Recensione film The Equalizer 2 - Senza perdono con Denzel Washington

Cinema / Recensione - 12 September 2018 08:00

In sala dal 13 settembre per Warner Bros Italia.

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Non è piaciuto particolarmente alla critica statunitense, tuttavia il sequel di Equalizer ha già incassato oltre 173 milioni di dollari al box office, a fronte di un budget stimato intorno ai sessanta milioni di dollari.

Film The Equalizer 2 - Senza perdono

The Equalizer 2 – Senza perdono vede il ritorno di Denzel Washington nei panni dell'ex agente segreto Robert McCall. Anche Antoine Fuqua torna dietro alla macchina da presa per questo action ispirato alla serie televisiva Un giustiziere a New York, prodotta dal 1985 al 1989 e trasmessa dal network CBS.

McCall conduce la sua vita lontano dai riflettori. Impiegato come autista, prende a cuore le disgrazie dei passeggeri che salgono a bordo della sua auto. Se può essere utile, non si tira indietro. Una donna aggredita o una vittima, ormai anziana, dell'Olocausto in cerca di un prezioso quadro di sua proprietà: McCall è amico dei più deboli.

Il nostro giustiziere solitario, nel frattempo, ha anche raggiunto la capitale della Turchia per trarre in salvo una bambina rapita.
Il plot principale del film prende piede quando l'amica Susan (Melissa Leo), insieme a un suo ex collaboratore (interpretato da Pedro Pascal), è chiamata a indagare su un caso di omicidio suicidio a Bruxelles. Le vittime sono una collega e la moglie. Tuttavia, Susan è attirata in una trappola. Muore dopo un'apparente rapina.

The Equalizer 2 non aggiunge niente al genere, ma Fuqua sa come confezionare un prodotto appetibile, secondo una formula ben collaudata. La performance di Denzel Washington, molto amato dal pubblico, non delude. Il carisma dell'attore vincitore di due Premi Oscar (Miglior attore non protagonista in Glory Uomini di gloria nel 1990 e Miglior attore protagonista in Training Day nel 2002), vale il successo al botteghino del film.

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon