X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Intervista a Kim Brand regista di Among Women, film documentario

05/10/2014 08:00
Intervista Kim Brand regista di Among Women film documentario

Con il documentario Among Women, Kim Brand, giovanissima regista olandese, ci racconta il rito di passaggio all'età adulta di due ragazze in Zambia, rito in cui il sesso ha un ruolo di primo piano.

Mauxa intervista Kim Brand, regista del documentario "Among Women"; film trasmesso dalla televisione olandese e selezionato in vari festival internazionali 

Il documentario Among Woman  è un film non proprio convenzionale. Tanto in Zambia quanto in Olanda, paese d'origine della regista, il sesso riveste un ruolo fondamentale nella relazione tra uomo e donna e l'idea geniale Kim Brand, e struttura portante del film, è quella di mettere in relazione il rito di passaggio per il matrimonio di due giovani ragazze dello Zambia con la sua stessa storia personale, invitando così lo spettatore a riflettere, prima di giudicare seguendo facili stereotipi

L'intervista a Kim Brand, regista del film documentario "Among Women"

D- Come è nato il progetto?
R - Tutto è iniziato nel 2008, quando ho vissuto in quello stesso villaggio in Zambia per due mesi. Ero li per un progetto scolastico e insieme ad altri tre studenti volevamo insegnare alle persone del posto come filmare le loro vite per dargli la possibilità di documentare la loro stessa cultura prima che l'arrivo imminente dell'energia elettrica cambiasse completamente tutto. Durante quel primo soggiorno ho incontrato una donna che mi ha accompagnato in un posto dove c'era un iniziazione. Non avevo mai visto nulla di simile e fui sopraffatta dall'intimità che c'era fra le donne del gruppo, tutte quasi completamente nude, che danzavano e ridevano. Le donne stavano insegnando alle ragazze sia la maniera adeguata per avere una relazione con un uomo, sia ad essere orgogliose di diventare donna. Quello è stato il momento in cui ho capito che avrei voluto fare un film su di loro perché, mi sono detta, forse gli occidentali possono imparare qualcosa dai rituali di questo piccolo villaggio

D - E poi, dalla prima visita alla realizzazione del film, quanto tempo è passato?
R - Dopo la prima visita ho subito iniziato le ricerche per il film e due anni dopo sono tornata in Zambia; quattro anni dopo ero riuscita ad avere abbastanza soldi per fare il film e quindi sono tornata nuovamente nel villaggio per sei mesi per girare il documentario. Per le prime due settimane ho svolto ulteriori ricerche insieme a Jop Erken, che ha curato la produzione in Zambia. Insieme a me c'era anche Beauty, la nostra interprete, che è stata incredibile perché non solo senza di lei non avremmo mai potuto fare il film, ma anche perché è diventata una delle protagoniste principali del documentario

D - Quanto è stato difficile realizzare il film?
R - Non è stato facile riuscire a comunicare la nostra idea alle ragazze del villaggio perché in Zambia si parlano settantadue lingue diverse, e, mentre nel villaggio chiunque parlava Lala o Bemba, solo poche persone parlavano inglese. Ma prima dell'arrivo della troupe, dovevamo preparare tutto. Noi cercavamo qualcuno che, pur avendo già programmato il matrimonio, non aveva ancora fatto il rito di passaggio. Durante questi sei mesi ho imparato che non tutto può andare come avevi pianificato e se all'inizio poi avevo tentato di programmare le riprese per l'intera iniziazione, poi ho dovuto cambiare strada perché in Zambia la maggior parte delle persone non sa come pianificare la propria vita. Le cose semplicemente accadono e nessuno sa cosa farà il giorno successivo. Così ho deciso di lasciare correre e di essere pronta a filmarle quando qualcosa di importante accadeva, seguendo il rituale con il cuore. Inoltre, vivevamo come la gente del posto e per la troupe, che era naturalmente composta solo da ragazze per via del soggetto del documentario, perché non è permesso agli uomini partecipare al rituale, non è stato facile sopravvivere nella boscaglia, in case senza nè energia elettrica nè acqua a corrente

D - Quando hai deciso di inserire la tua storia personale nel film?
R - Pochi mesi prima di partire per lo Zambia ho incontrato un ragazzo con cui mi sono fidanzata. Molte donne in Zambia mi chiedevano di lui e in generale su come era la nostra relazione. Mi sembra logico che come io ero curiosa delle loro storie, anche loro lo erano sulla mia. Così, durante le riprese, ho deciso di inserire questi dialoghi, e dare risalto a queste conversazioni. Come documentarista devi sempre tenere gli occhi aperti ed essere pronta a modificare i tuoi piani. Ci sono sempre altre opzioni, magari migliori. La cosa bellissima nel fare i documentari è che stai giocando con la realtà, ma in ultima analisi sei tu che decidi come raccontare la storia

D - Nel tuo film metti in relazione il rito di passaggio dall'adolescenza all'età adulta di due ragazze in Zambia con la tua esperienza personale, rendendo il documentario un film non del tutto convenzionale. Sei d'accordo?
R - Si, sono d'accordo. Sono la regista ma anche uno dei personaggi principali. Volevo esprimere e spiegare le mie ragioni sul perché fare questo documentario attraverso la mia personale incertezza sull'avere una relazione sentimentale con un ragazzo. Noi non abbiamo familiarità con il rituale in Zambia, è strano per noi, ma molti dei miei amici olandesi sono coscienti di quanto sia difficile combattere per l'amore nella nostra frenetica vita occidentale, a dispetto di tutta la libertà di scelta che abbiamo. Le storie che provengono dall'Africa sono maggiormente incentrate sulla povertà, la malattia, le guerre, e sul fatto che le donne devono fare tutto ciò che gli uomini dicono. Come documentarista, è stato difficile fare un film senza confermare questi stereotipi perché di solito abbiamo già la risposta prima di guardare. Ma anche gli abitanti del villaggio avevano la loro opinione sulla mia vita. Magari la mia vita era strana per loro, come la loro per me. Per me era molto importante aggiungere le domande che mi facevano, e mostrare la loro opinione sulla mia vita. Attraverso questo confronto tra le culture spero di diventare una sorta di guida per chi guarda

D - Nell'ultima scena del tuo film, le protagoniste escono fuori da una coperta non più come ragazze, ma come donne ed offrono dei soldi … per chi sono?
R - Nell'ultima scena del film, le ragazze escono fuori dalla coperta come donne, e sono davanti alle stesse persone che gli hanno insegnato come essere donne. L'iniziazione è piena di regole e i soldi sono per la Nachimbusa che è l'insegnante del rituale e che diventa maestra per tutto il resto della vita. Se un uomo non è capace nel rapporto sessuale, è quasi impossibile per lui sposarsi. Come gli uomini devono prendersi cura della moglie, fornendogli una casa, lavorando e dandogli tutto quello di cui ha bisogno, incluso il sesso, e allo stesso modo le donne devono prendersi cura della casa e dei bambini e, durante l'iniziazione, imparano a costruire una relazione perfetta e imparano anche come avere un buon rapporto sessuale con il proprio marito. Durante l'iniziazione, le donne danzano tutte insieme e, nel ballo, ogni movimento è legato al giusto modo per avere un rapporto sessuale. Non ho mai visto una cosa simile in Olanda, dove sono libera di scegliere la mia strada ma, allo stesso tempo, devo imparare tutto da sola. Questa libertà per me è molto importante ma sento la mancanza di una guida come la Nachimbusa, sempre pronta ad aiutarti con insegnamenti in forma di canzoni o storie

D - In chiusura, vorrei chiederti sia un parere sull'industria cinematografica del documentario nella società occidentale, sia cosa ti ha spinto a diventare una regista di documentari invece che di film di finzione
R - L'industria del cinema documentario in Olanda è abbastanza grande. Ci sono molti bravi filmmakers. Con l'arrivo della crisi però è diventato più difficile trovare fondi per fare un film. Oggi poi comprare l'attrezzatura per girare è diventato abbastanza economico e, considerando che molti registi fanno documentari su altre culture, ogni tanto mi chiedo come diventerà l'industria dei documentari quando saranno quelle stesse persone a fare dei documentari sul loro stesso modo di vivere. Forse ci saranno molti film fatti da persone del posto … sono veramente curiosa

D - Cosa ti ha spinto a fare film documentari?
R - I documentari sono prodotti di finzione ma con attori sociali. E' il regista che sceglie cosa mostrare, e io voglio fare documentari perché, canalizzando l'attenzione sui dettagli e sulle piccole cose, puoi far diventare le persone consapevoli su quanto, a volte, sia straordinaria la vita di tutti i giorni. Penso che I documentari offrano un vivido sguardo sulle esperienze quotidiane. Come prima cosa, voglio raccontare le mie storie attraverso le immagini e lasciare che lo spettatore tragga le sue conclusioni

Il Regista Kim Brand si è laureata in audio-visual media alla Scuola d'Arte di Utrecht nel 2009. Prima di “Among Women”, ha realizzato brevi documentari. “Among Women”, il suo primo lungometraggio, è stato trasmesso in televisione in Olanda, oltre ad aver partecipato a diversi festival internazionali

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Michelle Rodriguez, è una vedova rapinatrice nel nuovo film 'Widows'

Michelle Rodriguez sarà una vedova esperta in rapine nel nuovo film “Widows”, tratta dall’omonima serie andata in onda nel 1983 e 1985. L’attrice è apparsa da poco in “Fast & Furious 8” e nei quattro film precedenti, nel ruolo di Letty Ortiz, moglie fedele di Dominic Toretto. Ha lavorato in &ld...

 

Film più visti della settimana, 'Dunkirk' svetta al primo posto

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 21 al 23 luglio 2017 vede svettare al primo posto la novità “Dunkirk” (50.500.000 dollari, leggi l’intervista): la storia è quella dell’operazione Dynamo, con cui nel 1940 si effettuò l’evacuazione delle truppe inglesi e franco-belghe da...

 

L'arte digitale, inserire il tempo nelle immagini: intervista all'artista San Base

San Base è uno dei maggiori esponenti dell’arte digitale. L’artista ha perfezionato un nuovo tipo di arte, chiamata Generative Art in cui l'opera artistica nasce da un software, che rielabora continuamente un’immagine iniziale. Questa rielaborazione viene poi spesa al muro, con uno schermo LCD o al plasma. Il risultato &egr...

 

Recensione del film Past Life, il dramma familiare apprezzato dalla critica

“Past Life” è un film di Avi Nesher, uscito negli Stati Uniti dopo essersi fatto apprezzare nel circuito dei festival indipendenti. Il film si apre nel 1977 a Berlino Ovest, dove Sephi (Joy Rieger), una cantante e aspirante compositrice israeliana, spicca come solista durante l’esibizione del coro della sua accademia. Dopo...

 

Bright, prime immagini del film crime con Will Smith

Bright è il film crime e fantasy di David Ayer il cui trailer è stato presentato al San Diego Comic-On. La trama si svolge in un mondo alternativo moderno, dove da secoli convivono esseri umani, orchi, elfi e fate. Scott Ward (Will Smith) è un un ufficiale di polizia che fa coppia con il primo poliziotto Orco (Joel Edgerton), ...

 

Il fantasma e la signora Muir, il sogno di un amore nel film classico di Joseph L. Mankiewicz

Il fantasma e la signora Muir (“The Ghost and Mrs. Muir”) è il film di Joseph L. Mankiewicz che usciva nelle sale statunitensi in queste settimane. A Londra alla fine dell’800 la giovane vedova Lucy Muir (Gene Tierney) si trasferisce nel villaggio di Whitecliff, vicino al mare nonostante la disapprovazione della suocera An...

 

Proud Mary, prime immagini del film sull'assassina professionista

Taraji P. Henson appare nel primo trailer del film thriller "Proud Mary”, film di Babak Najafi. Nelle immagini la protagonista Mary, una spietata assassina professionista, che incontrando un giovane ragazzo scarpe di avere un istinto materno finora sconosciuto. Nelle immagini inizialmente si allena, si trucca, poi indossa un giubbotto di pel...

 

Recensione del film Finding Oscar, la luce sul genocidio elogiata dalla critica

Finding Oscar è il film documentario di Ryan Suffern, uscito nella sale statunitensi e accolto in maniera positiva dalla critica. Il film è disponibile anche in Video on Demand. Nel documentario lo stesso presidente Reagan appare mentre dà la mano al presidente e militare guatemalteco Efraín Ríos Montt, che giust...

 

Glass, M. Night Shyamalan svela il sequel di Unbreakable e Split

Con l’annuncio del suo prossimo film, “Glass”, M. Night Shyamalan è riuscito ancora una volta a spiazzare tutti; un colpo di scena degno delle migliori pellicole del regista di origini indiane, annunciato da quest'ultimo lo scorso aprile con una serie di messaggi su Twitter, e che dà finalmente una risposta a tutti i...

 

Il regista Steven Soderbergh dirige un film girato con l'iPhone

Steven Soderbergh ha realizzato un film con l’iPhone. La protagonista è Emmy Claire Foy, che ha recitato nella serie "The Crown" e Juno Temple. Il titolo del lavoro è “Unsane", e la distribuzione del film dovrebbe avvenire in digitale. Al momento non sono resi noti il dettagli sulla trama. Già il regista Sean Bake...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni