Jessica Jones 2, la recensione della première

Tv / Recensione - 04 March 2018 13:00

Le avventure dell'eroina misantropa e alcolista interpretata da Krysten Ritter proseguono con una nuova stagione.

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Jessica Jones 2, la serie tv sull'eroina dell'universo Marvel, tornerà il prossimo 8 marzo con gli episodi della nuova stagione. La première della nuova stagione, vista in anteprima per voi, ha svelato quale sarà il tema portante: la voglia di scavare in profondità alla ricerca del proprio passato e di chi l'ha dotata di superpoteri contro la sua volontà. La puntata si apre con Jessica che, dopo aver ucciso a mani nude la sua nemesi Kilgrave, ha aperto un'agenzia di investigazioni che fa fatica a prendere piede, sia per la mancanza di clienti che per il suo scarso entusiasmo nel lavoro. La giovane è però tormentata dal senso di colpa per l'omicidio compiuto e viene additata in tutta New York come una persona violenta e sanguinaria, più che come un'eroina, spingendola a rifugiarsi nell'alcool. L'insistenza della sua amica Trish Walker nell'esortarla a fare ricerche sulla sua famiglia e sul suo passato non aiuta affatto il suo umore.
Serie tv Jessica Jones

Due fattori la spingono a cambiare idea: la pressione del capo di un'agenzia investigativa concorrente che spinge per farla lavorare con loro e uno dei giovani clienti, un ragazzo evidentemente disturbato e in stato confusionale che sostiene di avere dei superpoteri come lei e che vi siano delle persone sconosciute che stanno cercando di ucciderlo. Quando il giovane le dimostra di possedere effettivamente una velocità sovrumana prima di morire in un incidente sospetto, Jessica si convince che qualcosa di molto losco è in agguato e decide di tornare a usare i propri poteri per venire a capo dei misteri che la circondano fin da quando era in fasce. Nelle puntate successive sapremo se la sua nemesi è ancora viva e se la sua amica Trish tradirà Jessica pur di avere successo nel lavoro, ma soprattutto approfondiremo la storia della protagonista verso il climax del suo arco narrativo.

Quando si parla di Jessica Jones 2, la prima considerazione da fare è che stiamo parlando di un'icona femminile pop a tutti gli effetti: sebbene la sceneggiatura sia stata scritta prima dell'esplosione dello scandalo Weinstein, il fatto che il cattivo Kilgrave sia un abile manipolatore ai danni di donne rende lo show quantomai attuale, senza contare che nella serie si affrontano anche i temi dello stupro e del disturbo post-traumatico da stress. Jessica è splendidamente interpretata da Krysten Ritter, efficace nel comunicare la rabbia e la frustrazione dell'istrionica protagonista, inizialmente restia ad adempiere al compito che le è stato assegnato. Da notare il tocco neo-noir che pervade l'episodio senza mai apparire troppo invasivo: un omaggio all'epoca d'oro dei fumetti, probabilmente.

© Riproduzione riservata



Focus
img-news.png

Jessica Jones Serie Tv

Serie Tv Jessica Jones con protagonista Krysten RitterLeggi tutto


Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon