X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Tiramisù: recensione del film commedia sull'(in)successo di Fabio De Luigi

24/02/2016 08:00
Tiramisł recensione del film commedia sull'(in)successo di Fabio De Luigi

Fabio De Luigi, per la prima volta in qualità di regista, avanza una commedia degli equivoci, sostenuto dalla presenza di Vittoria Puccini. Il risultato, ricco di gag "costruite", non offre nulla di più di uno sceneggiato televisivo sull'inetto moderno e sulla sua volontà di realizzarsi professionalmente, malgrado la mancanza di abilità.

Tiramisù è il film proposto nelle sale da Fabio De Luigi, non solo in veste di attore, ma anche di regista e sceneggiatore. Giocando sulla corruttibilità della società odierna, il neoregista traspone sul grande schermo vizi e virtù dei suoi protagonisti.

La trama di Tiramisù ruota intorno al protagonista Antonio Moscati, interpretato da Fabio De Luigi, che si guadagna da vivere come rappresentante di materiale sanitario: le sue giornate sono scandite da code interminabili presso le sale d’attesa dei vari medici di base, ai quali cerca di proporre i suoi prodotti, ma accumulando solo fallimenti. La fortuna di Antonio risiede interamente nell’aver conosciuto Aurora, per il cui ruolo è stata scelta Vittoria Puccini, una donna amorevole e intraprendente, divenuta sua moglie. Un giorno Antonio lascia in uno studio medico un tiramisù confezionato dalla moglie e dal momento in cui il medico lo assaggia, ha inizio una lunga e tortuosa ascesa verso la realizzazione professionale. Si ritroverà a seguire il percorso tracciatogli dal cognato Franco, interpretato da Angelo Duro, un uomo che ha fatto del cinismo la sua ragione d’essere e convincerà Antonio ad intraprendere una strada decisamente diversa da quella a cui era abituato prima di entrare nel rocambolesco mondo degli affari.

Tiramisù nasce come commedia pensata, scritta e diretta da Fabio De Luigi, il comico italiano che, dopo aver riscontrato un ottimo successo di pubblico in televisione in trasmissioni come Love Bugs e Mai dire Domenica, ha iniziato a dedicarsi al mondo del cinema, prima come attore ed ora, per la prima volta, in veste di regista. Oltre dietro la macchina da presa Fabio De Luigi, come di norma, si ritrova davanti ad essa, pronto questa volta a condurre sul grande schermo un inetto, un uomo che non riesce ad inserirsi nella società, se non attraverso inconcludenti tentativi. Tiramisù vuole essere una commedia degli equivoci il cui perno è il mondo del successo, soffermandosi su cosa si è disposti a fare per raggiungerlo… e per mantenerlo!

La monotona esistenza del protagonista, un personaggio incapace tanto di riuscire ad affermare se stesso, quanto di colpire lo spettatore suscitando interesse verso la sua costruzione, subisce una svolta quando gli si presenta la possibilità di dare uno scossone alla sua carriera, agguantando quel successo che gli è stato da sempre precluso. Ma imprevisti, misti ad inganni, narrati attraverso una regia lineare, quasi da soap opera, diventeranno il pane quotidiano di Antonio, che sarà costretto a fare i conti con gli altri, ma soprattutto con l’uomo che è diventato, con se stesso. E allora, quando tra le svariate peripezie da affrontare per continuare ad “avere successo”, Antonio viene inviato nella tenuta del presidente Hubner, per il cui ruolo è stato scelto Orso Maria Guerrini, si può scorgere il ritmo ricco di gag, che però non restituiscono una comicità pura allo spettatore, ma sembrano piuttosto essere forzate, quasi invasive rispetto alla storia raccontata.

Fabio De Luigi si propone come regista, ma non si evince nulla di autoriale nel risultato, nessuna marca distintiva che possa permettere di affermare come questo prodotto filmico sia diverso dagli altri appartenenti al suo genere. La commedia è il genere più abusato in Italia, per fare breccia nello spettatore è necessario stupire, inventare e reinventarsi e, nonostante la comicità comprovata di Fabio De Luigi, il lungometraggio può essere paragonato ad un prodotto televisivo, uno sceneggiato di una sola puntata che non lascia alcuna traccia di sé.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Fabio De Luigi, Vittoria Puccini



Articoli correlati

Psicologia cambiamento: le vite degli altri, la ricerca della felicità ed il 99 per cento

Psicologia cambiamento. Il cambiamento vero in psicologia costituisce un fenomeno raro, ma possibile. Ci sono infiniti motivi e circostanze che invocano una trasformazione dell'essere umano. Mutare può risultare doloroso, ma è necessario se si desidera evolvere, crescere, prendere in mano le redini della propria esistenza. In molti fa...

 

Tutta colpa di Freud: incontro con Paolo Genovese e il cast del nuovo film in uscita il 23 gennaio

ROMA - Il nuovo film di Paolo Genovese si intitola Tutta colpa di Freud ed è stato presentato alla stampa questa mattina, presso il Cinema Adriano a Roma. Nel cast Marco Giallini, Vittoria Puccini, Anna Foglietta, Vinicio Marchioni, Laura Adriani, Alessandro Gassmann e Claudia Gerini. Il film uscirà nelle sale cinematografiche il 23 g...

 

Vittoria Puccini, Marta in 'Tutta colpa di Freud' e amore con Lucci

Vittoria Puccini è la raffinata attrice fiorentina interprete di "Paz!" e "Elisa di Rivombrosa", per la quale vinse anche il Telegatto. Ora è impegnata nelle riprese di "Tutta colpa di Freud", una sofisticata commedia nella quale interpreta la giovane libraia ribelle Marta. Un ruolo in sintonia con le sue caratteristiche di personaggi...

 

Fiction Anna Karenina, su Rai Uno la seconda puntata della tragica eroina innamorata di Vronskji

Anna Karenina giunge alla seconda ed ultima puntata, su Rai Uno. La trama si snoda qui attorno ad Anna che è stata sedotta da Vronskji, il quale per questa passione sconosciuta è disposto a rinunciare alla carriera militare, all’onore in società, le ricchezze della famiglia. Ma dopo la nascita della loro figlia Annuska, ...

 

Fiction Anna Karenina, su Rai Uno la trama dolente interpretata da Vittoria Puccini

Anna Karenina, fiction ora in onda su Rai Uno interpretata da Vittoria Puccini e Vittorio Sermonti riproporre la vicenda dell'eroina ottocentesca, creata da Lev Tolstoj nel 1877. Leggi la trama di Anna Karenina La modalità di trasposizione dalla pagina scritta al video è stata “fedele”, come dice lo sceneggiatore France...

 

Fiction Anna Karenina, su Rai Uno Vittoria Puccini s'innamora di Aleksej Vronskij

Anna Karenina è la fiction domani in onda su Rai Uno, interpretata da Vittoria Puccini e Vittorio Sermonti.  La fiction è tratta dall’omonimo romanzo di Lev Tolstoj del 1877, e la trama della puntata s’incentra su Stiva e Dolly, Kitty e Levin, Anna e Vronskij e Anna e Karenin. In un palazzo dove si svolge una fe...

 

Aspirante vedovo: il trailer supera 42 mila view, Luciana Littizzetto si scusa con Franca Valeri

Aspirante vedovo è il titolo del film diretto da Massimo Venier e interpretato da Fabio de Luigi e Luciana Littizzetto. La commedia, distribuita da '01Distribution', sarà nelle sale dal 10 ottobre. Il trailer ufficiale del film ha superato 42 mila visualizzazioni. Si tratta del remake ...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni