X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Intervista a Francesco Fioretti, dal successo de Il libro segreto di Dante alla tensione espressiva di Caravaggio

06/03/2013 20:27
Intervista Francesco Fioretti dal successo de Il libro segreto di Dante alla tensione espressiva di

Francesco Fioretti è autore de “Il quadro segreto di Caravaggio”

Mauxa ha intervistato Francesco Fioretti">Francesco Fioretti, scrittore del romanzo di successo “Il libro segreto di Dante” che nel 2011 ha venduto più di duecentomila copie. Nel 2012 ha pubblicato “Il quadro segreto di Caravaggio” sempre per la Newton Compton. 

Caravaggio in una scena del romanzo “Il quadro segreto di Caravaggio” dice: “Cosa volete dunque, voi che mi accusate di riprodurre nelle mie tele il puzzo dei vicoli in cui ho abitato? E smettetela una buona volta con quella maledetta storia della “realitas”, perché non è di questo, e lo sapete, che si tratta. Se avessi voluto davvero dipingere la realtà, forse avrei dovuto mettere sulla croce il muratore di Bergamo e dei cardinali che so io, di Santa Romana Chiesa, a inchiodarcelo”. L’esigenza di Caravaggio personaggio del romanzo di trasfigurare la realtà è un’esigenza artistica o personale?

Francesco Fioretti">Francesco Fioretti. Entrambe le cose. Caravaggio è forse il primo grande artista in cui arte e biografia finiscono per coincidere, il primo che includa se stesso in quadri di genere, rappresentandosi ad esempio in un testimone oculare della cattura di Cristo o del martirio di San Matteo, oppure nella testa recisa di Golia. In più, pur essendo il più grande dei realisti, è, insieme, un sottile simbolista: a partire dalla luce delle sue tele mature, che si carica di fortissime valenze simboliche, ma è al tempo stesso la luce del vero. Così, anche di fronte a scene che ci appaiono del più crudo realismo, l’etichetta del “realista” gli sta stretta, la “realitas” non è mai tutto. Diciamo che è l’ultimo dei platonici, in cui però l’incarnazione dell’idea nella materia si spinge al punto di acquisire una vita del tutto autonoma. Per quanto mi riguarda vorrei imitarlo nell’arte del romanzo, scrivere storie che sono tanto più vere quanto meno lo sono…

La figura di Annuccia, prostituta dipinta da Caravaggio, muove la vicenda del romanzo. Come mai ha scelto questo espediente narrativo?  

F.F.">F.F. ">F.F.">F.F. Sono partito dalla vecchia leggenda secondo la quale il Merisi nella Morte della Vergine avrebbe ritratto una prostituta morta. Bassani e Bellini (Caravaggio assassino, Donzelli, 1994) hanno analizzato documenti relativi ad Anna Bianchini, modella di Caravaggio che morì nel 1604, e hanno fornito più d’un appiglio a una simile interpretazione. Il dipinto, poi, è inquietante: se si osservano attentamente i movimenti delle figure sullo sfondo, sembra davvero la scena di un delitto. Trattandosi di un romanzo, che si sia trattato realmente di una faccenda del genere non ha molta importanza. Io non sono uno storico dell’arte, quello che mi premeva era tradurre in forte tensione espressiva le violente emozioni che la pittura di Caravaggio continua a trasmettere, crear loro uno sfondo che ci permetta di riviverle oggi, attraverso un linguaggio narrativo moderno, in tutta la loro inesauribile attualità.

Il linguaggio di Caravaggio è appassionato. Come si è documentato sulla psicologia e sul linguaggio del personaggio?  

F.F.">F.F. L’ho ricostruito dai verbali dei processi che subì, da quello che raccontavano di lui coloro che lo conobbero e dalle sue deposizioni, sia pur reticenti. Si sa ad esempio che parlava ordinariamente dialetto lombardo, ma da qualche trascrizione delle sue deposizioni sembra affiorare lo sforzo, davanti agli inquirenti, di esprimersi in romanesco. La sua passionalità, oltre che dai documenti, emerge però moltissimo soprattutto dalle sue tele.

Come reputi la moda di scomodare la storia italiana dal ‘300 al '600 per recenti successi, da "Il Codice Da Vinci", al prossimo "Inferno" di Dan Brown?

F.F.">F.F. Dovremmo farlo di più noi italiani, visto che si tratta di valori e tradizioni che ci appartengono. Il fatto che, quanto a cultura, importiamo più di quanto esportiamo è sintomatico del nostro buffo modo di trascurarla adducendo moventi economici. Il fatto poi che ci tocchi “reimportare” Dante e Leonardo da Vinci è il vero segno dei tempi. Che si tratti di mode “popolari” non dovrebbe spaventarci, chiedete ad Ariosto cosa ne pensasse della moda dei poemi cavallereschi o a Dante a proposito di quella, corrente ai suoi tempi, della visione dell’aldilà: semplicemente le cavalcarono e le trascesero al tempo stesso. Fortunatamente "Il libro segreto di Dante" è uscito due anni prima di "Inferno" di Dan Brown, così, almeno su questo, io ho la coscienza a posto. Io ci ho provato e, se le vendite hanno qualcosa da dirci, è andata anche piuttosto bene: quanto meno, tra l’altro, ho contribuito all’export.

Ne "Il libro segreto di Dante" ha fatto in modo che la figlia di Dante, Beatrice, indagasse sulla morte del padre, grazie ad un codice lasciato su nove fogli di pergamena. Come giustifica la presenza del verosimile nel vero storico?

In quel caso è un solo personaggio, l’ex-templare Bernard, a credere di aver trovato la chiave d’accesso a un messaggio in codice nel poema di Dante. La figlia di Dante si limita a ricavarne le istruzioni su dove trovare gli ultimi canti del poema nascosti dal padre prima di morire (secondo la narrazione del Boccaccio). Il fatto però è che, applicando le regole di Bernard, il messaggio cifrato viene fuori davvero dai versi della "Divina Commedia". La cosa potrebbe essere casuale, e io stesso non sapevo cosa pensare. A differenza di Dan Brown, tuttavia, non ho voluto costruire alcun teorema su questo che resta comunque un enigma; mi sono limitato ad attribuirne la decifrazione a un personaggio e a lasciare in ombra ciò che tale personaggio crede d’aver trovato alla fine della sua ricerca. In questo modo la verosimiglianza è salva, non si è costretti a pensare che Dante avesse nascosto messaggi segreti nel suo poema, anche se si è indotti a sospettarlo. Il vero storico non ne esce alterato o forzato: e nel finale del romanzo, con la crisi del Trecento, i fallimenti delle banche e la peste, la storia si prende una bella rivincita su Bernard e sul tipo di letteratura che lui in qualche modo rappresenta.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Dragon Ball FighterZ, anteprima videogame per PS4 e Xbox One

Dragon Ball FighterZ è il picchiaduro in 2D di una delle saghe più famose e apprezzate nel mondo, con una nutrita di schiera di fan anche nel nostro territorio. Il ritorno del franchise ci trasporta su terreni di scontro in due dimensioni, per un videogioco veloce e spettacolare, sia dal punto di vista del gameplay che dal lato pretta...

 

Recensione film Atomica Bionda: colui che inganna troverà sempre chi si lascerà ingannare

Atomica Bionda trae origine dal fumetto The Coldest City scritto ed illustrato da Antony Johnston e Sam Hart. Il film diretto da David Leitch ed interpretato tra gli altri da Charlize Theron, Sofia Boutella e James McAvoy, è ambientato nella Berlino della guerra fredda, durante le sommosse che hanno portato all’abbattimento del muro e ...

 

Days Gone, anteprima videogame Sony per PS4

Days Gone è un videogioco d’azione ambientato in un mondo aperto, un’enorme mappa dove sopravvivere a gruppi di nemici umani e orde di zombie. La presentazione di due anni fa, all’E3, aveva mostrato un titolo dalle tinte avvicinabili a The Last Of Us, ma dai connotati decisamente più survival, con decine di non morti...

 

Recensione L'ultimo giorno in Vietnam, un bellissimo fumetto di Will Eisner pubblicato da 001 Edizioni

L'ultimo giorno in Vietnam è un bellissimo fumetto scritto e disegnato dalla leggenda della nona arte Will Eisner. All’interno dell’albo si trovano diverse storie raccolte in modo casuale, senza seguire una linea temporale, dallo stesso Eisner. La casa editrice 001 Edizioni ha deciso di ripubblicare nei primi giorni di luglio que...

 

Recensione Rise of the Black Flame il fumetto scritto da Mike Mignola per Dark Horse Comics

Rise of the Black Flame è il nuovo fumetto pubblicato dalla casa editrice Dark Horse Comics, che unisce tutti e cinque i numeri di questa incredibile serie uscita lo scorso anno. Grazie al grande successo ottenuto, la casa editrice ha deciso di pubblicare l’intera storia in un unico volume. All’interno di questo bellissimo albo, ...

 

Final Fantasy XII: The Zodiac Age, recensione videogame per PS4 e Xbox One

Final Fantasy XII: The Zodiac Age è la riedizione di un videogioco particolare, un capitolo fatto di ottime idee e importanti innovazioni all’interno di quello che era a suo tempo il brand di Final Fantasy. La saga si era sempre poggiata su un sistema di combattimento a turni ed incontri casuali, peculiare dei giochi di ruolo a stampo ...

 

Wolfenstein II: The New Colossus, anteprima videogame Bethesda per PS4 e Xbox One

Wolfenstein II: The New Colossus è il videogioco sviluppato da MachineGames e pubblicato da Bethesda Softworks, il seguito di uno dei migliori sparatutto degli ultimi anni, lo storico ritorno del tenente B.J. Blazkowicz. La saga ha segnato un intero genere, oltre che l’industria videoludica, con l’uscita nel lontano 1992 di quell...

 

Recensione Wonder Woman l'Amazzone della collana Grandi Opere DC di Jill Thompson

Wonder Woman L’Amazzone è stato pubblicato all’interno della collana Grandi Opere DC e in Italia distribuito dalla Lion divisine di RW Edizioni. Questa nuova storia ci porta alle origini dell’eroina più famosa dell’universo DC Comics, com’è nata e da dove vengono i suoi grandi poteri, ma soprattutt...

 

Recensione The Interview la nuova graphic novel di Manuele Fior di Fantagraphics

The Interview è la nuova graphic novel pubblicata dalla casa editrice americana Fantagraphics, scritta e disegnata da Manuele Fior. L’autore ci porta in un futuro dove i cambiamenti non avvengono con una rivoluzione o con la fine del mondo ma attraverso processi mentali che poco a poco cambiano il modo di pensare. I contatti con gli ex...

 

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy, recensione per PS4: il ritorno della mascotte PlayStation

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy è un pezzo di storia del videogioco, la collezione completamente restaurata dei primi tre storici capitoli usciti su PlayStation, un ricordo a cui tantissimi videogiocatori sono legati. Proprio l’aspetto nostalgico ha convinto Activison ad affidare al team interno Vicarious Visions il compito di riportare...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni