X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Marion Cotillard, 'noi attori siamo outsider' mentre esce 'C'era una volta a New York'

08/01/2014 13:23
Marion Cotillard 'noi attori siamo outsider' mentre esce 'C'era una volta New York'

Marion Cotillard, moderna diva francese del grande schermo, interpreta una emigrante polacca negli Stati Uniti costretta a prostituirsi per salvare la sorella malata. Una spirale di decadenza con sullo sfondo i ruggenti anni venti statunitensi. La Cotillard si è sempre considerata una outsider in virtù delle sue capacità artistiche e recitative, sostenendo che gli attori non sono normali. Ma ora ha acquisito la serenità

Marion Cotillard, giovane e sensuale attrice francese di fama crescente, è stata Adriana in "Midnight in Paris" prima di interpretare Miranda in "Il cavaliere oscuro - il ritorno". Ora la Cotillard sarà la protagonista di "C'era una volta a New York", la giovane immigrata polacca Ewa, costretta a prostituirsi per salvare la sorella malata venendo così sfruttata da un uomo bieco e senza scrupoli, dal volto di Joaquin Phoenix. Un dramma melò dal sapore un po'  retrò, con una scenografia superba e un'interpretazione da brividi nostalgici.

Intervista a Orsetta Borghero

Gli attori non sono normali. Marion si racconta senza fronzoli, dichiarando di non aver mai pianificato il proprio cammino professionale o la propria esistenza, e di essersi sentita fuori posto ed emarginata fin da giovanissima. Racconta del rapporto speciale che la legava con una compagna polacca ai tempi della scuola, e di essersi ispirata a lei per la parte di Ewa. Ma soprattutto svela di sentirsi una vera e propria outsider, un pò come tutti gli attori che, parole sue, "non sono come le persone normali". Per lei tutto ciò che conta è la recitazione, un eccellente metodo per indagare la natura umana, come un'antropologa studia i popoli e le tribù in giro per il mondo.

Articolo su "The Amazing Spider-Man 2

"Outsider. La pellicola, diretta da James Gray, è un'eccellente ritratto dell'America anni venti tra splendori e miserie, jazz e tubercolosi. Ma questo a Marion non interessa: ci ha pensato il regista, lei si è concentrata solo sulla disadattata Ewa, una ragazza sperduta in un mondo nuovo che cade in una spirale di squallore e decadenza per altruismo. La Cotillard non disprezza certo il metodo Stanislavskij, visto che ha imparato il polacco in pochi mesi per calarsi nella parte, come già aveva fatto in precedenza con il danese. Ora è sicura di sé e serena, perchè, come dice lei "non è bello essere sempr l'outsider".

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Marion Cotillard



Articoli correlati

Assassin's Creed anteprima film, Michael Fassbender pronto a cominciare le riprese

Assassin's Creed anteprima film. Finalmente il momento che tanti, tantissimi fanatici di videogiochi aspettano con ansia da anni è arrivato: il progetto di trasferire sul grande schermo le mirabolanti imprese di "Assassin's Creed" si è trasformato in realtà, e a breve comiceranno le riprese. Lo ha annunciato la stessa Ubisoft, ...

 

Cannes 2014: nuovo film Deux jours, une nuit con Marion Cotillard protagonista per i fratelli Dardenne

Deux jours, une nuit. In concorso alla Croisette la pellicola  “Deux jours, une nuit”, dal tema quanto mai attuale. Parla di lavoro, della battaglia fra chi rimane in campo e chi invece viene allontanato. È guerra, tanto più in un mondo dove, a causa della crisi, lavorare ed essere adeguatamente remunerati pare essere...

 

Marion Cotillard, abito scollato tri-colore a Cannes per i film The Immigrant e Blood Ties

Marion Cotillard è nelle immagini che vediamo dal Festival di Cannes, dove è protagonista del film in concorso “The Immigrant” di James Gray con Jeremy Renner e Joaquin Phoenix. Indossa un abito tricolore, bianco, nero e giallo. La vicenda è ambientata nel 1921, quando il sogno americano era agli albori. Ewa Cybuls...

 

Oscar 2013, Joaquin Phoenix in Lowlife per la regia di James Gray

Joaquin Phoenix - Joaquin Phoenix torna a collaborare per la quarta volta - The Yards (2000), I padroni della notte (2007) e Two Lovers (2008) - con il regista James Gray in Lowlife (2013). Il titolo della pellicola rimane incerto, ma Gray vorrebbe mantenere la titolazione originale, nonostante la contestata somiglianza con Low Life (1991) dello sc...

 

Recensione Batman The Dark Knight Rises: un ingombrante passato

The Dark Knight Rises è stato annunciato come la fine della leggenda. Presentato come un epilogo epico che ha suscitato grande attese per tutti gli appassionati dell'eroe dei fumetti, questo nuovo film è un capitolo nel quale entrano personaggi di grande appeal per l'universo di Batman. Gotham City sembra non aver più bisogno ...

 

Batman The Dark Knight Rises: la visione di Christopher Nolan, un eroe sconfitto

Batman The Dark Knight Rises: la visione di Christopher Nolan, un eroe sconfitto. Come annunciato più volte dallo stesso regista Christopher Nolan la saga sarà destinata a concludersi alla fina della prossima estate, quando Batman The Dark Knight Rises farà il suo debutto nelle sale cinematografiche di tutto il mondo....

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni