X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=22587639&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1

L'era glaciale 5: recensione del film in cui è sancita la perdita di fiducia negli eroi

24/08/2016 08:00
L'era glaciale 5 recensione del film in cui sancita la perdita di fiducia negli eroi

Mike Thurmeier e Galen T. Chu dirigono il quinto capitolo della saga, per un affastellamento di personaggi che non trova spazio in un'esigua trama senza corpo.

L’era glaciale 5 – In rotta di collisione presenta una trama in cui i personaggi che lo spettatore ha imparato a conoscere e che sono divenuti familiari a grandi e piccini grazie ai diversi film della saga tornano per sventare una nuovo minaccia e per essere protagonisti di una nuova avventura.

Il trio di inseparabili amici, il bradipo Sid, il mammut Manny e la tigre Diego, ormai uniti ai propri compagni, rispettivamente Nonnina, Ellie e Shira, per citarne solo alcuni, che sono divenuti membri del gruppo nel corso dei capitoli precedenti, questa volta dovrà scontrarsi con una possibile e probabile catastrofe proveniente dallo spazio: uno sciame di meteoriti sta per colpire la Terra, minacciando la sopravvivenza di tutti i suoi abitanti. Guidati dal coraggioso furetto Buck, che i nostri eroi avevano conosciuto in L’era glaciale 3 – L’alba dei dinosauri, tutti i membri dell’ormai folto gruppo cercano una soluzione all’imminente collisione. Grazie al piano sapientemente elaborato da Buck, che nel frattempo deve sventare un gruppo di tre dinosauri alati che lo inseguono per vendetta, non senza l’aiuto di nuovi personaggi pronti a dare ulteriore corpo al già nutrito gruppo di protagonisti, riusciranno gli eroi di questo quinto episodio a continuare la loro marcia durante l’era glaciale?

Mike Thurmeier e Galen T. Chu sono stati posti al timone di questo quinto capitolo che conduce la saga fondante sul trio Sid, Manny e Diego verso nuovi orizzonti. Basandosi su un folto gruppo di protagonisti, affollatisi nel corso dei precedenti quattro episodi, lo spettatore assiste ad una progressiva perdita di fiducia nell’eroe, dapprima riposta in tre diverse tipologie di eroismo, e ora svanita in un affastellamento di personaggi accennati e non approfonditi.

Per poter continuare ad alimentare i percorsi in cui ci si era incamminati nel corso dei precedenti quattro episodi, e quindi per dar seguito alle relazioni di Manny con Ellie, di Diego con Shira e di Sid con la sua Nonnina, la trama perde corposità proprio ramificandosi in dialoghi vacui tra i suddetti personaggi, lasciando scarsi picchi di novità a superflui inserimenti nuovi che nulla aggiungono alla presunta originalità del sequel. Anche il beniamino Scrat, il personaggio che sfugge sempre alla trama principale per crearne di proprie in una sorta di mini-universo parallelo, perde di simpatia, giostrandosi rocambolescamente, ma in modo già visto e ripetitivo, con avventure spaziali, alla solita rincorsa della fantomatica ghianda.

L’era glaciale 5 – In rotta di collisione, quindi, pecca di affollamento di personaggi nel solito, conoscibile universo glaciale troppo uguale a se stesso nel corso dei progressivi sequel. Non mancano le cospicue citazioni, onnipresenti sin dal primo capitolo, una tra tante quella rimandante alla saga di Star Wars, che non poteva mancare all’appello con un episodio ambientato nello spazio, ma il film risulta prolisso e ripetitivo, per un quinto capitolo che non convince.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Addio Christopher Robin, il film sull'autore di Winnie-the-Pooh

Addio Christopher Robin (“Goodbye Christopher Robin”) è il film che uscirà nelle sale statunitensi il 13 ottobre. La storia racconta il rapporto tra l'autore dei libri per bambini amato A.A. Milne (Domhnall Gleeson) e suo figlio Christopher Robin (Will Tilston). Il suo personaggio ha ispirato il mondo di Winnie-the-Pooh. ...

 

Peter Greenaway, il nuovo film è 'Walking to Paris'

Peter Greenaway è al lavoro al nuovo film, “Walking to Paris”. La trama del film non è stata svelata, anche se il tema di fondo è la vicenda di uno ei più importanti scultori del 1900, Constantin Brâncusi. Lo scultore 27enne Brâncusi (Emun Elliott) lascia il suo piccolo villaggio di Hobita, a su...

 

Recensione del film Noi siamo tutto

La discendenza da un romanzo è evidente in “Noi siamo tutto” (“Everything Everything”), film di Stella Meghie tratto dall’opera di della scrittrice Nicola Yoon. Della reclusione in un appartamento della giovane adolescente Maddy Whittier (Amandla Stenberg), ai gesti che portano il suo nuovo vicino di casa Nick R...

 

'The Lifeboat', il film prodotto ed interpretato da Anne Hathaway ha un nuovo regista

Joe Wright non dirigerà più “The Lifeboat”, il film tratto dall’omonimo libro di Charlotte Rogan. Anne Hathaway resta comunque coinvolta nel progetto nei panni di produttrice e di attrice protagonista. Il romanzo di Rogan si apre con un processo in cui il personaggio principale, Grace Winter, è accusata di om...

 

Matt Damon, protagonista del nuovo film 'Charlatan'

Matt Damon interpreterà il ruolo del ciarlatano John R. Brinkley nel nuovo film “Charlatan”. La storia è quella reale di un uomo nel Kansas, sedicente medico che negli anni Venti introdusse un metodo chirurgico straordinario usando le ghiandole delle capre per curare l'impotenza negli agricoltori locali. Divenne cos&igrav...

 

Recensione del film Valerian e la città dei mille pianeti

Valerian e la città dei mille pianeti (“Valérian et la Cité des mille planètes") è il film di fantascienza di Luc Besson. L’esordio avviene in un luogo paradisiaco, tra esseri umanoidi ed esplosioni che avvertono di una minaccia imminente. Già qui Besson è vittima dello stesso materiale ...

 

First They Killed My Father, il film di Angelina Jolie conviene la critica

First They Killed My Father è il film di Angelina Jolie che ha ottenuto ottime recensioni negli Stati Uniti. La storia è quella dell’attivista Loung Ung, che per sopravvivere al regime cambogiano dei Khmer Rossi dal 1975 al 1978 vede disgregata la propria famiglia. La storia viene raccontata dalla protagonista, una bambina di c...

 

L'incredibile vita di Norman, incontro con Richard Gere: 'il mio personaggio vorrebbe esaudire le promesse'

L'incredibile vita di Norman (“Norman: The Moderate Rise and Tragic Fall of a New York Fixer”) è il film di Joseph Cedar con Richard Gere, presentato a Roma. La pellicola negli Stati Uniti è uscita ad aprile 2017 ed ha ottenuto recensioni positive. La storia racconta del faccendiere Norman Oppenheimer, che a New York tess...

 

Film più visti della settimana, la novità è 'American Assassin'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 15 al 17 settembre 2017 conferma il primo posto per “IT”, tratto dal romanzo di Stephen King (218.710.619 dollari): la creatura malvagia che uccide i bambini della città è tornata, mentre sette abitanti cercano di eliminarlo. Al secondo posto entra “Ameri...

 

'Meg', l'horror con protagonista Jason Statham arriva nel 2018

Ha dovuto aspettare due decenni, ma Steve Alten avrà finalmente la soddisfazione di vedere il proprio best-seller trasformato in un horror da 150 milioni di dollari con Jason Statham nei panni del protagonista. In un primo momento “Meg” sarebbe dovuto uscire il 2 marzo 2018, ma poi la Warner Bros ha deciso di rimandarlo al 10 ag...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni