X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Roman Polanski, forse solo un romanzo fiume potrebbe narrare le sue prime 80 candeline

19/08/2013 12:37
Roman Polanski forse solo un romanzo fiume potrebbe narrare le sue prime 80 candeline

Il regista, nato a Parigi nel 1933, ha compiuto ieri ottant'anni, circondato dall'affetto della bella coniuge Emmanuelle e dei giovani figlioli Morgane, ventenne, ed Elvis, quindicenne. La sua esistenza stata complicata e controversa ed ha il sapore di una saga che, se cinematografica, si barcamenerebbe tra tanti generi differenti come ad esempio l'horror, la tragedia, la commedia sentimentale, il thriller, il noir ed anche la favola...

Roman Polanski ha festeggiato ieri gli ottant'anni. Una vita inquieta ed originale la sua, segnata da luci ed ombre e contraddistinta da una creatività tanto orginale quanto immaginosa. Il suo film “Venere in pelliccia” ha recentemente preso parte al  Festival di Cannes. Interpretato dalla sua terza moglie, Emmanuelle Seigner, e dal tre volte vincitore del  Premio César Mathieu Amalric,  è un lungometraggio che s'ispira al romanzo scritto da Leopold von Sacher-Masoch ed, in particolare, all'omonimo adattamento teatrale del libro operato da David Ives. Roman è già al lavoro con una nuova opera, che s'intitolerà “D” e vedrà la luce il prossimo anno.

Polanski, venuto al mondo in Francia da uno scultore e pittore polacco d'origine ebraica e da una casalinga russa nata in una famiglia ebraica convertita da tempo al cattolicesimo, è sfuggito ai campi di sterminio nazisti grazie a generose persone che lo hanno tenuto nascosto. Sua mamma è morta ad Auschwitz. Suo papà è sopravvissuto a Mauthausen. Roman, abbandonata ogni fede, si dichiara ateo agnostico. Al termine della Seconda Guerra Mondiale, ha studiato recitazione, teatro e regia, diplomandosi presso la Scuola Nazionale di Cinema di ?ód?. Nel 1968 si è trasferito negli USA, dove ha girato una delle sue pellicole maggiormente famose,“Rosemary's Baby”.

L'anno successivo è morto  per un incidente sciistico il compositore Krzysztof Komeda, le cui musiche  erano presenti in quasi tutti i film di Polanski. Poi il 9 di agosto, mentre il regista era in Inghilterra, la setta di Charles Milles Manson ha fatto irruzione nella sua villa di Los Angeles, dove la moglie Sharon Tate, incita di otto mesi, stava trascorrendo una serata con alcuni amici: la poveretta è stata massacrata con altre quattro vittime e sepolta a Culver City, in California, con il suo bambino, Paul Richard Polanski, tra le braccia.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Silvia Niri
Home
 
Personaggi correlati
Roman Polanski



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Roman Polanski, Frantic: il film thriller con Harrison Ford e Emmanuelle Seigner

Frantic è il film thriller di Roman Polanski che uscì nelle sale il 26 febbraio 1988. Il cast era composto da Harrison Ford, Emmanuelle Seigner, Betty Buckley e John Mahoney. La trama di Frantic. Il plot di “Frantic” ruota attorno al Dr. Richard Walker, chirurgo in visita a Parigi con la moglie Sondra per una confere...

 

Venus in Fur, Roman Polanski torna a dirigere Emmanuelle Seigner

Dopo Frantic (1988), Luna di Fiele (1992) e La nona porta (1999), Roman Polanski torna a dirigere la moglie Emmanuelle Seigner in Venus in Fur (2013). Tratta dall'acclamata commedia teatrale - Off Broadway, ispirata a sua volta dal celebre romanzo ottocentesco - scritta da David Ives e diretta da Walter Bobbie (Chicago), la pellicola è incen...

 

Courmayeur, da Tim Burton a Roman Polanski: gli umori del noir

Il Courmayeur Noir in Festival (10 - 16 dicembre) ha inaugurato la 22esima edizione con l'anteprima di Hitchcock per la regia di Sacha Gervasi, biopic concentrato sul rapporto del regista con la moglie Alma Reville durante la lavorazione di Psycho, con Anthony Hopkins, Helen Mirren e Scarlett Johansson. Dieci noir tra thiller, horror e b...

 

Cosa aspettarsi quando si aspetta - La gravidanza nel cinema

Arriva il 7 settembre la commedia americana Cosa aspettarsi quando si aspetta che, con un cast ricco di star "cattura - pubblico", torna ad affrontare un tema da sempre caro al cinema perché vicino alla vita di ogni giorno: quello della gravidanza. Numerosi sono i titoli più o meno recenti che vengono in mente pensando all'attesa del...

 

Recensione Carnage, senza diritti umani

Roman Polanski torna al cinema dopo L'uomo nell'ombra (The Ghost Writer, 2010), vicende giudiziarie intricate che lasciano un velo di soggettivismo nel film. La vicenda è quello di due ragazzini che fanno a pugni in un parco cittadino. La madre della vittima – Penelope - vorrebbe risolvere il problema in maniera civile ma lentamente ...

 

Intervista a Roman Polanski

Rimini - Roman Polanski ha ritirato il premio Federico Fellini, che l'hanno scorso fu assegnato a Martin Scorsese. Il regista polacco ha diretto 18 film, tra cui Il coltello nell'acqua (1962), Cul de sac (1966), l'horror Rosemary's Baby - Nastro rosso a New York (1969), il noir Chinatown (1974), Frantic (1988), La nona porta (1999), fino al pre...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni