Intervista all'attrice Yasmine Al Massri, interprete del film Refugee candidato all'Oscar

Cinema / Intervista - 09 November 2020 08:30

Yasmine Al Massri ha lavorato alla serie tv Castelvania, in streaming su Netflix

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Hai lavorato a Miral di Julian Schnabel, con Vanessa Redgrave, Hiam Abbass, Freida Pinto e Willem Dafoe. Com'è stata l'esperienza?

È uno dei momenti salienti di tutta la mia carriera, dopo Caramel che è stato realizzato dalla mia amica Nadine Labaki. Julian Schnabel - che sono orgoglioso di chiamare anche lui amico - è un artista straordinario, una delle pochissime persone a Hollywood che vede il cinema come un'arte. Ho imparato molto su di me come attrice lavorando a Miral, e come donna. Ero molto giovane e inesperta, ed ero acerba, inconsapevole di cosa significasse stare su un set hollywoodiano. Julian non mi ha mai fatto sentire il bisogno di uscire da ciò che sono e dalla mia crudezza per dare brillantezza alla mia performance. Credo che sia stata e sarà sempre la cosa migliore nel lavorare con lui. Mi ha lasciato essere me stessa, usare i miei strumenti come ballerina per arrivare alle emozioni dei miei personaggi. Vorrei aver incontrato Vanessa Redgrave. Lei è un modello per me come donna, e un'attivista dei diritti umani, provenendo da un'epoca in cui alle donne di Hollywood non era permesso avere un'opinione politica su nulla più della loro moda. Vanessa era un po' malata quando ha girato Miral, così è stata portata a Gerusalemme. Speriamo di incontrarci presto.

2 di 3

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon