Quentin Tarantino: la critica apprezza il nuovo film Once Upon a Time in Hollywood

Cinema / News - 22 May 2019 08:55

A Cannes sono presenti Margot Robbie, Leonardo DiCaprio e Brad Pitt per presentare Once Upon a Time in Hollywood.

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Il film Once Upon a Time in Hollywood di Quentin Tarantino è stato presentato ieri al Festival di Cannes. La critica ha apprezzato il film in maniera pressoché unanime.

Per il The Guardian si evince la “folle bravura del film di Tarantino”, tanto che il film offre agli spettatori un lungo “momento di piacere”. 

Film Once Upon A Time In Hollywood

Per il The Guardian vi è una “tediosa tossicità che condurrà a mille pensieri (…) ma il brivido trasgressivo è innegabile, e l'arte è ipnotizzante”. Per Variety “DiCaprio e Pitt completano i loro ruoli con una convinzione così cruda da star del cinema che siamo felici di sederci  e vedere Tarantino spiegare questa storia in qualsiasi direzione voglia”. Per The Hollywood Reporter “è irregolare, ingombrante nella sua struttura e non privo di chiazze piatte. Ma è anche una lettera d'amore disarmante e sovversiva” (leggi l’intervista all’attore Robert Forster protagonista di Jackie Brown).

La trama del film di Tarantino Once Upon a Time in Hollywood

Per il The New York Times  “la vera scossa è quanto sia malinconica la storia; ciò è in parte (giustamente) dovuto agli omicidi, che pesano molto sul film in maniera ovvia”.


La trama ruota intorno ad un crimine, quello dell’assassinio dell’attrice Sharon Tate (Margot Robbie), moglie del regista Roman Polanski (Rafal Zawierucha) e incinta all’ottavo mese di gravidanza. In maniera parallela si segue la stria di Rick Dalton (Leonardo DiCaprio), una star televisiva sull'orlo del fallimento, e che trascorre gran parte del suo tempo con Cliff Booth (Brad Pitt), il suo migliore amico e spesso  controfigura. 


© Riproduzione riservata



Focus
img-news.png

Quentin Tarantino

Quentin Tarantino, atteso sul set del film Kill Bill: Vol. 3 e Django/ZorroLeggi tutto

Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon