X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

L'amore di Yoko Ono sfonda le porte del tempo: occhiali per non dimenticare

22/03/2013 12:18
L'amore di  Yoko Ono sfonda le porte del tempo occhiali per non dimenticare

Un'immagine insanguinata su Twitter e dichiarazioni forti nella data del quarantaquattresimo anniversario di nozze con John Lennon

Yoko Ono ha messo sul social network Twitter una foto degli occhiali insanguinati del marito John Lennon. Occhiali per non dimenticare. Occhiali per vedere bene. Occhiali per non nascondersi dietro all'ipocrisia, all'omertà, all'indifferenza. E l'immagine, che poi è la stessa che l'artista, musicista e cantautrice giapponese naturalizzata statunitense usò per la copertina del suo album del 1981 "Season Of Glass", sta facendo parlare il mondo.

Sono passati quarantaquattro anni da quando Yoko Ono e John Lennon convolarono felicemente a nozze, il 20 marzo 1969, sulla Rocca di Gibilterra, e la donna con questo gesto non solo intende ricordare l'amato compagno, ma schierarsi contro le armi che hanno insanguinato l'America in troppe stragi. "31.537 persone sono uccise dalle pistole ogni anno negli USA", denuncia Yoko. Ed aggiunge: "Stiamo trasformando questo bellissimo Paese in una zona di guerra". Suo marito fu colpito ed ucciso oltre trent'anni fa, l'8 dicembre 1980, tuttavia lei ed il figlio Sean continuano a sentirne la mancanza, poiché il decesso di una persona cara è un'esperienza che svuota, destabilizza, annienta. Ne coltivano il ricordo con un amore che vince il tempo e le distanze.

John Lennon nel 1969 aveva detto: "Non ho paura di morire, sono preparato alla morte perché non ci credo. Penso che sia solo scendere da un'auto per salire su un'altra." E nel 1971: "Non rimpiango niente di quello che ho fatto, davvero, a parte forse di aver ferito altre persone. Non rinnego niente". La sera in cui Mark Chapman, venticinquenne malato di mente, lo ferì, riuscì a compiere ancora qualche passo mormorando "Mi hanno sparato..." prima di crollare a terra perdendo i sensi. Cinque furono i colpi contro di lui (l'ultimo non andato a segno) ed uno, che gli trapassò l'aorta, gli risultò fatale.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Silvia Niri
Home
 
Personaggi correlati
John Lennon,



 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

John Lennon, al Central Park di New York lo 'Strawberry Fields Memorial' per i 33 anni dalla morte

John Lennon moriva l'8 dicembre di 33 anni fa e come ogni anno, anche nel 2013 in molti paesi fan e nostalgici si preparano a tributargli un omaggio o a partecipare a un qualche tipo di manifestazione in ricordo di questo personaggio carismatico ed etereo che non smette di affascinare. Al Central Park di New York ieri sera si è tenuto il t...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni