X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Intervista a Francesco Fioretti, dal successo de Il libro segreto di Dante alla tensione espressiva di Caravaggio

06/03/2013 20:27
Intervista Francesco Fioretti dal successo de Il libro segreto di Dante alla tensione espressiva di

Francesco Fioretti è autore de “Il quadro segreto di Caravaggio”

Mauxa ha intervistato Francesco Fioretti">Francesco Fioretti, scrittore del romanzo di successo “Il libro segreto di Dante” che nel 2011 ha venduto più di duecentomila copie. Nel 2012 ha pubblicato “Il quadro segreto di Caravaggio” sempre per la Newton Compton. 

Caravaggio in una scena del romanzo “Il quadro segreto di Caravaggio” dice: “Cosa volete dunque, voi che mi accusate di riprodurre nelle mie tele il puzzo dei vicoli in cui ho abitato? E smettetela una buona volta con quella maledetta storia della “realitas”, perché non è di questo, e lo sapete, che si tratta. Se avessi voluto davvero dipingere la realtà, forse avrei dovuto mettere sulla croce il muratore di Bergamo e dei cardinali che so io, di Santa Romana Chiesa, a inchiodarcelo”. L’esigenza di Caravaggio personaggio del romanzo di trasfigurare la realtà è un’esigenza artistica o personale?

Francesco Fioretti">Francesco Fioretti. Entrambe le cose. Caravaggio è forse il primo grande artista in cui arte e biografia finiscono per coincidere, il primo che includa se stesso in quadri di genere, rappresentandosi ad esempio in un testimone oculare della cattura di Cristo o del martirio di San Matteo, oppure nella testa recisa di Golia. In più, pur essendo il più grande dei realisti, è, insieme, un sottile simbolista: a partire dalla luce delle sue tele mature, che si carica di fortissime valenze simboliche, ma è al tempo stesso la luce del vero. Così, anche di fronte a scene che ci appaiono del più crudo realismo, l’etichetta del “realista” gli sta stretta, la “realitas” non è mai tutto. Diciamo che è l’ultimo dei platonici, in cui però l’incarnazione dell’idea nella materia si spinge al punto di acquisire una vita del tutto autonoma. Per quanto mi riguarda vorrei imitarlo nell’arte del romanzo, scrivere storie che sono tanto più vere quanto meno lo sono…

La figura di Annuccia, prostituta dipinta da Caravaggio, muove la vicenda del romanzo. Come mai ha scelto questo espediente narrativo?  

F.F.">F.F. ">F.F.">F.F. Sono partito dalla vecchia leggenda secondo la quale il Merisi nella Morte della Vergine avrebbe ritratto una prostituta morta. Bassani e Bellini (Caravaggio assassino, Donzelli, 1994) hanno analizzato documenti relativi ad Anna Bianchini, modella di Caravaggio che morì nel 1604, e hanno fornito più d’un appiglio a una simile interpretazione. Il dipinto, poi, è inquietante: se si osservano attentamente i movimenti delle figure sullo sfondo, sembra davvero la scena di un delitto. Trattandosi di un romanzo, che si sia trattato realmente di una faccenda del genere non ha molta importanza. Io non sono uno storico dell’arte, quello che mi premeva era tradurre in forte tensione espressiva le violente emozioni che la pittura di Caravaggio continua a trasmettere, crear loro uno sfondo che ci permetta di riviverle oggi, attraverso un linguaggio narrativo moderno, in tutta la loro inesauribile attualità.

Il linguaggio di Caravaggio è appassionato. Come si è documentato sulla psicologia e sul linguaggio del personaggio?  

F.F.">F.F. L’ho ricostruito dai verbali dei processi che subì, da quello che raccontavano di lui coloro che lo conobbero e dalle sue deposizioni, sia pur reticenti. Si sa ad esempio che parlava ordinariamente dialetto lombardo, ma da qualche trascrizione delle sue deposizioni sembra affiorare lo sforzo, davanti agli inquirenti, di esprimersi in romanesco. La sua passionalità, oltre che dai documenti, emerge però moltissimo soprattutto dalle sue tele.

Come reputi la moda di scomodare la storia italiana dal ‘300 al '600 per recenti successi, da "Il Codice Da Vinci", al prossimo "Inferno" di Dan Brown?

F.F.">F.F. Dovremmo farlo di più noi italiani, visto che si tratta di valori e tradizioni che ci appartengono. Il fatto che, quanto a cultura, importiamo più di quanto esportiamo è sintomatico del nostro buffo modo di trascurarla adducendo moventi economici. Il fatto poi che ci tocchi “reimportare” Dante e Leonardo da Vinci è il vero segno dei tempi. Che si tratti di mode “popolari” non dovrebbe spaventarci, chiedete ad Ariosto cosa ne pensasse della moda dei poemi cavallereschi o a Dante a proposito di quella, corrente ai suoi tempi, della visione dell’aldilà: semplicemente le cavalcarono e le trascesero al tempo stesso. Fortunatamente "Il libro segreto di Dante" è uscito due anni prima di "Inferno" di Dan Brown, così, almeno su questo, io ho la coscienza a posto. Io ci ho provato e, se le vendite hanno qualcosa da dirci, è andata anche piuttosto bene: quanto meno, tra l’altro, ho contribuito all’export.

Ne "Il libro segreto di Dante" ha fatto in modo che la figlia di Dante, Beatrice, indagasse sulla morte del padre, grazie ad un codice lasciato su nove fogli di pergamena. Come giustifica la presenza del verosimile nel vero storico?

In quel caso è un solo personaggio, l’ex-templare Bernard, a credere di aver trovato la chiave d’accesso a un messaggio in codice nel poema di Dante. La figlia di Dante si limita a ricavarne le istruzioni su dove trovare gli ultimi canti del poema nascosti dal padre prima di morire (secondo la narrazione del Boccaccio). Il fatto però è che, applicando le regole di Bernard, il messaggio cifrato viene fuori davvero dai versi della "Divina Commedia". La cosa potrebbe essere casuale, e io stesso non sapevo cosa pensare. A differenza di Dan Brown, tuttavia, non ho voluto costruire alcun teorema su questo che resta comunque un enigma; mi sono limitato ad attribuirne la decifrazione a un personaggio e a lasciare in ombra ciò che tale personaggio crede d’aver trovato alla fine della sua ricerca. In questo modo la verosimiglianza è salva, non si è costretti a pensare che Dante avesse nascosto messaggi segreti nel suo poema, anche se si è indotti a sospettarlo. Il vero storico non ne esce alterato o forzato: e nel finale del romanzo, con la crisi del Trecento, i fallimenti delle banche e la peste, la storia si prende una bella rivincita su Bernard e sul tipo di letteratura che lui in qualche modo rappresenta.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Archie il ragazzo più famoso di Riverdale torna in una nuova serie di fumetti pubblicata da Edizioni BD

Archie è uscito da poco grazie alla casa editrice Edizioni BD, questa famosissima serie americana è stata inedita in Italia fino a quest’anno. Il nuovo rilancio di tutta l’edizione è opera della casa editrice Archie Comics che ha deciso di portare i protagonisti nel XXI secolo. Il team creativo chiamato in questa fa...

 

Tecniche di assassinio attraverso i secoli, il manga di Shintaro Kago per Edizioni 001

001 Edizioni porta in Italia “Tecniche di assassinio attraverso i secoli”, il sorprendente manga del visionario fumettista giapponese Shintaro Kago. “Tecniche di assassinio attraverso i secoli” presenta undici racconti che fotografano la violenza della società odierna attraverso uno stile, tanto narrativo quanto illu...

 

Knack 2, recensione videogame per PS4

Knack 2 è il videogioco ideato da Mark Cerny, progettista di PlayStation 4, e sviluppato da Japan Studio, il seguito di uno dei giochi di lancio del 2013 per PS4. Il primo capitolo, presentato come un’importante esclusiva per la line-up della console Sony, si presentò con evidenti problemi tecnici e nelle meccaniche, risultando ...

 

Imaginary Fiends, il ritorno di Tim Seeley all'horror grazie a Vertigo Comics

Vertigo Comics ha in serbo una nuova miniserie di sei numeri: “Imaginary Fiends” disponibile dal 15 novembre. Il fumetto presenta un imprinting fantascientifico con connotazioni decisamente horror. A scrivere la sceneggiatura è stato chiamato Tim Seeley (“Hack/Slash”), fumettista specializzato nel genere. I disegni so...

 

Predator vs Judge Dredd vs Aliens, in uscita il volume unico

“Predator vs Judge Dredd vs Aliens” è in uscita il 4 ottobre, la raccolta del fumetto inaugurato nell'estate del 2016. La miniserie è frutto della collaborazione di Dark Horse, IDW Publishing e 2000 AD. La trama vede Dredd, insieme al Giudice Anderson, raggiungere la periferia di Mega-City One, tra la Terra Maledetta e le...

 

Yakuza Kiwami, recensione videogame per PS4

Yakuza Kiwami è il remake di un videogioco uscito nel 2005 per PlayStation 2, l’esordio di una serie free roaming che è stata, per anni, l’erede spirituale dello storico Shenmue, capace di far rivivere l’atmosfera e l’essenza del gaming giapponese. Il rinnovato successo del brand, forte anche del prequel da poc...

 

DC Comics, Batman: White Knight: la redenzione del Joker immaginata da Sean Murphy

Joker si guadagna una nuova serie targata DC Comics. Parliamo di “Batman: White Knight”, il cui primo numero è in uscita il 4 ottobre. È Sean Gordon Murphy a firmare questa nuova avventura con protagonista il super villain più carismatico, enigmatico e tormentato di Gotham City. La trama ci presenta un "allora" Jok...

 

Harbinger Wars 2 il nuovo fumetto della Valiant uscirà nella primavera del 2018

Harbinger è il fumetto della Valiant pubblicato per la prima volta nel 1992 e negli anni, grazie al grande numero di lettori che lo ha iniziato a seguire, sono state fatte diverse serie fino ad arrivare al film “Harbinger Wars”. Inizialmente i primi fumetti di Harbinger erano stati creati dallo scrittore Jim Shooter e disegnati d...

 

Intervista a Giovanni Timpano disegnatore di comics tra i suoi ultimi lavori troviamo The Shadow/Batman

Giovanni Timpano è un eccellente disegnatore di fumetti che rivolge la sua arte soprattutto al mercato americano. Uno dei suoi ultimi lavori è la serie regolare in sei numeri “The Shadow/Batman”, realizzata insieme a Steve Orlando. Per la Image Comics ha disegnato il fumetto “Eclipse” insieme all’autore Z...

 

Destiny 2, recensione videogame per PS4 e Xbox One

Destiny 2 è uno sparatutto online sviluppato da Bungie, autori della storica saga di Halo, e pubblicato da Activision Blizzard, su PS4 e Xbox One. Destiny 2 è il seguito di un ottimo primo capitolo, che ha gettato le basi di una complessa struttura online, fatta di missioni in cooperativa, assalti ed incursioni, sviluppatasi nel tempo...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni