X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Comics: Capitan Harlock, il pirata che solca lo spazio da 40 anni

12/08/2014 10:00
Comics Capitan Harlock il pirata che solca lo spazio da 40 anni

Capitan Harlock, "un pirata tutto nero mentre il cuore bianco è", torna a far parlar di sé! Dal manga all'anime, a un incredibile film d'animazione in computer graphics 3D. Dopo molti anni una nuova generazione può conoscere ed apprezzare questo capolavoro di Matsumoto.

Capitan Harlock – manga. Capitan Harlock è un manga giapponese, di genere fantascientifico, creato nel 1977 dall’artista Leiji Matsumoto e pubblicato dalla Akita Shōten sul quindicinale Play Comic. Il manga venne in Italia solo negli anni ’90, pubblicato dalla Granata Press che ne pubblicò solo metà, suddiviso in 15 volumi. Solo nel 2001 venne stampato completo dalla Planet Manga (etichetta della Panini Comics specializzata nella pubblicazione di manga) e in seguito ristampato, con l’impaginazione originale, da altre due case editrici con l’aggiunta di storie extra: la d/visual (che ha cessato l’attività nel 2011) e la RW Edizioni.

Capitan Harlock – trama. La trama di Capitan Harlock inizia nell’anno 2977, quando la Terra è in uno stato di pace globale, ma le sue risorse sono del tutto esaurite, i mari sono stati prosciugati e il governo nega l’evidenza della crisi, anche perché attinge alle risorse degli altri pianeti. Alla popolazione poco importa della situazione, vive in un perenne stato di apatia, credendo ciecamente alle affermazioni del Primo Ministro, questo stato è anche dovuto al fatto che le macchine hanno sostituito l’uomo in quasi tutti i lavori, anche quelli più comuni. Chi non è d’accordo con il sistema del Governo Unificato della Terra è considerato un fuorilegge, come succede a Capitan Harlock e alla sua ciurma. Improvvisamente, sulla Terra arriva una gigantesca sfera nera mandata dal popolo vegetale (piante senzienti) delle Mazoniane, essa non è altro che la loro dichiarazione di guerra per la conquista del pianeta. Neanche questo avvenimento scuote l’umanità dal suo torpore, così Harlock si auto proclama difensore del pianeta ed inizia una dura battaglia contro il pianeta Mazone, con l’aiuto del suo equipaggio di reietti e dello spirito del suo migliore amico (morto), Tochirō Ōyama, che si è unito all’Arcadia, l’astronave di Harlock da lui stesso progettata.

Capitan Harlock – anime. Nel 1978 la Toei Animation (la più grande casa di animazione giapponese) adattò il manga di Capitan Harlock in un anime che riscosse molto successo in Giappone, ma anche in Italia, quando arrivò l’anno successivo grazie alla Rai. Mirabile è la partitura sinfonica, composta da Seiji Yokoyama ed eseguita dalla Tokyo Philharmonic Orchestra, realizzata per accentuare la narrazione di tipo drammatico della serie. Tra il manga e l’anime ci sono alcune differenze: la prima è l’aggiunta di due personaggi (Mayu Ōyama e Mitsuru Kirita), la seconda riguarda il finale. Mayu è la figlia di Tochirō e di Emeraldas, alla morte del padre e alla partenza della madre Harlock ne diventa il tutore legale, la bambina non sta con lui sull’Arcadia, ma in un collegio sulla Terra come voleva il suo defunto padre. Visto il legame tra Harlock e la bambina (il pirata va a trovarla di frequente), è spesso utilizzata come esca da Kirita, il capo delle forze di difesa terrestri, per catturare il suo tutore. Il finale del manga è aperto, non esiste una conclusione alla battaglia tra Harlock e le Mazoniane (questo genere di finale è la norma nei lavori di Matsumoto), per l’anime si decise di modificarlo con la sconfitta delle Mazoniane e il ritorno in patria dell’equipaggio dell’arcadia, che ottiene l’amnistia, mentre Harlock se ne va con la sua astronave a solcare ancora lo spazio infinito.

Capitan Harlock – Film. Nel 2013 è stato realizzato un film d’animazione in computer grafica 3D basato sul manga di Capitan Harlock di Matsumoto. La trama è diversa da quella del manga e dell’anime, anche se mantiene lo stesso carattere e principi. Si svolge sempre nel 2977. Un secolo prima le risorse della Terra si sono esaurite, ma invece di importare il necessario dagli altri pianeti si è preferito emigrare verso nuove possibilità. Non trovando un mondo adatto a loro come la Terra, gli esseri umani decidono di tornare al loro pianeta d’origine, ma ormai sono troppi (si parla di 500 miliardi) per starci tutti quanti e così inizia una cruenta guerra. Per fermare la guerra è istituita un’organizzazione, la Gaia Sanction, che dichiara il pianeta Terra come luogo sacro, per cui inviolabile, diventando inaccessibile per chiunque. Capitan Harlock non è d’accordo con l’organizzazione, che considera corrotta e decadente, per cui dà battaglia con lo scopo di posizionare diverse bombe a vibrazione temporale, poter tornare indietro nel tempo e mettere a posto le cose.

Capitan Harlock – Leiji Matsumoto. Lo stile di Leiji Matsumoto lo si può definire di tipo europeo, con una pesante bicromia di bianco e nero per enfatizzare le sue storie, piene di avversità e squallore, dove i protagonisti devono cercare di emergere grazie alle loro forze e ad una dura lotta, sia con il mondo che li circonda, sia interiore (un ottimo esempio è Space Battleship Yamato). Utilizza il chiaro scuro anche per delineare il carattere dei personaggi dei suoi manga, dove troviamo quelli femminili, solitamente, molto curati, con tratti morbidi e, spesso idealistici, così alte e slanciate da dare quasi una sensazione effimera e fragile, mentre quelli maschili variano dal personaggio canonico a quello di stampo ironico e/o umoristico, quasi caricaturale (in ogni suo lavoro ce ne sono sempre), tozzo e grottesco. Una particolarità delle tavole di Matsumoto è la cura nel mecha design (dall'inglese mechanical design, letteralmente “progettazione meccanica”), dove mescola in modo armonioso il moderno con l’antico, come l’Arcadia di Capitan Harlock o il treno di Galaxy 999.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Gisella Arlotti
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Dragon Ball FighterZ, anteprima videogame per PS4 e Xbox One

Dragon Ball FighterZ è il picchiaduro in 2D di una delle saghe più famose e apprezzate nel mondo, con una nutrita di schiera di fan anche nel nostro territorio. Il ritorno del franchise ci trasporta su terreni di scontro in due dimensioni, per un videogioco veloce e spettacolare, sia dal punto di vista del gameplay che dal lato pretta...

 

Recensione film Atomica Bionda: colui che inganna troverà sempre chi si lascerà ingannare

Atomica Bionda trae origine dal fumetto The Coldest City scritto ed illustrato da Antony Johnston e Sam Hart. Il film diretto da David Leitch ed interpretato tra gli altri da Charlize Theron, Sofia Boutella e James McAvoy, è ambientato nella Berlino della guerra fredda, durante le sommosse che hanno portato all’abbattimento del muro e ...

 

Days Gone, anteprima videogame Sony per PS4

Days Gone è un videogioco d’azione ambientato in un mondo aperto, un’enorme mappa dove sopravvivere a gruppi di nemici umani e orde di zombie. La presentazione di due anni fa, all’E3, aveva mostrato un titolo dalle tinte avvicinabili a The Last Of Us, ma dai connotati decisamente più survival, con decine di non morti...

 

Recensione L'ultimo giorno in Vietnam, un bellissimo fumetto di Will Eisner pubblicato da 001 Edizioni

L'ultimo giorno in Vietnam è un bellissimo fumetto scritto e disegnato dalla leggenda della nona arte Will Eisner. All’interno dell’albo si trovano diverse storie raccolte in modo casuale, senza seguire una linea temporale, dallo stesso Eisner. La casa editrice 001 Edizioni ha deciso di ripubblicare nei primi giorni di luglio que...

 

Recensione Rise of the Black Flame il fumetto scritto da Mike Mignola per Dark Horse Comics

Rise of the Black Flame è il nuovo fumetto pubblicato dalla casa editrice Dark Horse Comics, che unisce tutti e cinque i numeri di questa incredibile serie uscita lo scorso anno. Grazie al grande successo ottenuto, la casa editrice ha deciso di pubblicare l’intera storia in un unico volume. All’interno di questo bellissimo albo, ...

 

Final Fantasy XII: The Zodiac Age, recensione videogame per PS4 e Xbox One

Final Fantasy XII: The Zodiac Age è la riedizione di un videogioco particolare, un capitolo fatto di ottime idee e importanti innovazioni all’interno di quello che era a suo tempo il brand di Final Fantasy. La saga si era sempre poggiata su un sistema di combattimento a turni ed incontri casuali, peculiare dei giochi di ruolo a stampo ...

 

Wolfenstein II: The New Colossus, anteprima videogame Bethesda per PS4 e Xbox One

Wolfenstein II: The New Colossus è il videogioco sviluppato da MachineGames e pubblicato da Bethesda Softworks, il seguito di uno dei migliori sparatutto degli ultimi anni, lo storico ritorno del tenente B.J. Blazkowicz. La saga ha segnato un intero genere, oltre che l’industria videoludica, con l’uscita nel lontano 1992 di quell...

 

Recensione Wonder Woman l'Amazzone della collana Grandi Opere DC di Jill Thompson

Wonder Woman L’Amazzone è stato pubblicato all’interno della collana Grandi Opere DC e in Italia distribuito dalla Lion divisine di RW Edizioni. Questa nuova storia ci porta alle origini dell’eroina più famosa dell’universo DC Comics, com’è nata e da dove vengono i suoi grandi poteri, ma soprattutt...

 

Recensione The Interview la nuova graphic novel di Manuele Fior di Fantagraphics

The Interview è la nuova graphic novel pubblicata dalla casa editrice americana Fantagraphics, scritta e disegnata da Manuele Fior. L’autore ci porta in un futuro dove i cambiamenti non avvengono con una rivoluzione o con la fine del mondo ma attraverso processi mentali che poco a poco cambiano il modo di pensare. I contatti con gli ex...

 

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy, recensione per PS4: il ritorno della mascotte PlayStation

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy è un pezzo di storia del videogioco, la collezione completamente restaurata dei primi tre storici capitoli usciti su PlayStation, un ricordo a cui tantissimi videogiocatori sono legati. Proprio l’aspetto nostalgico ha convinto Activison ad affidare al team interno Vicarious Visions il compito di riportare...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni