Oscar 2022, vince ‘CODA - I segni del cuore’, ‘Drive My Car' è il miglior film straniero

Cinema / Approfondimenti - 28 March 2022 10:00

CODA - I segni del cuore è un remake de La famiglia Bélier

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Alla cerimonia degli Oscar 2022 - che si è tenuta stanotte al Dolly Theatre di Los Angeels - vince CODA - I segni del cuore come miglior film, e l’interprete Troy Kotsur ottiene il premio come attore non protagonista. Il film vince anche per la migliore sceneggiatura adattata, di Siân Heder. La produzione è di Philippe Rousselet, Fabrice Gianfermi e Patrick Wachsberger, per la regia della stessa  Heder: i primi due produttori hanno anche prodotto La famiglia Bélier, da cui il film è tratto.


Academy Awards,  Oscar 2022 - immagini

Il miglior attore è Will Smith per King Richard; Jessica Chastain ottiene il premio come attrice per The Eyes of Tammy Faye, e la pellicola si aggiudica anche il premio per il make-up (Linda Dowds, Stephanie Ingram e Justin Raleigh). Ariana Debose vince come interprete con protagonista per West Side Story

Il premio alla regia e al film straniero

La migliore regia è di Jane Campion  per The Power Of The Dog; il film straniero vincitore è il giapponese Drive My Car. La sceneggiatura originale vincitrice è di Belfast, scritta da Kenneth Branagh. 

Per il film d’animazione vince Encanto (Jared Bush, Byron Howard, Yvett Merino e Clark Spencer). Dune ottiene i premi per la fotografia (Greig Fraser), montaggio (Joe Walker), musica (Hans Zimmer), scenografia (Patrice Vermette, Zsuzsanna Sipos), suono (Mac Ruth, Mark Mangini, Theo Green, Doug Hemphill e Ron Bartlett), effetti speciali (Paul Lambert, Tristan Myles, Brian Connor, Gerd Nefzer).

Il miglior documentario è Summer ff Soul (...or, When The Revolution Could Not Be Televised), con Ahmir "Questlove" Thompson, Joseph Patel, Robert Fyvolent e David Dinerstein; il documentario breve è The Queen Of Basketball di Ben Proudfoot.


Cruella ottiene il premio per i costumi (Jenny Beavan), No Time To Die per la canzone (Billie Eilish e Finneas O’Connell). Il miglior cortometraggio animato è The Windshield Wiper di Alberto Mielgo e Leo Sanchez, quello live-action è The Long Goodbye di Aneil Karia e Riz Ahmed.

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon