo sull'incontro con il regista). Paul Verhoeven mostra la propria chiarezza già all’inizi del film, con lo schermo nero invaso dalle urla di Michèle, mentre viene violentata sul pavimento di casa. L&rsq...

 

Baywatch: Zac Efron urlante nel nuovo trailer del film commedia con Priyanka Chopra

Un nuovo trailer è stato diffuso del film “Baywatch”, diretto da Seth Gordon. Nel trailer ci sono i protagonisti Mitch Buchanan (Dwayne Johnson) e Matt Brody (Zac Efron) che pattugliano una spiaggia in California. Quando giunge Victoria Leeds (Priyanka Chopra), manager che vuole trasformare il luogo in una zona residenziale si s...

 

Stockholm, Ethan Hawke e Noomi Rapace nel nuovo film di Robert Budreau

Ethan Hawke e Noomi Rapace saranno i protagonisti di “Stockholm”, il nuovo film di Robert Brudeau. Hawke di recente è apparso nel remake de “I magnifici sette” diretto da Antoine Fuqua, e al momento ha molti altri progetti in ballo: presto lo vedremo in “The Kid”, “First Reformed” (il ritorno a...

 

Recensione del film In viaggio con Jacqueline

In viaggio con Jacqueline (“La vache” e “One Man and His Cow” in inglese) è il film commedia francese di Mohamed Hamidi. Nel cast ci sono Fatsah Bouyahmed, Lambert Wilson, Jamel Debbouze, Christian Ameri. Fatah è un modesto contadino algerino che non ha mai lasciato la sua campagna. Vive con la mucca Jacquelin...

 

Festival di Cannes 2017, il pungente Cristian Mungiu è Presidente di giuria della Cinéfondation

Al Festival di Cannes 2017 presiederà la giuria della Cinéfondation e Short Film Competition il regista Cristian Mungiu. Il Festival si svolgerà dal 17 al 28 maggio, e Mungiu seguirà il ruolo che ebbe Steven Spielberg nel 2013, nonché Abbas Kiarostami e Jane Campion. Cristian Mungiu vinse la Palma d’Oro co...

 

La bella e la bestia, 'sul set le scene sono avvenute in maniera naturale': intervista all'attrice Simone Sault

La bella e la bestia (“Beauty and the Beast”) è il film di Bill Condon con Emma Watson, Dan Stevens, Luke Evans, Kevin Kline, Ian McKellen ed Emma Thompson (leggi l’intervista allo sceneggiatore Evan Spiliotopoulos). La storia è ambientata alla fine del XVIII secolo, in un castello nei pressi di un piccolo villaggio...

 

Film più visti della settimana: è record d'incasso per La bella e la bestia

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 17 al 19 marzo 2017 vede al primo posto “La Bella e la bestia" (“Beauty and the Beast”): la storia di Bella e dell’amore per il principe deformato da un incantesimo incassa 170.000.000 milioni di dollari. Al secondo posto si sposta “Kong: Skull Island&rdquo...

 

Vi presento Toni Erdmann, 'il desiderio di essere visti come siamo': intervista all'attore del film Trystan Pütter

Vi presento Toni Erdmann è il film di Maren Ade con Peter Simonischek, Sandra Hüller, Michael Wittenborn, Thomas Loibl e Trystan Pütter. La storia è quella di un uomo anziano, Winfried Conradi cui piace burlare le persone. Non vede spesso sua figlia Ines,e per farle una sorpresa la va a trovare dopo la morte dell’anzi...

 

Un tirchio quasi perfetto, il film commedia sull'avarizia di Fred Cavayé

Un tirchio quasi perfetto è il film nelle sale diretto da Fred Cavayé, con Dany Boon, Laurence Arné e Noémie Schmidt. La storia è quella di François Gautier, che fa dell’avidità un’esigenza. Non spende mai più del necessario, ma quando incontra una donna la situazione muta. Inoltr...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni